in

CAPISCE TUTTO – Perché la Francia espelle 35 diplomatici russi?

Questo approccio, coordinato con altri paesi europei, è rivolto ai membri del personale diplomatico russo sospettati di attività di spionaggio.

Lunedì il ministero degli Esteri francese ha annunciato l’espulsione di “molto personale russo con status diplomatico assegnato alla Francia”. Poiché l’invasione russa dell’Ucraina continua per più di un mese dopo il suo lancio da parte di Mosca, e poiché le cancellerie occidentali hanno condannato all’unanimità gli abusi a Boutcha questo fine settimana, il Quai d’Orsay giustifica questa mossa con attività “contrari ai nostri interessi di sicurezza”. dagli interessati.

Secondo le informazioni di BFMTV, 35 membri dell’ambasciata russa in Francia dovranno lasciare la Francia. Si tratta dell’espulsione più significativa di diplomatici russi dai tempi dell’Affare Addio, che nel 1983 aveva permesso, grazie al doppiogiochista sovietico Vladimir Vetrov, di designare come spie 40 membri dell’ambasciata sovietica a Parigi.

Tuttavia, l’iniziativa francese non è isolata. Prima di Parigi, molti paesi europei hanno effettuato sgomberi simili. Il 23 marzo, la Polonia ha espulso 45 “spie russe che si spacciavano per diplomatici”. Questo lunedì, secondo le informazioni dell’AFP, la Germania ha anche designato 40 membri dell’ambasciata russa a Berlino come “persona non grata”.

• Per quali motivi vengono deportati questi 35 diplomatici?

Nel suo comunicato, il Quai d’Orsay resta nel vago sui motivi che giustificano l’espulsione dei 35 diplomatici russi. L’elenco delle persone colpite non è stato pubblicato.

“Rimaniamo molto diplomatici nel comunicato stampa per spiegare che questi 35 diplomatici erano ‘contrari agli interessi di sicurezza’. Il che significa che sono spie, molto semplici. Ci sono diversi modi per fare spionaggio. Possiamo origliare, cose illegali ma anche disinformazione, ” spiega Patrick Sauce, editorialista politico internazionale di BFMTV.

Le dichiarazioni del ministro degli Esteri tedesco supportano questa affermazione. Annalena Baerbock ha affermato che i diplomatici sfrattati lunedì dall’ambasciata russa a Berlino “hanno rappresentato una minaccia per coloro che cercano protezione da noi”, ovvero i rifugiati ucraini.

Dall’inizio dell’offensiva russa in Ucraina, l’account Twitter dell’ambasciata russa in Francia pubblica molteplici dichiarazioni false o inesatte sul conflitto in Ucraina. Di recente l’ambasciata si è distinta per la pubblicazione di vignette d’Europa che leccano le natiche dello zio Sam, etichettate come “inaccettabili” da Emmanuel Macron.

Accuse di spionaggio che non sorprendono Sylvie Bermann, consigliere diplomatico di BFMTV e ambasciatore francese in Russia dal 2017 al 2019.

“Generalmente espulsiamo le spie dal Paese, perché è la grande tradizione del KGB. Le ambasciate russe hanno molto più personale delle nostre ambasciate. Molte di loro sono nel GRU (il servizio di intelligence militare russo, ndr) o in qualsiasi altro servizio”, ha dichiarato su BFMTV.

• Perché questi diplomatici sospettati di spionaggio non sono stati espulsi prima?

Questo valzer di sfratti arriva dopo un fine settimana segnato dall’esposizione degli abusi contro i civili a Boutcha. Joe Biden, come Emmanuel Macron, ha indicato che il presidente Vladimir Putin deve rispondere alla giustizia internazionale per queste accuse.

Tuttavia, l’espulsione dei 35 diplomatici russi di stanza a Parigi non è una risposta diretta alle atrocità commesse in questo comune alla periferia di Kiev. Questo annuncio “è stato davvero l’ultimo passo, ma dovresti sapere che questa lista è stata preparata da diversi giorni”, sottolinea Patrick Sauce.

“È uno dei più difficili. Questo vale anche per le ambasciate degli Stati Uniti e della Germania. Sappiamo che c’è un certo numero di persone che sono membri dei servizi esteri, o sono così porose da partecipare all’intelligence missioni”, afferma Floran Vadillo, presidente del think tank L’Hétairie. “Il gioco è più o meno tenere d’occhio i fatti di questi agenti”.

Ciononostante si è detto “molto sorpreso dalla natura molto tardiva” degli sfratti da parte di alcuni paesi europei.

• Su quale testo giuridico si basa questo approccio?

Dal punto di vista giuridico, il personale diplomatico presente a Parigi gode di un’immunità legale riconosciuta a livello internazionale. Oltre al passaporto diplomatico, hanno un permesso di soggiorno speciale di tre anni, prorogabile per altri due anni.

Tuttavia, la Direzione del Protocollo di Stato e degli Eventi Diplomatici indica che “in caso di grave o reiterata inadempienza, il protocollo dovrà adottare diverse misure, dal semplice monito alla dichiarazione ‘persona non grata'”.

È quindi sulla base di “gravi e ripetuti fallimenti” che i 35 diplomatici russi vengono espulsi dal Paese.

• Come avverrà la partenza dei diplomatici dal territorio francese?

Come rivelato da BFMTV, l’ambasciatore russo in Francia Alexei Meshkov sarà convocato questo martedì dal Quai d’Orsay per essere informato da un membro del ministero della lista degli espulsi.

Su BFMTV, l’ex ambasciatrice Sylvie Bermann ha risposto alla sua chiamata dal ministero degli Esteri russo, mentre era di stanza a Mosca, per informarla delle dimissioni di quattro diplomatici francesi. Dare uno sguardo all’interno di questa procedura diplomatica codificata.

“Sono stato convocato dal Direttore Generale per gli Affari Europei, che mi ha detto: ‘Qui una tale persona in una tale posizione ha attività che non sono conformi al suo status diplomatico. (…) Hai otto giorni per fate le valigie, li ho chiamati in macchina per avvisarli, perché ci sono conti in banca da chiudere, i bambini vanno a scuola…” ha affermato.

Un diplomatico “non grata” ha una settimana per lasciare la Francia. Mantiene il suo status diplomatico, ma gli è impossibile chiedere asilo in territorio francese. La Russia deve richiamare l’interessato nel proprio territorio e assicurarsi che la sua partenza sia effettiva. Se quest’ultimo non accade, la Francia può espellere il diplomatico come qualsiasi altro individuo.

• È un passaggio isolato dalla Francia?

Mentre l’Unione Europea annuncia questa settimana nuove sanzioni contro Mosca, l’espulsione dei 35 diplomatici russi fa parte di un approccio coordinato a livello europeo. Lunedì, giorno dell’annuncio francese, Berlino ha anche annunciato che avrebbe espulso dal Paese un gran numero di diplomatici.

Martedì, Italia e Danimarca hanno annunciato l’espulsione rispettivamente di 30 e 15 diplomatici russi. Il 29 marzo, il Belgio ha annunciato l’espulsione entro 15 giorni di 21 membri dell’ambasciata e del consolato russi, sospettati di essere coinvolti “in operazioni di spionaggio e influenza che minacciano la sicurezza nazionale”.

L’Irlanda dal canto suo ha espulso quattro diplomatici russi, la Bulgaria 11 e i tre paesi baltici 10.

• Che risposta puoi aspettarti da Mosca?

Finora, quando ha espulso i suoi diplomatici, la Russia ha applicato la teoria dello “specchio”. Ad esempio, se Berlino ha annunciato l’espulsione di 15 diplomatici russi, Mosca ha espulso 15 diplomatici tedeschi.

“Quello che hanno fatto finora è stato cacciare lo stesso numero di persone nelle stesse posizioni. Questa volta possiamo chiederci se avranno un’escalation, se colpiranno più duramente”, ha chiesto BFMTV Sylvie Bermann .

Le ultime dichiarazioni su Telegram di Dmitry Medvedev, ex presidente della Federazione Russa, non sono delle più rassicuranti. Ha detto: “Se continua così, sarà opportuno, come ho scritto il 26 febbraio, sbattere la porta delle ambasciate occidentali. Costerà meno per tutti. E poi finalmente ci guarderemo negli altri, senza ulteriori indugi”. , tramite il mirino”.

Dopo l’annuncio di lunedì dell’espulsione dei diplomatici russi da parte di Berlino, Mosca ha lamentato un approccio “ostile”, che “deteriorerebbe” le relazioni. Martedì il Cremlino ha denunciato la “mancanza di lungimiranza” dell’Europa.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

August Alsina pubblica una nuova canzone e allude all’affare Jada Pinkett Smith

la polizia ha chiuso il più grande mercato nero del mondo