in

Danone: Il colosso Lactalis sarebbe interessato a Danone, che nel 2022 sarà molto resistente all’inflazione

(BFM Bourse) – I titoli Danone sono sostenuti da un solido inizio d’anno, con vendite superiori alle aspettative nonostante il contesto inflazionistico e le tensioni geopolitiche, e il ritorno di voci di interesse da parte del colosso lattiero-caseario Lactalis.

Il campione agroalimentare francese delizia gli investitori dopo aver pubblicato vendite al di sopra delle aspettative per l’inizio dell’anno, consentendogli di confermare i suoi obiettivi per il 2022 annunciati a marzo dello scorso anno. L’azione beneficia anche delle informazioni riportate da La Lettre A secondo cui l’advisory bank di Lactalis sta lavorando da diversi mesi a “scenari di acquisizione parziale o totale per Danone”. Alla guida del CAC. Il prezzo è balzato del 7,54% a 56,60 euro, intorno alle 11:00.

Nonostante un contesto imprenditoriale ancora altamente volatile, caratterizzato da difficoltà di approvvigionamento e un’inflazione generale degli input (materie prime per i prodotti manifatturieri) prevista intorno al 15% entro il 2022, Danone rimane sulla buona strada mentre presenta la sua nuova roadmap, che include l’obiettivo di aumento dei ricavi dal 3 al 5% su base comparabile e un margine operativo corrente di oltre il 12%.

Una rinascita in pieno svolgimento

Nei primi tre mesi dell’anno il colosso agroalimentare francese ha registrato un’attività globale dinamica con un fatturato consolidato di 6,2 miliardi di euro, in crescita del +7,1% a perimetro costante. Una performance che supera le aspettative degli analisti che si aspettavano comunque un aumento medio del 5,5% su base comparabile.

Su base riportata, i ricavi sono aumentati del +10,2%, trainati dall’effetto positivo dei tassi di cambio (+2,2%), che riflette in particolare l’apprezzamento della sterlina britannica, del dollaro USA e di altre valute in Asia e America Latina. riflette contro l’euro.

Il gruppo è finalmente rassicurante dopo un 2021 particolarmente complicato, che ha portato alla partenza del suo ex capitano Emmanuel Faber. Antoine de Saint-Affrique, il nuovo boss arrivato sette mesi fa, avrà il compito di mettere in musica il piano “Renew Danone” annunciato lo scorso marzo. Quindi Danone prevede di riallinearsi quest’anno con un “modello di crescita redditizio e sostenibile”.

È probabile che le dinamiche di inizio anno rassicurino gli investitori sulla corretta esecuzione di questa roadmap. La crescita del gruppo è stata trainata da tutte le aree geografiche e da tutte le categorie merceologiche commercializzate da Danone.

Attività dinamica in Cina con il latte per lattanti

Nel dettaglio, l’Europa, principale mercato del gruppo, ha registrato una crescita organica del +5,7% a 2,11 miliardi di euro, nonostante un contesto di approvvigionamento difficile. In Nord America le vendite sono aumentate del 5,5% a perimetro omogeneo a 1,48 miliardi di euro. La crescita è stata sostenuta da tutte le categorie, compreso lo yogurt, che ha continuato il suo forte slancio, e le creme per caffè, che hanno registrato una crescita particolarmente forte in questo trimestre.

In Cina, Nord Asia e Oceania, l’attività del gruppo resta ben orientata con un incremento del 15,3% su base comparabile a 735 milioni di euro. Nel Regno di Mezzo, il latte per lattanti è cresciuto di oltre il 15%, “beneficiando di una base di confronto favorevole e di buone dinamiche di quota di mercato per le etichette nazionali e internazionali grazie a un effetto base favorevole sulle specialità alimentari”, sottolinea Danone.

La categoria “latticini e prodotti vegetali” (che comprende Actimel, Alpro e HiPro) ha registrato un fatturato di 3,3 miliardi di euro, in crescita del 3,6% su base comparabile. Bene il settore alimentare specializzato (Aptamil, Fortimel, ecc.), che registra un forte aumento del fatturato del 9,5% like-for-like a 1,92 miliardi di euro. Spicca la categoria acque (Evian, Volvic, ecc.) con un balzo del 15,9%, sempre a parità di perimetro, a 951 milioni di euro.

Sospensione di tutti i nuovi investimenti in Russia

Danone ha approfittato di questo punto di attività per riconsiderare la propria esposizione al mercato russo. Il gruppo spiega di aver scelto di rimanere nella regione mentre rifocalizzava il proprio portafoglio di attività sui prodotti lattiero-caseari essenziali e sull’alimentazione medica e infantile. Il gruppo, invece, annuncia di aver interrotto l’importazione di prodotti Evian o Alpro e la sospensione di qualsiasi nuovo progetto di investimento in Russia, che include pubblicità, attivazioni di marchi e promozioni. “Qualsiasi profitto realizzato in Russia” sarà donato alle organizzazioni umanitarie, ha aggiunto Danone.

Danone conferma che si aspetta una crescita delle vendite in negozio comparabili compresa tra +3 e +5% nel 2022, rispetto al +3,4% nel 2021. Il margine operativo dovrebbe superare il 12%, tenendo conto del reinvestimento di tutti i risparmi generati dal ” Piano Local First” e produttività più elevata rispetto allo scorso anno.

Sabrina Sadgui

©2022 Fiera BFM

Stai seguendo questa azione?

Ottieni tutte le informazioni su DANONE in tempo reale:


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Alexander Dvornikov guida l’esercito russo nel Donbass e non promette nulla di buono

Mercato | Mercato Mercato – PSG: Zidane, Allegri, Conte… Corre il successore di Pochettino!