in

Grande incoronazione per Scheffler, santo ritorno per Woods ad Augusta

Grande incoronazione e santo ritorno: il numero 1 del mondo Scottie Scheffler ha vinto il Masters, il suo primo Grande Slam, domenica ad Augusta, dove Tiger Woods è riuscito a essere all’altezza della sua folle scommessa sul ritorno alle competizioni tredici mesi dopo il suo incidente d’auto. .

Il 25enne americano ha chiuso con un punteggio di -10, tre colpi di vantaggio sul nordirlandese Rory McIlroy, autore di una fantastica ma inutile rimonta e che attenderà di aggiungere l’unico Major mancante alla sua collezione. L’australiano Cameron Smith e l’irlandese Shane Lowry, terzi a pari merito, hanno chiuso con cinque punti.

“Non riesco a esprimere a parole cosa significhi per me sapere che posso tornare qui per tutta la vita”, ha detto Scheffler dopo che il suo predecessore, il giapponese Hideki Matsuyama, gli ha dato il tradizionale cappotto verde riservato. †

Dopo questo prestigioso successo, conferma la sua attuale supremazia nel PGA Tour nordamericano.

Ma la sua ascesa è fulminea, visto che ha vinto il suo primo torneo solo due mesi fa, al Phoenix Open. Ha poi vinto l’Arnold Palmer Invitational in Florida il 6 marzo e il WGC World Match-Play Championship ad Austin (Texas) il 28 marzo.

La ciliegina sulla torta di questa vittoria è stata il 25enne texano, che è diventato 15° il 6 febbraio, poi numero uno del mondo dallo spagnolo Jon Rahm.

– Calma senza compromessi –

Quindi la pressione era sulle sue spalle quando è arrivato ad Augusta, anche se l’affascinante ritorno di Woods ha attirato la maggior parte dell’attenzione e lo ha lasciato un po’ solo.

Ma valeva solo le 48 ore, perché venerdì ha già sorvolato i dibattiti e aveva cinque punti di vantaggio dopo 36 buche. Sabato è stata la sua giornata più dura, con Cameron Smith che ha chiuso con meno di tre unità.

E anche solo uno, dopo due birdie di successo fin dall’inizio dell’australiano in questo 4° round iniziato al pianoforte da Scheffler, che ha tra le sue qualità evidenti quella di immancabile compostezza. Assisti a questo straordinario birdie su N.3 grazie a un chip perfetto sopra il tumulo.

“Mi ha sorpreso. Non mi aspettavo che la palla entrasse. Mi ha fatto decollare”, ha detto.

Questo colpo da maestro in qualche modo ha anche messo KO Smith poiché ha concesso un bogey su questa buca allo stesso tempo, riportandolo a tre unità sotto. Fu l’inizio della fine: seguirono altri tre spauracchi e anche un doppio spauracchio al N.12 dell’Amen Corner, dove i Masters furono infatti persi e vinti.

Scheffler ha superato queste difficoltà senza incidenti, dopo un altro birdie sul N.7. Ma nel suo specchietto retrovisore è apparso come un proiettile Rory McIlroy, autore di un eccezionale ultimo round.

– “Era incredibile” –

Non contento di aver restituito una carta chiara, il nordirlandese ha gestito un’aquila lussureggiante sulla N.13 e il suo sesto birdie della giornata, attraverso un’uscita dal bunker sulla N.18 che ha lasciato sciolta la folla attorno alla N.18.

La sua tessera di 64 (-8) è la più bassa registrata in una domenica di Augusta. E il secondo più basso nella storia del torneo dietro a Nick Price e Greg Norman, che avevano sovraperformato anni prima (-9).

In questo N.18 dove aveva già vinto il torneo, dopo due birdie di fila al N.14 e N.15 che gli davano un vantaggio di cinque tempi su McIlroy, Scheffler fece per la prima volta un’inversione a U in quattro giorni, tradito da un’emozione legittima.

Ha fatto un doppio bogey dopo due putt arricciati sul bordo che sono usciti. Si è messo la mano destra sulla bocca, ma non ha tremato per farla finita, con grande gioia della folla.

Un pubblico che due ore prima aveva riservato una folla così vivace a Tiger Woods. Il suo punteggio di +13, il più basso in 24 voci, ovviamente non contava. Perché questo straordinario campione, che è andato vicino all’amputazione della gamba destra nel febbraio 2021, aveva appena compiuto una delle sue più grandi imprese lì.

“Non credo che le parole possano descrivere come mi sono sentito. È stato fantastico”, ha detto la Tigre, felice di ruggire di nuovo.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

In Spagna, l’energia eolica è supportata da un vento favorevole

Il processore di domani può essere fatto con… miele