in

è “prematuro” parlare di “crimine contro l’umanità” dopo il bombardamento di Kramatorsk, secondo un avvocato specializzato

“È sporco, un altro massacro.” Il bombardamento della stazione di Kramatorsk, che ha ucciso almeno 50 persone, venerdì 8 aprile, nell’Ucraina orientale, costituisce un “crimine contro l’umanità”ha detto poche ore dopo su Francia 5 Jean-Yves Le Drian, ministro degli Affari esteri. “Abbiamo bisogno di esperti in fretta perché abbiamo bisogno di vedere rapidamente. Abbiamo urgente bisogno di documentare per fornire prove per crimini contro l’umanità”.Ha aggiunto.

>> Guerra in Ucraina: le ultime informazioni nel nostro Direct

Il capo della diplomazia francese ha il diritto di utilizzare questa qualifica? Qual è la definizione di crimine contro l’umanità? Quando si applica? Come vengono indagati questi crimini? Franceinfo ha posto queste domande: Clemente Bectarte, avvocato rappresentante della Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH) e della coalizione francese presso la Corte penale internazionale (ICC).

Franceinfo: Che cos’è un crimine contro l’umanità?

Clemente Bectarte: I crimini contro l’umanità sono crimini commessi nell’ambito di un attacco sistematico o diffuso contro una popolazione civile. Ad esempio, stupri o torture come parte di un attacco. Per parlare di crimini contro l’umanità è necessaria una serie di atti criminali. I crimini contro l’umanità sono definiti come qualsiasi tipo di piano o politica per attaccare la popolazione civile.

A differenza dei crimini di guerra, i crimini contro l’umanità non vengono necessariamente commessi in tempo di guerra. I crimini di guerra ei crimini contro l’umanità non seguono la stessa logica, ma possono coesistere. Ecco perché il 2 marzo è stata aperta un’indagine con i due qualificatori, “crimini di guerra” e “crimini contro l’umanità”, a cura di il Procuratore Generale del CPI relativa all’Ucraina.

Jean-Yves Le Drian ha ragione quando dice che l’attentato alla stazione di Kramatorsk è un crimine contro l’umanità?

Un conto è dirlo, un altro è definirlo. È importante ricordare questi concetti giuridici, che restano dei parametri di riferimento importanti. Questo non è stato fatto in tutti i conflitti. Ma quando lo dice Jean-Yves Le Drian, non ci sono conseguenze legali. Non è la parola del politico che prevarrà. Sono i tribunali che hanno giurisdizione a decidere su questa qualifica. Hanno il potere di giudicare se è stato commesso un crimine contro l’umanità.

La possibilità di raggiungere lo stadio di un crimine contro l’umanità è un’ipotesi che è stata presa in considerazione fin dall’inizio, poiché l’indagine della CPI si è aperta con questo atto d’accusa sette giorni dopo lo scoppio della guerra. Oggi, è vero? È troppo presto per dirlo. È tutto il lavoro che si fa: sarà decisivo. Inoltre, i crimini vengono commessi ancora oggi. Impossibile che la giustizia agisca in tempo reale.

“Non è ancora noto se l’attentato alla stazione di Kramatorsk sarà annoverato tra gli incidenti elencati come ‘crimini contro l’umanità'”.

Clemence Bectarte, avvocato

a franceinfo

Gli altri abusi in Ucraina possono essere classificati come crimini contro l’umanità?

Ancora una volta, è prematuro dirlo. Solo gli studi lo confermeranno. Ricorda che è in corso un’indagine davanti alla CPI su una situazione, non su fatti specifici. Cioè, la CPI sceglie un atto d’accusa e seleziona gli incidenti che lo supportano: per esempio, un attacco a un villaggio e la tortura. Questa è la differenza tra giurisprudenza internazionale e nazionale. In Ucraina, ad esempio, il procuratore generale ha aperto circa 4.000 inchieste, tante quante sono gli incidenti. Sarà interessante vedere come i due si incastrano.

Le procedure e la raccolta delle prove per i crimini contro l’umanità sono organizzate come per i crimini di guerra?

Sì, la logica è simile. E c’è sempre il problema di preservare le prove. Ciò che differisce sono gli elementi: non è consentito raccogliere lo stesso. Le popolazioni civili sono prese di mira come parte di una politica deliberata? Questo è ciò che cercheremo di dimostrare.

Perché con il crimine contro l’umanità ci stiamo muovendo su un’altra scala. Si tratta di un crimine mirato, premeditato, che si ripete nel tempo o si commette in un’unica sequenza. Si caratterizza per la portata degli atti commessi. Ad esempio, la CPI ha aperto un’indagine sui “crimini contro l’umanità” per una manifestazione repressa dalla giunta al potere il 28 settembre 2009 a Conakry, in Guinea. Questi eventi sono avvenuti in un giorno.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Mask Singer: Perché Teri Hatcher piangeva durante lo spettacolo?

Microsoft elimina gli hacker russi