in

Cosa sappiamo del lancio del missile intercontinentale Sarmat da parte della Russia?

Dopo il Kinjal, il SarmatL’esercito russo ha annunciato mercoledì 20 aprile i primi lanci di prova di successo del suo missile balistico intercontinentale Sarmat. Secondo il presidente russo Vladimir Putin, quest’arma è “proteggerà la Russia dalle minacce esterne e da coloro che proveranno a minacciare” [le] nazione”

In un video, il portavoce del ministero della Difesa russo ha affermato che il fuoco è avvenuto dalla rampa di lancio a Plesetsk, nella regione di Arkhangelsk, nella Russia nord-occidentale, e che il missile aveva raggiunto la zona militare di Koura in Kamchatka, a 5.000 km di distanza. Ecco cosa sappiamo sulle riprese e su quest’arma di nuova generazione a lunghissimo raggio.

Un missile balistico intercontinentale di quinta generazione

Soprannominato “Satan 2” dagli analisti, il missile ha il nome ufficiale RS-28 Sarmat. Cognome che prende dai Sarmati, popolo nomade che viveva anticamente intorno al Mar Nero, tra l’odierna Russia e l’Ucraina.

Il Sarmat, che pesa più di 200 tonnellate, dovrebbe essere più efficiente del suo predecessore, il Voïevoda, con un’autonomia di 11.000 km. Una volta lanciato, il razzo si alza in aria fino a lasciare l’atmosfera, a un’altitudine di oltre 100 km. Descrive una traiettoria a campana, prima di ricadere sul bersaglio.

Un singolo missile Sarmat può trasportare dieci testate. “Una singola testa può causare danni equivalenti a 500 kilotoni di tritolo”, sottolinea Héloïse Fayet, ricercatrice presso il Center for Security Studies dell’Istituto francese di relazioni internazionali (IFRI), intervistata da franceinfo. In confronto, la bomba atomica “Little Boy” lanciata dagli Stati Uniti su Hiroshima, in Giappone, nel 1945, aveva una resa stimata di 12 kilotoni.

Il Sarmat fa parte di una serie di missili di quinta generazione, presentati come: “invincibiledi Vladimir Putin nel 2018. Un anno dopo, il maestro del Cremlino affermò che il Sarmat no “praticamente nessun limite di portata” e che era in grado di farlo “bersagli target che attraversano il Polo Nord come il Polo Sud”† Secondo il leader russo, il missile è anche in grado di: “superare in astuzia tutti i moderni sistemi antiaerei”

“Tutte le caratteristiche tecniche di questo missile non sono ancora note in quanto si tratta di un programma in fase di sviluppo”.

Héloïse Fayet, ricercatrice presso Ifri

a franceinfo

Un missile riservato alla deterrenza nucleare

“I missili balistici intercontinentali non hanno vocazione per essere usati sul campo di battaglia. Il loro unico uso è la deterrenza nucleare”, insiste Héloïse Fayet. Questa strategia è impedire a un avversario di fare qualcosa che non vogliamo che faccia, convincendolo che subirà tanto – o anche più – danno che ci infliggerà. Secondo il ricercatore, il colpo di Sarmat serve principalmente per inviare un messaggio negli Stati Uniti.

“L’idea è di dire: ‘Se mi attacchi militarmente, ho la capacità di reagire con i miei missili’. Questo tipo di impiego e di risposta è fortemente governato dalla dottrina pubblica”.

Héloïse Fayet, ricercatrice presso Ifri

a franceinfo

La sparatoria era stata pianificata da tempo anche da Mosca e gli Stati Uniti erano stati avvertiti. Inoltre, il Pentagono ha assicurato che si trattava di un test che non ha funzionato “nessuna minaccia” per gli Stati Uniti o i suoi alleati.

Tuttavia, il saggio potrebbe avere un significato speciale nel contesto della guerra in Ucraina. “La Russia ricorda che è una potenza nucleare e mostra di avere un missile distruttivo. Sono comunicazioni, segnalazioni strategiche”, Analisi di Héloïse Fayet. Tuttavia, il ricercatore crede che “Anche se non ci fosse stata la guerra in Ucraina, la Russia avrebbe effettuato questa sparatoria” perché è un processo di routine per verificare le proprie capacità

Una ripresa incorniciata da trattati internazionali

L’uso dei missili balistici intercontinentali è regolato da trattati nucleari. In questo caso particolare si tratta del Trattato New Start, un accordo strategico sulla riduzione delle armi nucleari firmato tra Russia e Stati Uniti nel 2010.

Questo trattato limita gli arsenali delle due potenze nucleari a un massimo di 700 missili balistici intercontinentali ciascuno, 1.550 testate nucleari e 800 lanciatori, afferma il sito web del Dipartimento di Stato americano (link in inglese)† Comprende anche una serie di ispezioni reciproche dei siti militari e un avvertimento di processo.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Vita già migliore: riassunto della puntata di venerdì 22 aprile 2022 [SPOILERS] – Serie di notizie in TV

questo pacchetto da 60 GB è perfetto per non spendere soldi