in

Azioni in calo prima dell’inflazione negli Stati Uniti – 04/12/2022 alle 07:40

IMPORTANTI BORSE DI STUDIO EUROPEE PREVISTE IN CADUTA

IMPORTANTI BORSE DI STUDIO EUROPEE PREVISTE IN CADUTA

di Laetitia Volga

PARIGI (Reuters) – Si prevede un calo dei principali mercati azionari europei all’apertura di martedì e i rendimenti dei titoli di Stato continuano a salire a causa dei timori di un’inflazione incontrollata che potrebbe portare a un’ulteriore stretta monetaria negli Stati Uniti.

Le prime indicazioni disponibili indicano un calo dello 0,93% per il CAC 40 di Parigi, dell’1,15% per il Dax di Francoforte, dello 0,74% per il FTSE di Londra e dell’1,01% per l’EuroStoxx 50.

Il tema dell’inflazione è fondamentale con l’avvicinarsi del rilascio dei dati mensili sui prezzi al consumo negli Stati Uniti (12:30 GMT), un’ulteriore accelerazione della quale potrebbe confermare la Federal Reserve in uno scenario di stretta monetaria più pronunciata del previsto.

Il consenso di Reuters prevede che i prezzi al consumo negli Stati Uniti aumenteranno dell’8,4% su base annua a marzo, che sarebbe il più grande aumento dell’indice dal gennaio 1982.

“Siamo stati piuttosto aggressivi in ​​termini di rialzi dei tassi negli Stati Uniti e pensiamo che non sia solo l’entità della stretta monetaria, ma il ritmo che influenzerà gli investitori”, ha detto Elizabeth Tian a Reuters, capo della gestione obbligazionaria di Citigroup. .

“I mercati azionari sono stati molto forti… ma ci aspettiamo che la riunione della Fed di maggio si traduca in un annuncio di allentamento e in quel momento potremmo vedere la volatilità delle azioni in aumento”, ha aggiunto.

A WALL STREET

La Borsa di New York ha chiuso in ribasso lunedì poiché il continuo aumento dei rendimenti obbligazionari ha pesato sui principali titoli in crescita.

L’indice Dow Jones è sceso dell’1,19% a 34.308,08 punti, l’S&P 500 ha perso l’1,68% a 4.412,83 punti e il Nasdaq Composite è sceso del 2,18% a 13.411,96 punti.

I futures attualmente suggeriscono un calo dello 0,4% in apertura.

IN ASIA

Alla Borsa di Tokyo, il Nikkei è sceso dell’1,87% al minimo di quattro settimane, poiché i titoli tecnologici, i pesi massimi dell’indice, sono caduti sulla scia della sessione negativa di Wall Street.

Koichi Kurose, capo stratega di Resona Asset Management, ha sottolineato che anche le preoccupazioni per il blocco cinese del COVID-19 e l’aumento dei prezzi delle materie prime hanno influenzato la tendenza.

In Cina, il CSI 300 a grande capitalizzazione e l’indice Shanghai SSE hanno perso rispettivamente lo 0,48% e lo 0,76% a causa della situazione sanitaria nel Paese, dove il numero di nuovi casi di infezione da SARS-CoV coronavirus -2 è salito a 1.272 su Lunedì, 88 casi in più rispetto al giorno precedente.

VOTA

Sul mercato obbligazionario, il rendimento del Tesoro decennale è salito di quasi quattro punti base a 2,8243% dopo aver raggiunto il livello più alto da dicembre 2018 di 2,8360%.

I CAMBIAMENTI

Le variazioni nel mercato dei cambi sono state contenute, con il dollaro che ha guadagnato lo 0,09% contro un paniere di valute di riferimento per la nona sessione di guadagni consecutivi sulle aspettative di un rialzo dei tassi della Fed.

L’euro ha perso terreno, intorno a 1,0875 dollari, dopo essere stato sostenuto il giorno prima dai risultati del primo turno delle elezioni presidenziali in Francia.

IL PETROLIO

I prezzi del petrolio sono aumentati, cancellando alcune delle perdite del giorno precedente poiché il mercato ha pesato sulla possibilità di sanzioni contro il settore energetico russo e l’OPEC ha avvertito che non sarebbe in grado di compensare la perdita di greggio russo.

Il Brent ha guadagnato l’1,66% a $ 100,11 al barile e il light crude statunitense (West Texas Intermediate, WTI) ha guadagnato l’1,79% a $ 95,98.

Lunedì, entrambi hanno perso circa il 4% tra i timori della domanda a causa della crisi sanitaria cinese.

(Laetitia Volga, a cura di Bertrand Boucey)

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Guerra in Ucraina: sei spie russe smascherate dalla DGSI vengono espulse dalla Francia

L’Assemblea dei giocatori si concentra sulla famiglia