in

Boris Johnson multato per aver festeggiato a Downing Street

INTERNAZIONALE – Boris Johnson superato da Partygate. Il primo ministro britannico sarà multato nell’ambito delle indagini sui partiti clandestini organizzati a Downing Street durante gli arresti, ha annunciato martedì 12 aprile un portavoce della residenza ufficiale del capo del governo britannico.

Anche il suo ministro delle finanze Rishi Sunak, che è in subbuglio con la moglie dall’inizio di aprile per il suo regime fiscale favorevole, sarà multato, ha detto Downing Street.

“Boris Johnson e Rishi Sunak hanno ripetutamente infranto la legge e mentito al popolo britannico”, ha twittato il leader dell’opposizione Keir Starmer dopo l’annuncio delle sanzioni. Dovrebbero entrambi dimettersi.” Ha anche stabilito che “i conservatori sono incapaci di governare” e che “la Gran Bretagna merita di meglio”.

La polizia, dal canto suo, non aveva specificato chi fossero i bersagli o quali eventi fossero coinvolti, mentre le rivelazioni degli ultimi mesi sono state legate ai drink d’addio, alle feste di compleanno o ad altre serate durante i successivi arresti imposti per due anni.

50 multe inflitte dalla polizia

“Stiamo facendo tutto il possibile per portare avanti rapidamente questa indagine, il che significa continuare a esaminare quantità significative di materiale”, ha aggiunto la polizia metropolitana di Londra, segnalando la possibilità che vengano emesse ulteriori sanzioni.

La polizia britannica ha annunciato di aver inflitto più di 50 multe per violazioni delle regole anti-Covid contro partiti organizzati nei circoli del potere. Scotland Yard aveva già inflitto le prime 20 multe a fine marzo.

Questo scandalo del partito clandestino aveva fatto precipitare Boris Johnson in una crisi senza precedenti, che aveva trionfato al potere nel luglio 2019 e godeva di una popolarità duratura.

Il leader conservatore, visto a gennaio come un rinvio dei pagamenti alla luce della defezione della sua maggioranza, sembra aver superato la crisi, in particolare propagandando il suo ruolo di leader nelle sanzioni imposte alla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina.

Vedi anche su L’HuffPost: PartyGate: Boris Johnson si scusa


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Elisabetta II: questa enorme annusata a Meghan e Harry che nessuno ha visto arrivare

Renault prevede di trasferire la produzione di Alpine A110 in Inghilterra