in

cosa sta succedendo alla fabbrica Azovstal, ultimo rifugio dei soldati ucraini a Mariupol?

Un nome, una fabbrica e un simbolo. Azovstal, uno dei più grandi complessi metallurgici d’Europa, è ora l’ultima isola di resistenza a Mariupol, questa città dell’Ucraina sudorientale che l’esercito russo ha affermato di aver preso il controllo giovedì 21 aprile, dopo settimane di bombardamenti. La gigantesca zona industriale contiene 2000 soldati ucraini che non intendono consegnare le armi, ma anche “circa 1.000 civili, donne e bambini”. Franceinfo fa il punto su questo sito industriale la cui caduta consentirebbe al Cremlino di stabilire definitivamente il collegamento tra la Crimea, annessa nel 2014, e il Donbass, dove l’esercito russo sta attualmente concentrando le sue forze.

>> Segui in diretta le ultime informazioni sulla situazione in Ucraina

qual è la fabbrica? Azovstal

Si tratta di un gigantesco stabilimento metallurgico, uno dei più grandi d’Europa, che si estende per oltre 12 chilometri quadrati. Il complesso èt così grande da essere visibile da tutti i lati della città portuale di Mariupol. Inaugurato nel 1933, Azovstal è ora di proprietà del gruppo Metinvest, gestito dall’uomo più ricco dell’Ucraina, Rinat Akhmetov.

Posizione geografica dello stabilimento Azovstal di Mariupol (Ucraina).  (ELLEN LOZON / INFO FRANCIA)

Nel 2020 la fabbrica ha impiegato 10.700 persone. Prima dell’inizio della guerra, Ogni anno vengono prodotti 5,7 milioni di tonnellate di ferro, 6,2 milioni di tonnellate di acciaio e 4,7 milioni di tonnellate di laminati, secondo quanto riportato dal sito web dell’azienda. Marioupol crebbe intorno al complesso metallurgico per ospitare le decine di migliaia di famiglie di operai, segnala Mediapart. Confina quasi con un altro enorme sito metallurgico, la mietitrebbia Illitch, che è stata praticamente distrutta all’inizio di aprile. Questi due insiemi di fabbriche coprono quasi un terzo dell’area della città.

“Azovstal e Illich erano il cuore economico di Mariupol, testimonia franceinfo Armineh, originario della città, oggi rifugiato in Francia. Quasi ogni famiglia aveva almeno un lavoratore in queste fabbriche. Io stesso ho lavorato per Azovstal come traduttore per tre o quattro anni. L’intera città viveva al ritmo di queste fabbriche. Forse più avanti troverò informazioni su molti dei conoscenti che erano lì.

Qual è la situazione dentro e intorno alla fabbrica?

Le autorità ucraine e russe sembrano concordare sulla cifra: circa 2.000 combattenti ucraini si sono rifugiati in questa fabbrica nelle ultime settimane. Di solito sono membri del Battaglione Azov, questo gruppo paramilitare che prende il nome dal Mar d’Azov e che fa ora parte delle forze armate ucraine istituzionalizzate. Accanto a loro i membri del 36° brigata navale che qui si ritirò dopo aver difeso la città. Ultimo ma non meno importante, “mercenari stranieri” sarebbe presente anche l’esercito russo. Tra i soldati ucraini 500 sarebbero feriti”ha scritto giovedì Iryna Verechchukil vice primo ministro ucraino, su Telegram.

Di fronte a loro, centinaia di soldati russi circondano il complesso. SSu BFMTV, Sergiy Taruta, deputato ucraino ed ex dipendente dell’Azovstal, ha presentato la cifra di 14.000 soldati russi. Il Cremlino non ha fornito dettagli.

Ci sono anche i civili?

Sì. Secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, oltre ai militari, “un migliaio di civili, donne e bambini” e “centinaia di feriti” si rifugiò in questa fabbrica. Lunedì, il comandante di battaglione Azov ha chiamato Denis Prokopenko per chiedere aiuto trasmettendo un video in cui testimoniano donne e bambini che affermano di vivere da settimane in questi rifugi.

In un’intervista su Washington Post), comandante della 36a brigata della marina nazionale ucraina detto che il sito è oggi isolato dal resto del mondo e da chiunque cerchi di sopravvivere con le risorse disponibili. “Risparmiamo acqua, ci sosteniamo a vicenda, ci aiutiamo a vicenda il più possibiledettagliato Serguiy Volyna. dNel seminterrato la gente langue. Non ci sono droghe”. lPreoccupato anche il vicesindaco di Mariupol. “Gli manca tutto”assicura la BBC (articolo in inglese) Sergei Orlov. Mancano di acqua, cibo, medicine, aiuto. E la Russia sta bloccando tutto, tutti gli aiuti umanitari e le evacuazioni”.

Questa non è la prima volta che la metropolitana di Acosì come rifugi. Già nel 2014, quando i separatisti filo-russi hanno lanciato un attacco a Mariupol, i residenti della città si sono nascosti lì. Da allora abbiamo mantenuto questi bunker in buone condizioni, c’è acqua e cibo per tre settimane. spiegare a New York Times (articolo in inglese), uno dei portavoce del gruppo Metinvest. Le forniture complete possono durare tre settimane con 4.000 persone all’interno, dice.

Qual è la situazione militare?

Vladimir Putin ha assicurato giovedì che i suoi soldati avevano preso il controllo di Mariupol. Ma alla fine non si trattava di un assalto alla fabbrica di Azovstal. “Ordino di cancellarloha detto giovedì durante un incontro con il suo ministro della Difesa, Sergei Shoigu, trasmesso dalla televisione russa. dobbiamo pensare Per la vita e la salute dei nostri soldati e ufficiali, non dobbiamo entrare in queste catacombe e strisciare sottoterra”.

“Prenditi cura di tutta questa zona in modo che nessuna mosca possa passare.”

Vladimir Poutine

alla televisione russa

“La strategia dell’esercito russo è molto semplice, decodifica per franceinfo Carole Grimaud-Potter, specialista in Russia e insegnante di geopolitica. Stati Uniti d’Americaè la sedia: ‘Noi siamo fuori, loro sono dentro, noi stiamo aspettando'”.

Perché entrare nel sito Azovstal non è così facile. È costituito da ampi tunnel che trasportano materiale e minerali ai vari siti di produzione durante i normali orari. Questi dungeon complicano l’attacco russo. “Come immagini la zona industriale? È una città nella città e ci sono diversi piani sotterranei del periodo sovietico. Non puoi bombardare dall’alto, devi pulire il sottosuolo. Ci vuole tempo”.a fine marzo ha ammesso Eduard Basurin, il rappresentante delle forze separatiste filo-russe a Donetsk. Alcune fonti evocano così più di 20 chilometri di corridoi nelle cantine, fino a 30 metri di profondità.

L’ingresso nei tunnel è riservato alle truppe russe “impossibile”ha confermato Alexander Grinberg, analista del Jerusalem Institute for Security and Strategy (JISS). Lei “Forse prova a farlo, ma verranno massacrati perché i difensori del tunnel hanno il vantaggio tattico assoluto”. anche a “attacco nucleare” non è stato in grado di distruggere il sito, ha detto alla televisione russa Yan Gagin, un consigliere russo nella regione separatista di Donetsk. Telegraaf (articolo in inglese).

Cosa cambierebbe la cattura di questa enorme fabbrica per l’esercito russo?

La cattura totale di questo sito, e più in generale della città di Mariupol, consentirebbe ai soldati russi di farlo “l’intersezione completa tra il Donbass, dove ora convergono, e la Crimea che il Cremlino ha annesso nel 2014”, Spiegare Carole Grimaud Potter. Questo immenso corridoio sarebbe allora “tutto a loro favore”. “Consentirebbe loro di spostarsi meglio, spostando attrezzature e truppe tra il confine russo a est e nella città di Kershon”. lnel Mar d’Azov, infatti, “sarebbe russo”

Immagine satellitare dei bombardamenti dell'acciaieria Azovstal, a Mariupol, Ucraina, 22 marzo 2022. (IMMAGINE SATELLITE / MAXAR TECHNOLOGIES / AFP)

Giovedì, il capitano del Cremlino ha nuovamente invitato i combattenti ucraini ad arrendersi e ha promesso loro che lo avrebbero fatto “Salva Vita” e che lo sarebbero “trattato con dignità”. Ma la proposta è stata respinta: “Lotteremo fino all’ultima goccia del nostro sangue”promesso al comandante ucraino.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Pomme e Safia Nolin, fan audaci di Celine Dion al Printemps de Bourges

Manchi a 200.000 follower e tutto si spopola