in

Amazon sfida la creazione della sua prima unione negli Stati Uniti

Il magazzino Amazon a Staten Island, New York, 25 ottobre 2021.

Falso inizio per il primo sindacato statunitense di Amazon. La società di Seattle sta contestando il voto su 1 . si è svolto in un magazzino di New Yorkehm April, e ha tempo fino a venerdì sera, 8 aprile per presentare le sue obiezioni al voto del magazzino di New York e il 22 aprile per presentare le sue prove.

Un totale di 8.325 dipendenti del magazzino JFK8, situato nel distretto di Staten Island, erano nelle liste elettorali. Chiamati a votare di persona dal 25 al 30 marzo per aderire o meno all’Amazon Labour Union (ALU), 4.852 lavoratori hanno votato nelle urne. Il sì ha vinto con 2.654 voti contro 2.131.

Leggi anche Amazon mobilita i lavoratori sui social network contro i sindacati

Secondo i documenti ufficiali depositati giovedì presso la Federal Labour Law Enforcement Agency (NLRB), Amazon ha chiesto più tempo per presentare obiezioni motivate al voto. In particolare, il colosso dell’e-commerce accusa gli attivisti dell’ALU “prepotente” personale.

“E’ assurdo”

Amazon vuole formulare diverse obiezioni nel suo appello. L’azienda ritiene che l’ALU: “Minacciato di costringere i dipendenti a votare sì”chi ha l’ALU “campagne con dipendenti in fila per votare” o lei ha “prepotente”e anche quello dei militanti dell’ALU “immigrati minacciati” aumentare il rischio che perdano “i loro vantaggi se non votassero per il sindacato”

“E’ assurdo”L’avvocato Eric Milner ha risposto a nome del sindacato. “I dipendenti hanno parlato e le loro voci sono state ascoltate. Amazon sceglie rallentare il processo per evitare l’inevitabile: la negoziazione di un contratto aziendale”

Leggi il rapporto: Articolo riservato ai nostri iscritti Ad Amazon, una lotta sindacale che potrebbe cambiare gli Stati Uniti

Il secondo più grande datore di lavoro negli Stati Uniti dopo Walmart (distribuzione), il gruppo è stato in grado di respingere i desideri dei dipendenti che cercavano di riorganizzarsi nel paese sin dal suo inizio nel 1994.

“Amazon ha speso milioni per consulenti anti-sindacali, Amazon ha tenuto riunioni obbligatorie, Amazon si è comportato in modo minaccioso, Amazon ha licenziato illegalmente i lavoratori per aver cercato di sindacalizzare”ha aggiunto Eric Milner.

Chiudere il voto in Alabama

La National Retail Union (RWDSU) rimprovera Amazon votando per unire un altro magazzino a Bessemer, in Alabama. La votazione è finita, ma il conteggio no: il no conduce con 993 voti, contro 875 sì, ma ci sono ancora 416 cosiddetti scrutini “discutibile”chi decide l’esito Un’audizione dovrebbe decidere nelle prossime settimane se queste schede debbano essere aperte e prese in considerazione. Poi ci possono essere altri rimedi.

Giovedì la RWDSU ha già presentato una serie di obiezioni all’NLRB sul comportamento di Amazon, che accusa di ingerenza. Ad esempio, secondo l’organizzazione, i dirigenti di Amazon hanno vietato le discussioni di voto nel magazzino, così come i volantini pro-sindacati nelle aree di sfogo, consentendo al contempo la letteratura anti-sindacale.

“Il datore di lavoro ha instillato confusione, coercizione e paura di rappresaglie sui dipendenti”afferma la RWDSU nel suo comunicato stampa.

Leggi anche Amazon: un video per scoraggiare la sindacalizzazione dei suoi dipendenti in Alabama

In Alabama, l’NLRB terrà un’udienza su questo appello sindacale. La votazione, svoltasi per lettera a marzo, è stata organizzata dopo l’annullamento di quella che un anno fa respingeva la creazione di un sindacato. L’agenzia federale aveva infatti stimato che Amazon avesse infranto le regole.

Le Monde e AFP

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Riconciliazione “storica” a Rabat tra Marocco e Spagna

Mercato | Mercato Mercato – PSG: Il colpo grosso Zinedine Zidane si fa più chiaro per il Qatar!