in

Energia: i buoni affari delle aziende russe in Germania – 04/11/2022 at 08:15

Le filiali dei giganti Gazprom e Rosneft sono i principali attori delle infrastrutture energetiche tedesche (AFP/John MACDOUGALL)

Le filiali dei giganti Gazprom e Rosneft sono i principali attori delle infrastrutture energetiche tedesche (AFP/John MACDOUGALL)

Presa dalla dipendenza dal gas russo, la Germania ha scoperto un altro tallone d’Achille: il peso del capitale russo nelle sue raffinerie di petrolio, oleodotti e altri giacimenti di gas.

Le sussidiarie dei giganti Gazprom e Rosneft sono i principali attori delle infrastrutture energetiche del Paese.

I leader politici ed economici tedeschi sono “davanti alle rovine” della cooperazione con la Russia da tempo considerata garante di una distensione con il regime di Vladimir Putin, ha osservato la rivista Spiegel.

“Devono affrontare i fatti, continua il settimanale: non si sono affidati ad agenti di cambiamento all’interno della Russia, ma forse ai cavalli di Troia del Cremlino”.

– Carri armati

All’inizio di aprile, il governo tedesco ha preso una decisione senza precedenti: prendere temporaneamente il controllo della controllata tedesca di Gazprom, una misura drastica giustificata da un opaco trasferimento di proprietà della società.

Il ministro dell’Economia ha invocato questioni di “ordine pubblico e sicurezza nazionale”.

Importazioni di gas dalla Russia per paese dell'UE nel 2020, in terajoule (AFP/)

Importazioni di gas dalla Russia per paese dell’UE nel 2020, in terajoule (AFP/)

E giustamente: di proprietà di Gazprom, il giacimento di Rehden (nord-ovest), in Bassa Sassonia, rappresenta da solo circa il 20% della capacità totale di stoccaggio del gas della Germania.

Con una capacità di 4 miliardi di metri cubi di gas, si presenta come il più grande d’Europa. Apparteneva al gruppo tedesco BASF fino al 2015 ed è stata ceduta alla società Astora, filiale di Gazprom

Il gruppo russo è sospettato di aver deliberatamente mantenuto basso lo stoccaggio durante l’estate prima dell’invasione dell’Ucraina. Il serbatoio di Rehden è pieno solo per lo 0,5%.

Astora ha ulteriori strutture di stoccaggio a Jemgum, al confine con i Paesi Bassi, e ad Haidach, in Austria.

Gazprom Germania aveva anche un interesse per un grande magazzino in una caverna di sale non lontano da Amburgo.

– Reti di distribuzione

Anche Gascade, uno dei maggiori operatori di reti di distribuzione del gas in Germania, è posseduto al 50,03% da Gazprom-Germania.

Una stazione di ricezione del gas dell'operatore Gascade, a Lubmin, nella Germania nord-orientale, nel settembre 2021 (AFP / John MACDOUGALL)

Una stazione di ricezione del gas dell’operatore Gascade, a Lubmin, nella Germania nord-orientale, nel settembre 2021 (AFP / John MACDOUGALL)

L’azienda descrive la sua rete di 3.200 chilometri di gasdotti come “l’hub del trasporto europeo di gas naturale”. Le sue pipe chiamate Eugal, Midal, Stegal o Weda trasportano la materia prima nelle metropoli tedesche.

Sul suo sito web, la società afferma di agire in modo indipendente: “L’attività di trasporto di Gascade non è soggetta all’influenza del gruppo Gazprom o di qualsiasi altro azionista”.

Altri importanti collegamenti, come il gasdotto NEL del Nord Europa e il gasdotto Opal nel Mar Baltico, sono di proprietà della società Wiga transports, di cui Gazprom Germania detiene una partecipazione del 49,98%.

Il resto di Gascade e Wiga Transport è di proprietà del gruppo tedesco Wintershall Dea, una terza parte di proprietà dell’oligarca russo Mikhail Fridman, ora sotto sanzioni occidentali.

Con una quota di mercato di circa il 20%, Wingas, una controllata al 100% di Gazprom-Germania, svolge un ruolo di primo piano nella distribuzione del gas, in particolare alle utilities municipali tedesche, alle aziende industriali e alle centrali elettriche.

La supervisione da parte dello Stato tedesco delle filiali di Gazprom è prevista fino al 30 settembre. Durante questo periodo, il governo dovrà scegliere tra la nazionalizzazione e la vendita a un nuovo proprietario.

– Raffinerie

La controllata del gigante petrolifero russo Rosneft Germany afferma di fornire un quarto di tutte le importazioni tedesche di greggio.

La raffineria PCK a Schwedt, a est di Berlino, il 2 aprile 2022 (AFP/John MACDOUGALL)

La raffineria PCK a Schwedt, a est di Berlino, il 2 aprile 2022 (AFP/John MACDOUGALL)

La società è l’azionista di maggioranza della raffineria PCK di Schwedt, a est di Berlino. Questo sito può elaborare circa 11,6 milioni di tonnellate di petrolio greggio all’anno, che equivale a circa l’11% del consumo totale di petrolio della Germania.

Rosneft vuole acquistare il 37,5% del gruppo anglo-olandese Shell nella raffineria, portando la quota al 92%.

Il Bundeskartellamt aveva approvato questa transazione pochi giorni prima dello scoppio della guerra. Il ministero dell’Economia sta attualmente indagando se l’acquisto possa ancora essere interrotto.

Rosneft Germany possiede anche il 24% e quasi il 29% delle azioni delle principali raffinerie Miro e Bayernoil nel sud della Germania.

Come Gazprom nel settore del gas, Rosneft è anche uno dei maggiori distributori di petrolio e fornitori di servizi logistici. Secondo il quotidiano Handelsblatt, le società del gruppo riforniscono 4.000 grandi clienti in Germania.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Meghan Markle torna presto in Europa! Scopri il motivo del ritorno della moglie del principe Harry

Con Méditerranée, l’odissea della vita, France 2 ci immerge nel cuore dei segreti del Big Blue