in

Cyril Hanouna blocca il giornalista di BFMTV

VIDEO – Il conduttore e produttore di C8 non ha apprezzato l’intervento del giornalista del servizio politico di martedì sera al telegiornale, che, parlando di “Face à Baba”, preferisce non citare il nome della ‘puntata’.

Martedì sera su BFMTV, Aurélie Casse ha dedicato il suo telegiornale dalle 21 alle 22 alla campagna presidenziale di Emmanuel Macron e Marine Le Pen. Quest’ultima, in particolare, ha fatto parlare di lei dopo le sue dichiarazioni sul boicottaggio delle squadre del programma “Daily” per il motivo molto casuale che lei non le considera giornalisti. “Marine Le Pen ha commesso un doppio errorenotò Benjamin Duhamel. Sulla sua argomentazione, vede “Daily” come uno spettacolo di intrattenimento, il che è discutibile. […] Quando è andata al C8 al fianco di Cyril Hanouna in un programma di cui non nomineremo, potremmo anche pensare che fosse intrattenimento e questo non le ha impedito di andarci.

LEGGI ANCHE – “Non ci sono giornalisti al “Quotidien””: Marine Le Pen attacca Yann Barthès e la sua squadra

Parole che fecero rispondere Cyril Hanouna. “Il disprezzo di Benjamin Duhamel che non nominerà lo spettacolo”era infastidito su Twitter per “Face à Baba”. “Si è ricordato del mio nome quando mi ha chiesto di portarlo sul palco! Ah, povera Francia!» Come Julien Bellver in “Quotidien” di martedì sera, il giornalista di BFMTV ha realizzato una scomoda fusione tra “Touche pas à mon poste” e “Face à Baba”, presumendo presumibilmente che, trattandosi di programmi condotti da Cyril Hanouna, sia necessariamente intrattenimento. Oro in quattro numeri, con Éric Zemmour, Jean-Luc Mélenchon, Marine Le Pen e Valérie Pécresse, l’ospite di C8 ha chiaramente offerto un incontro politico fatto di interviste e dibattiti.

» LEGGI ANCHE – Dal camerino di Cyril Hanouna al set: I segreti del dietro le quinte di “Face à Baba” con Marine Le Pen

Mercoledì mattina su France 2, in “Les 4 Vérités” di Caroline Roux, Emmanuel Macron ha fortemente criticato questi commenti di Marine Le Pen. “Se la stessa persona lo stesso giorno dice chi è giornalista e chi no perché dice cose che non gli piacciono, è l’inizio di un istinto autoritario.ha dichiarato. Il vero volto dell’estrema destra ritorna. È un volto che non rispetta le libertà, il quadro costituzionale e l’indipendenza della stampa.

LEGGI ANCHE – Le 4 verità in Télématin con Emmanuel Macron

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Il Pentagono conferma che la Terra ha incontrato il suo primo visitatore interstellare

Sul telefono è apparsa un’icona a forma di ingranaggio, attenzione, potrebbe essere uno spyware