in

Due figlie di Vladimir Putin sanzionate dall’UE

Dopo gli oligarchi russi, il parente più prossimo. Venerdì gli europei hanno sanzionato le due figlie di Vladimir Putin, ora nella lista nera dell’UE, insieme a più di altre 200 persone, inclusi diversi oligarchi vicini al presidente russo e capi della stampa filo-Cremlino.

Maria Vorontsova e Katerina Tikhonova, nate rispettivamente nel 1985 e nel 1986, prese di mira da Washington e Londra, sono le figlie di Vladimir Putin e Lioudmila Putina, di cui il presidente russo aveva annunciato di aver divorziato nel 2013.

Come le 217 persone e le 18 entità aggiunte a questo elenco pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’UE, sarà loro vietato entrare nell’UE e i loro beni saranno congelati.

Quinto giro di sanzioni

La maggiore, Maria Vorontsova, è stata presa di mira per il suo ruolo in Nomenko, un’importante società di progetti di investimento nel settore sanitario che fornisce “significative fonti di reddito” al governo russo, riporta la Gazzetta ufficiale. Sua sorella, Katerina Tikhonova, gestisce un fondo di sostegno per giovani scienziati creato da aziende i cui leader sono “membri della cerchia ristretta di oligarchi del presidente russo”, secondo la stessa fonte.

Questa quinta salva di sanzioni impone anche misure economiche, in particolare un embargo sul carbone russo da agosto e la chiusura dei porti europei alle navi battenti bandiera russa. Gli acquisti di carbone dell’UE ammontano a otto miliardi di euro all’anno, una cifra molto inferiore agli acquisti di gas e petrolio.

Lo ha deciso dopo il ritrovamento di decine di corpi di civili lo scorso fine settimana a Boutcha, vicino a Kiev, dopo il ritiro delle truppe russe. Le immagini hanno suscitato shock globale e accuse di “crimini di guerra” contro Mosca.

Sanzionati anche i media filo-russi

Uomini d’affari vicini a Putin, come Oleg Deripaska, Boris e Igor Rotenberg, fratello e figlio del miliardario Arkadi Rotenberg, German Gref, boss della prima banca russa Sberbank, si sono aggiunti alla lista europea per il loro sostegno ad azioni «che il minacciano l’integrità territoriale dell’Ucraina”, sottolinea l’UE.

I Ventisette hanno anche sanzionato diversi funzionari dei media filo-Cremlino, come i direttori dell’agenzia TASS, Sergei Mikhailov, o della Komsomolskaya Pravda, Vladimir Sungorkin, descritto da Vladimir Putin come “il suo giornale preferito”, secondo questo elenco. . †

Sono stati aggiunti anche tutti i membri dei governi e delle assemblee (179) delle repubbliche separatiste filo-russe di Luhansk e Donetsk. Anche quattro banche – VTB, la seconda istituzione russa, Bank Otkritie, Novikombank (una sussidiaria di Rostec), Sovcombank – che rappresentano il 23% del mercato bancario russo, stanno vedendo congelare i propri asset. Sono già stati banditi dal sistema finanziario internazionale Swift.

Tra gli obiettivi, l’Ue ha anche una società nella lista di Oleg Deripaska che produce veicoli anfibi per l’esercito. Questo elenco, creato nel 2014 dopo l’annessione della Crimea, contiene ora i nomi di 1091 persone e 80 entità.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Il principe Harry: questa riservatezza della sua ex guardia del corpo che lo rende ridicolo

Novità: Joa Camp 60 F, il camper compatto come furgone per le consegne