in

Guerra in Ucraina: “resa” dei soldati a Mariupol, 1.500 cadaveri russi nel Dnepr, colpiscono le minacce contro Kiev… il punto nel 49° giorno dell’offensiva

A causa delle condizioni meteorologiche dei giorni scorsi, l’aviazione russa non ha potuto decollare con la frequenza dei giorni precedenti, secondo le forze armate ucraine. Tuttavia, più di un mese e mezzo dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, l’artiglieria continua a bombardare alcune città, in particolare nella regione di Zaporizhzhya nella parte sud-orientale del paese, dove non è possibile raggiungere alcun corridoio. essere aperto questo mercoledì. Separatamente, la Russia ha anche minacciato di attaccare i centri di comando a Kiev mercoledì, accusando l’Ucraina di attaccare il suo territorio.

A Mariupol, secondo quanto riferito, i soldati trincerati si sono arresi

Mentre gli attacchi russi continuano martedì, anche presso la gigantesca acciaieria all’estremità orientale del porto, il ministero della Difesa russo ha affermato che “1.026 soldati ucraini della 36a Brigata della Marina hanno volontariamente deposto le armi e si sono recati” nell’area di la fabbrica metallurgica “Ilyich”, dove si erano rintanati per giorni e utilizzato percorsi sotterranei per organizzare la loro guerriglia. Nella notte tra martedì e mercoledì, un servizio della televisione pubblica russa in onda su Rossiïa 24 ha annunciato questa resa; Il filmato mostra uomini in uniforme mimetica che trasportano feriti in barella o vengono interrogati mentre sono in piedi in uno scantinato. Secondo Mosca, 150 soldati sono rimasti feriti e sono stati curati all’ospedale Mariupol.

Poche ore dopo, il consigliere del presidente ucraino, Oleksiy Arestovych, ha affermato che dopo una “manovra rischiosa”, gli ultimi difensori della città erano riusciti a unire le forze. Le unità della 36a Brigata Marina Indipendente hanno fatto irruzione a [rejoindre] il reggimento Azov”, ha detto, senza specificare quanti uomini di questa brigata avrebbero potuto unirsi alle altre forze armate ucraine, né negare la resa di alcuni. Arestovych ha affermato che “i difensori della città, ora uniti, hanno seriamente rafforzato la loro zona di difesa”.

I bombardamenti continuano a Kharkov

Il blocco parziale e i bombardamenti di artiglieria intorno a Kharkiv continuano verso Slobozhansky, ha affermato lo stato maggiore ucraino, accusando le forze armate russe di cercare di formare milizie popolari filo-russe. Sette persone sono state uccise negli attacchi russi nella regione di Kharkov tra martedì e mercoledì, e altre 22 sono rimaste ferite, ha detto il governatore Oleg Synegoubov a Telegram, aggiungendo che un bambino di 2 anni ferito in un attentato lunedì è stato ricoverato in ospedale per le ferite riportate . martedì. Gli attacchi russi a Kharkov, nel nord-est dell’Ucraina, mercoledì hanno ucciso quattro civili e ferito almeno dieci, ha annunciato il governatore della regione. “Durante la giornata, gli occupanti hanno continuato a bombardare le aree residenziali di Kharkov (…) Quattro civili sono morti in un giorno e altri dieci sono rimasti feriti”, ha riferito Telegram Oleg Synegoubov. In particolare, secondo il sig. Synegoubov, “un forte fuoco di artiglieria” è caduto sul distretto settentrionale di Kharkov.

Cinque ore di battaglia a Polohy

L’esercito ucraino ha riferito di pesanti combattimenti nella regione sud-orientale di Zaporizhzhya del paese. Martedì si è svolta una battaglia di cinque ore nel distretto di Polohy, quando le forze ucraine hanno tentato di liberare l’area. Polohy si trova a nord-est della città di Melitopol occupata dai russi.

Incrociatore russo in fiamme dopo il lancio di un razzo ucraino?

Il lancio di un razzo ucraino ha appiccato un incendio a bordo di un incrociatore russo, la Moskva, hanno detto le autorità ucraine mercoledì sera. “I missili Nettuno che proteggono il Mar Nero hanno causato danni significativi a questa nave russa”, ha affermato Maxime Marchenko, governatore ucraino della regione di Odessa (sud). Un consigliere del presidente ucraino, Oleksiï Arestovitch, ha confermato gli attacchi ucraini alla nave su YouTube, senza nemmeno specificarne l’ubicazione. “Brucia con intensità. Utilità. E con questo mare agitato, è impossibile sapere quando possono ottenere aiuto”, ha detto, assicurando che a bordo c’erano “510 membri dell’equipaggio”. Queste affermazioni erano immediatamente non verificabili.

1500 cadaveri russi nel Dnepr?

Le autorità ucraine cercano da settimane di suscitare l’indignazione delle madri russe che si erano mobilitate durante il lungo conflitto in Cecenia. Un funzionario municipale del Dnepr, Mykhailo Lyssenko, ha dichiarato in un’intervista al media in lingua russa Nastoïashchee Vremia che “ora ci sono più di mille e mezzo soldati russi morti nell’obitorio, che nessuno vuole prendere. Sono nei frigoriferi”, spiega. “Qualunque cosa sia successa, sono i figli di qualcuno; speriamo che le loro madri possano venire a prendere i loro figli, che hanno cresciuto e amato per tutta la vita”, ha detto.

Nessun corridoio umanitario questo mercoledì

Il vicepremier del Paese Iryna Vereshchuk ha fatto il punto sui rischi: “nella regione di Zaporizhzhya gli occupanti hanno bloccato gli autobus di evacuazione e nella regione di Luhansk stanno violando il cessate il fuoco”. Secondo il ministro, le forze armate russe “non solo rispettano gli standard del diritto internazionale umanitario, ma non possono nemmeno controllare adeguatamente il proprio personale a terra”, “tutto ciò crea un tale livello di pericolo sulle strade che siamo costretti ad annullare oggi, di aprire i corridoi umanitari”, ha detto la mattina presto.

100 milioni di euro in equipaggiamento militare consegnato da Parigi a Kiev

Più di 100 milioni di euro di equipaggiamenti militari sono stati consegnati all’Ucraina dalla Francia, ha annunciato mercoledì Florence Parly, ministro delle forze armate francesi dopo aver incontrato il suo omologo ucraino Oleksiy Reznikov. “Ho annunciato alla mia controparte che la Francia fornirà capacità militari aggiuntive, oltre ai 100 milioni di euro di donazioni materiali già effettuate”, ha affermato il ministro in un tweet.

In un comunicato del ministero delle Forze armate, Florence Parly precisa che le consegne riguardano “equipaggiamenti di protezione, equipaggiamenti ottici, armamenti e munizioni, sistemi d’arma rispondenti ai bisogni espressi dall’Ucraina”. Finora, Parigi non aveva quantificato la quantità di armi consegnate a Kiev dall’inizio dell’invasione russa alla fine di febbraio. In serata, Volodymyr Zelensky ha lamentato il rifiuto di Emmanuel Macron di denunciare un “genocidio” in Ucraina da parte dell’esercito russo e l’ha trovato “estremamente doloroso”.

Il rifiuto di Macron di denunciare un “genocidio” in Ucraina è “molto doloroso”

Il rifiuto del presidente francese Emmanuel Macron mercoledì di denunciare un “genocidio” in Ucraina da parte dell’esercito russo è “estremamente doloroso”, ha lamentato il suo omologo ucraino Volodymyr Zelensky. “Se sono vere, tali dichiarazioni sono molto dannose per noi”, ha affermato Zelensky in una conferenza stampa congiunta con i capi di stato polacco, lituano, estone e lettone durante una visita a Kiev. “Farò del mio meglio per discutere questa questione con Macron oggi. In caso contrario, domani se ha tempo”, ha aggiunto Zelensky. All’inizio della giornata, Emmanuel Macron aveva scelto di non usare il termine “genocidio” che il suo omologo americano Joe Biden usava per accusare il presidente russo Vladimir Putin di essere in Ucraina.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Mamma Vitaa per la terza volta: la cantante svela il nome e una foto intima del suo bambino in reparto maternità

EDF lancia un “piano idrogeno” per diventare uno dei leader europei del settore entro il 2030