in

Guerra in Ucraina: la CIA preoccupata per il rischio nucleare

“Dal momento che il presidente Putin e la leadership russa potrebbero sprofondare nella disperazione date le battute d’arresto che hanno subito finora dal punto di vista militare, nessuno di noi può gestire la minaccia rappresentata dal potenziale uso di armi nucleari tattiche o armi nucleari a bassa potenza. armi”, ha detto Williams Burns durante un discorso ad Atlanta.

Il Cremlino ha parlato di allertare le sue forze nucleari “ma non abbiamo visto alcun segno concreto, come trasmissioni o misure militari che potrebbero aumentare le nostre preoccupazioni”, ha aggiunto il capo dell’intelligence statunitense, parlando con gli studenti della Georgia Technical University.

Biden “preoccupato per il rischio della terza guerra mondiale”

“Certo che siamo molto preoccupati. So che il presidente (Joe) Biden è profondamente preoccupato per il rischio della terza guerra mondiale e sta facendo tutto il possibile per impedire che un conflitto nucleare diventi possibile”, ha aggiunto.

La Russia ha molte armi nucleari tattiche, meno potenti della bomba di Hiroshima, in linea con la sua dottrina “escalation-de-escalation”, che sarebbe quella di utilizzare prima un’arma nucleare a bassa potenza per riguadagnare il vantaggio. con l’Occidente.

Ma questa ipotesi implica che “la Nato intervenga militarmente in Ucraina durante questo conflitto, e questo non è previsto, come ha chiarito il presidente”, ha detto.

William Burns, che ricorda di aver prestato servizio come ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca, non aveva parole abbastanza dure per un Vladimir Putin “vendicativo”, “testardo”, che è sprofondato negli anni in un “miscuglio esplosivo di lamentele”. , “ambizione e incertezza”. ‘. “Ogni giorno, Putin mostra che un potere in declino può essere destabilizzante tanto quanto un potere in ascesa”, ha aggiunto.

La Moscova è affondata nel Mar Nero, la Russia incolpa l’Ucraina

Ultima battuta d’arresto finora, la perdita dell’incrociatore russo Moskva giovedì 14 aprile. L’ammiraglia russa nel Mar Nero è affondata dopo essere stata colpita da un missile ucraino, secondo Kiev, a seguito di un incendio accidentale, secondo Mosca, che accusa anche l’Ucraina di bombardare i villaggi sul suo territorio.

“Durante il traino dell’incrociatore Moskva verso il porto di destinazione, la nave ha perso stabilità a causa dei danni allo scafo subiti nell’incendio causato dall’esplosione di munizioni. La nave è affondata in condizioni di mare agitato”, ha detto giovedì sera il ministero della Difesa russo.

In precedenza aveva affermato che l’incendio a bordo era stato “spento” e che l’incrociatore “ha mantenuto la galleggiabilità” mentre affermava di indagare sulle cause del disastro.

La perdita di questa nave comando è “un duro colpo” per la flotta russa nella regione, ha detto giovedì il portavoce del Pentagono John Kirby, incidendo ” sulle loro capacità di combattimento poiché la nave è un “elemento chiave nei loro sforzi per ottenere il dominio navale nel Mar Nero.” “.

Vedi anche su The HuffPost: Guerra in Ucraina: in che stato si trova Chernobyl dopo che la Russia si è ritirata

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Osinachi Nwachukwu: i nigeriani chiedono giustizia dopo la morte di Gospel Singer

Risparmio energetico: come sfruttare l’aumento di 1000 euro di MaPrimeRénov’ lanciato il 15 aprile?