in

Carlos Ghosn si confessa su TMC

Il canale del gruppo TF1 trasmette “Carlos Ghosn, The Last Flight”, un documentario che torna sul processo all’ex boss Nissan e Renault. Quest’ultimo testimonia davanti alle telecamere della sua storia e della sua incredibile fuga dal Giappone per raggiungere il Libano nel dicembre 2019.

Diretto da Nick Green, pluripremiato regista di documentari per miniserie come “Putin, la spia che divenne presidente” e “La casa di Assad”, il film presenta la testimonianza di Carlos Ghosn e quella di sua moglie Carole. Inframezzato da archivi sonori o immagini, l’opera dipinge un ritratto di questo boss che è stato elogiato per anni per aver salvato Nissan dalla bancarotta e aver stretto l’alleanza tra Renault e il produttore giapponese.

LEGGI ANCHE – Tutto sull’affare Carlos Ghosn

È stato premiato molte volte ed è apparso sulle copertine di tutte le riviste per il suo lavoro eccezionale e per i suoi risultati. È stato privato del paradiso con l’accusa di appropriazione indebita e uso improprio dei beni dell’azienda. I minuti di apertura del film iniziano con un ricordo: il suo arrivo in Giappone per quello che sarà il suo ultimo viaggio, quando l’ufficiale addetto ai passaporti dell’aeroporto, imbarazzato, gli dice che c’è un problema… preambolo al suo arresto: “Non ero sotto shock, non pensi, non provi niente. Ma cosa mi succederà?” Carlos Ghosn testimonia del suo primo arresto.

Un debito di 20 miliardi per Nissan

Ex laureato in Polytechnique a Parigi, cresciuto con i Gesuiti in Libano, è diventato direttore di fabbrica alla Michelin all’età di 27 anni e direttore delle operazioni in Brasile all’età di 31, sempre alla Michelin. Quando l’amministratore delegato della Renault Louis Schweitzer lo mandò in Giappone nel 1999 per gestire la partecipazione del produttore francese in Nissan, l’azienda giapponese era sull’orlo del fallimento e aveva 20 miliardi di euro di debiti. Dopo tre anni ripristinerà l’attività, eliminando il passaggio di 21.000 posti di lavoro. C’è voluto il coraggio per farlo. Nessuno pensava che fosse possibile. Ma nel periodo di massimo splendore di Ghosn, l’alleanza ha guadagnato 200 miliardi di dollari e ha impiegato 500.000 persone.

Ma ora Nissan sta cercando un modo per mantenerlo e non vuole vederlo andare alla concorrenza. E poi, la sua ambizione, il suo gusto per la regia, soprattutto in un reportage in Giappone, pubblicato su Partita di Parigidifficilmente vengono apprezzati da tutti, testimonia Louis Schweitzer, ex amministratore delegato di Renault: “Abbiamo avuto alcuni disaccordi, gli ho detto che era stupido e che non doveva essere lì Partita di Parigiun regista deve rimanere discreto

Una fuga in una scatola

Allo stesso modo, il suo stile di vita, le sue sei case nel mondo pagate da Renault e Nissan, le spese sostenute da Renault (630.000 euro) per festeggiare in pompa magna a Versailles, il 15° anniversario dell’alleanza e il suo compleanno con lui, si tocca. Il 19 novembre 2018 è stato arrestato. Il documentario segue il corso dell’accusa e ripercorre la sua prigionia. Takashi Yamashita, ex ministro della Giustizia del Giappone, spiega in modo molto fattuale, con un sorriso che nasconde a malapena l’ironia: “Certo, la sua cella era più piccola della sua villa in Libano e non gli era permesso bere champagne, ma la gente vuole sempre sfuggire ai crimini che ha commesso.Greg Kelly, l’ex assistente di Carlos Ghosn e presunto ideatore del caso, viene trascinato nel tumulto e anche lui accusato.

L’ex boss della Renault racconta nel dettaglio la sua fuga, il suo trasporto in una scatola di strumenti musicali. Un vero romanzo di spionaggio. Giustifica inoltre le accuse:È difficile semplificare le cose perché sembrano molto complicate. JNon ho ricevuto denaro, è difficile semplificare. Questa è stata la versione di rilascio che avrei ricevuto quando sono andato in pensione. Un caso che non finirà mai per il sistema giudiziario giapponese, che accusano Carlos Ghosn e sua moglie di aver condotto loro una vita infernale nel libro Sempre insieme (Ed. de l’Observatoire), che hanno scritto nel marzo 2021. Il documentario di Nick Green potrebbe mostrare l’uomo sotto una luce diversa, ma è sicuramente affascinante da guardare.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

La pronipote dello scrittore russo Tolstoj sceglie di accogliere i rifugiati ucraini

August Alsina pubblica una nuova canzone e allude all’affare Jada Pinkett Smith