in

Contro il Real Madrid, il piano quasi perfetto di Thomas Tuchel – Foot11.com

Chelsea e Thomas Tuchel sono andati vicino all’impresa e hanno rovesciato il Real Madrid sul loro prato dopo aver perso 3-1 all’andata a Stamford Bridge. Superiori in tutte le aree di gioco, i Blues hanno fallito molto vicino alla porta. Di più

Il Chelsea meritava di meglio

Un bel perdente. Ad esempio, siamo riusciti a qualificare il Chelsea dopo l’eliminazione nei quarti di finale di Champions League contro il Real Madrid. Tutto perché lo spettacolo dei Blues è stato magnifico nel secondo atto, al Santiago Bernabéu. Un po’ l’esatto opposto di quello che era successo una settimana prima a Stamford Bridge, dove gli uomini di Thomas Tuchel avevano preso l’acqua, sia in senso letterale che figurato.

Martedì sera abbiamo trovato Blues conquistatori, aggressivi, veloci nei passaggi e realistici. Ci è voluto un passaggio molto involontario di Timo Werner per Mason Mount per ingannare Thibaut Courtois con un tiro di destro. La prima pietra di un fiammifero perfettamente costruito, o quasi. Il Real era irriconoscibile, ma il Chelsea non era estraneo. Assolutamente dappertutto, il centrocampista londinese ha divorato il centrocampista del Madrid, grazie in particolare a un N’Golo Kanté delle grandi serate e un Mateo Kovačić al forno e al mulino. In attacco, Mason Mount, Kai Havertz ha pesato su una difesa merengue orfana di Militão, sospesa.

Mason Mount ha aperto le marcature per il Chelsea contro il Real Madrid nel ritorno dei quarti di finale di Champions League (iconsport)
Mason Mount ha aperto le marcature per il Chelsea contro il Real Madrid nel ritorno dei quarti di finale di Champions League (iconsport)

Questione di mani

È difficile dire quale squadra avrebbe meritato più qualifiche dato che ha il suo momento in questi 210 minuti di pura fortuna. Ma martedì sera non c’era nessuna foto. Inoltre, la svolta della partita è sicuramente il gol annullato di Marcos Alonso per una mano controversa dopo uno sfortunato rimbalzo allo stomaco.

Le mani, Thibaut Courtois aveva il diritto di usarle. E il belga è stato ancora una volta decisivo. Dopo aver visto Timo Werner segnare il terzo gol della partita, l’ex portiere del Chelsea ha effettuato una parata eccezionale su un colpo di testa di Kai Havertz. Da un potenziale 4-0 al 3-1 di Rodrygo in men che non si dica. Grazie Thibaut.

Tuchel vicino al traguardo

Il piano di gioco di Thomas Tuchel era perfetto. E se il Real Madrid è riuscito ancora una volta a uscire da una brutta partenza, il Chelsea ha poco di cui vergognarsi in questo secondo incontro. Karim Benzema, come spesso accade, ha riportato il Big Ben nel mezzo di Londra per riportare il Real alle semifinali di Champions League. Su una delle rare assenze difensive dei Blues al Santiago Bernabéu. Crudele.

Karim Benzema ha distrutto i sogni del Chelsea.  icona dello sport
Karim Benzema ha distrutto i sogni del Chelsea. icona dello sport

C’è da dire che durante il prolungamento c’è stata una mancanza di olio nel motore dei londinesi. Forceps, il Chelsea ha creato occasioni e avrebbe potuto crocifiggere il Real all’ultimo minuto grazie a Jorginho. Ma la sensazione che aveva era di aver perso la sua occasione. Soprattutto nel secondo tempo.

Tuttavia, è chiaro che il lavoro di Thomas Tuchel al Chelsea è stato un successo. In un club segnato dall’improvvisa partenza del titolare e da tutti i problemi interni che ne sono seguiti, il tedesco è riuscito ancora una volta a tirare fuori il meglio dai suoi giocatori. Una squadra collettiva, con le idee chiare, che il Real Madrid ci ha avvicinato per il secondo anno consecutivo. Il piano dell’ex parigino era quasi perfetto. Ma può lasciare la competizione a testa alta.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Elon Musk lancia un’acquisizione ostile su Twitter

Elden Ring: una mod trasforma il gioco in un classico gioco di ruolo degli anni ’90