in

Addio Chris Bailey, mitico cantante dei santi

Primi punk, australiani I Saints furono snobbati dalla Londra alla moda nel 1977. Ma la voce cruda e onesta di Chris Bailey è sopravvissuta agli anni, con la sua band o l’assolo. Morì il 9 aprile all’età di 65 anni.

Non avevano l’aspetto, con i loro pantaloni fluenti e i capelli lunghi, ma avevano sicuramente il suono. E questo è il più importante. Ad esempio, Jim Reid, di Jesus and Mary Chain, ha parlato dei santi essenziali, punk originari dell’Australia che, nel 1976, hanno dato vita a uno dei primissimi standard a suonare la rivoluzione estetica del punk rock. La canzone è stata chiamata sono bloccato, fuoco lo-fi degno dei migliori Stooges, con il suo riff feroce (Ed Kuepper) e un vero vocalist con un potenziale cantilenante, sia irritabile che disilluso. Chris Bailey, quella voce, è morto all’età di 65 anni, lasciando dietro di sé più di un titolo importante. La sua solida discografia si estende discretamente per quasi quarant’anni.

Ma mentre il cantante ha perpetuato il nome dei santi sul palco e sul disco, ha rapidamente abbandonato lo stile furioso e frenetico che li ha resi famosi tra gli addetti ai lavori per passare a un rock più classico, con accenti di radici, quasi soul, di un romanzo epico portato dal suo tono toccante e crudo. Non a caso, Bruce Springsteen ha voluto rendere omaggio al lavoro di questo artista un po’ maledetto rispettando il magnifico Proprio come farebbe il fuoco (1987), nel suo album Alte aspettative nel 2014.

Come per altri, il successo iniziale dei santi si basava su un malinteso. Il movimento punk ha permesso a qualsiasi artista che si staccasse dai bastioni che caratterizzarono il rock a metà degli anni ’70 di azzerare l’orologio e tornare al suono grezzo e spezzato di un rock ‘n’ roll più autentico. . E questo sia per etica che per necessità. Formatisi a Brisbane sotto l’influenza di Can, Mott the Hoople o Hawkwind, molto più dei Beatles, i Saints erano spinti dal desiderio di scuotere le cose, sconvolgere. Cosa faranno, anche oltre le loro aspettative. Perché quando sbarcarono a Londra nel 1977, il loro aspetto e le loro origini incontrarono il disprezzo di alcuni media e della confraternita punk. Sono visti come dei redneck opportunisti e senza sguardi.

amante del testo

Tanto che il loro eccellente secondo album, Tuo per sempre, è ampiamente snobbato, il fragoroso singolo, conosci il tuo prodotto, rhythm’n’blues supersonico portato da una frenetica sezione di ottoni, creando un forno incomprensibile. In poco tempo, il gruppo sradicato si disintegra, con Bailey e Kuepper che si allontanano. un terzo album, suoni preistorici, il proseguimento dell’apertura musicale del gruppo, meno fortunato perché ancora più avventuroso, segna la fine della prima era.

Mentre Ed Kuepper ha fondato The Aints, con cui a volte rivisita il repertorio del gruppo che ha co-fondato, Chris Bailey persegue la propria visione musicale degli anni 80. Rock d’autore, con accenti pop, di amante, un testo che trasmette emozione .promuove sull’esplosione, e che pubblica, a volte sotto il nome dei santi, a volte solo. Ma sempre con la stessa passione e la stessa voglia di vivere della sua arte, modestamente. Un’opera troppo riservata, riconosciuta e apprezzata in tutto il mondo da una community di fedelissimi. Perché la voce di Bailey, come quella di Nick Cave che lo ammirava, rimane una delle voci più vivide che il rock degli antipodi abbia prodotto.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Record di carriera, statistiche mai viste prima: Kevin Durant prende fuoco!

tra Russia e Occidente, le ambiguità di una parte del mondo