in

Dopo quattro mesi di sciopero, anche i dipendenti Dassault beneficiano dell'”effetto Rafale”

In Dassault siamo abituati a sottolineare che “l’aviazione è ciclica”, e che è meglio lavorare con due motori (di crescita): uno civile, l’altro militare. “Se uno è meno fortunato, subentra l’altro”, conferma Anthony Dupuy, rappresentante sindacale della CGT presso la sede Dassault di Mérignac.

Qualcosa di abbastanza raro, gli ordini delle due ammiraglie del settore, il business jet Falcon e il jet da combattimento Rafale, sono attualmente pieni. Il Rafale, in particolare, ha goduto di una serie di successi commerciali con oltre 290 velivoli ordinati all’estero da otto paesi negli ultimi sei anni.

Tra i suoi recenti successi commerciali, Dassault ha venduto altri sei Rafale alla Grecia lo scorso marzo, dopo un accordo iniziale per diciotto velivoli (dodici usati e sei nuovi) firmato nel 2021. A febbraio, il produttore di aeromobili ha firmato uno storico contratto con l’Indonesia per 42 Rafale. La Francia, dal canto suo, ordinò dodici velivoli aggiuntivi, in particolare per compensare i dodici sottratti al contingente dell’esercito francese a favore della Grecia.

“I dipendenti si sono sentiti feriti”

Mentre la lista di caccia del dispositivo continuava a riempirsi, “e i lavoratori non si sono mai indeboliti, anche durante la pandemia quando non ci sono stati ritardi nella consegna”, ha sottolineato il funzionario sindacale, “le NAO [négociations annuelles obligatoires] ha portato a un aumento dello 0% nel 2020 e dello 0,5% nel 2021, dando fuoco alla polvere. “I dipendenti si sono sentiti feriti. †

A dicembre è scoppiato un conflitto sociale “senza precedenti” all’interno dei nove siti Dassault in Francia, a causa degli aumenti salariali. Seguito dal 70% dei lavoratori, “solo gli associati che producono”, questa mossa ha portato venerdì scorso a un accordo “storico” firmato dai tre sindacati CGT, CFDT e FO. In particolare prevede una maggiorazione minima di 140 euro lordi mensili (107 euro netti), indicizzata all’anzianità, in 13 mensilità dello stipendio base del personale non dirigente, ovvero 1.820 euro annui.

Dispositivi di blocco all’uscita dalla fabbrica

“Abbiamo ancora un po’ di amaro in bocca, perché abbiamo chiesto 200 euro di rivalutazione lorda, ma è una vera vittoria per i dipendenti, non avevamo mai fatto così tanti progressi su un singolo conflitto”, ha detto Anthony Dupuy. Circa 500 dipendenti, delle 2.600 persone nei siti di Mérignac e Martignas, beneficeranno di questi aggiornamenti.

Tra i ritardi nel rallentamento della produzione e il blocco dei dispositivi in ​​uscita dalla fabbrica, il sito di Mérignac è ​​stato al centro del conflitto. “Qui riceviamo le sezioni degli aerei, in arrivo da Martignas, Argenteuil, Biarritz, per effettuare l’assemblaggio finale del velivolo”, riassume Anthony Dupuy. La fabbrica è incollata alle piste dell’aeroporto, gli aerei in uscita dalle linee di produzione decollano subito per un volo di prova, prima di essere ricevuti dal cliente, come avviene attualmente in Qatar e in Grecia per quanto riguarda il Rafale.

Al ritmo di due Rafale al mese

Lo sciopero aveva ridotto la produzione a 1,5 Rafale al mese, mentre la fabbrica era aumentata a due al mese dal 2021 per soddisfare un “portafoglio completo degli ordini per i prossimi 15 anni. Nel sito di Mérignac, devono essere assunte altre 100 persone per continuare l’avanzata. Si prevede che tutti i velivoli saranno prodotti in Francia, “anche se in alcuni contratti, in particolare con l’India, alcune parti del velivolo saranno esternalizzate”, precisa Anthony Dupuy. Il sito di Mérignac forma anche alcuni piloti stranieri prima di prendere il controllo dell’aereo.

Dovrà aspettare fino al 2015 prima che il caccia raggiunga i suoi primi successi di esportazione con Egitto (24 aerei), Qatar (36) e l’anno successivo India (36). Se il Rafale dovesse perdere le gare in Svizzera e Finlandia, dove l’F-35 statunitense è stato preferito ad esso, il costruttore di aeromobili prevede di vedere presto prospettive diverse, in particolare ancora con l’India.

Dassault sta attualmente producendo la versione F-4, il nuovo standard del Rafale, del valore di circa 100 milioni di euro. L’aereo da 10 tonnellate è l’unico in grado di trasportare 1,5 volte il suo peso in armamenti e carburante. Considerato “discreto” con una bassa firma radar grazie ai materiali compositi, può volare a Mach 1,8 (2.200 km/h) e volare oltre i 400 metri, con un’altitudine di 1.850 km.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Presidenziali 2022: a che ora si conosceranno i risultati del primo turno?

Tangeri ospiterà il circuito IRONMAN 70.3 nell’ottobre 2022