in

Il Canada dà il via libera al controverso progetto petrolifero

Il governo del Canada, il quarto produttore mondiale di petrolio, ha approvato la costruzione di un importante progetto petrolifero controverso nell’Oceano Atlantico, ha annunciato mercoledì 6 aprile il segretario all’Ambiente Steven Guilbeault.

Chiamata Bay du Nord e sostenuta per molti anni dal gigante norvegese Equinor, sarà possibile sfruttare un deposito profondo 1.000 piedi a 500 miglia al largo della costa di Terranova. L’inizio è previsto per il 2028. Sarà la quinta piattaforma petrolifera del suo genere in Canada e, secondo la società, sarà in grado di estrarre circa 300 milioni di barili di petrolio in 30 anni.

“Il progetto di sviluppo della Bay du Nord può procedere, subordinatamente ad alcune delle condizioni ambientali più rigorose mai imposte, compreso il requisito storico per un progetto petrolifero e del gas per raggiungere la carbon neutrality entro il 2050”ha detto il ministro ed ex attivista per il clima in un comunicato.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Steven Guilbeault, da ambientalista a ministro canadese dell’ambiente

Secondo una valutazione ambientale completa, è improbabile che il progetto abbia impatti ambientali negativi significativi, ha aggiunto. “Il mondo ha ancora bisogno di petrolio”ha poi raccontato a Radio Canada chi è stato scelto da Justin Trudeau nel portafoglio di ministro dell’Ambiente nell’ottobre 2021, per via del suo passato di attivista.

Scudi di sollevamento

L’annuncio ha immediatamente suscitato la protesta dei gruppi ambientalisti. “Approvare Bay du Nord è un altro passo verso un futuro invivibile”disse Julia Levin di Milieudefensie, e a “Schiaffo in faccia agli scienziati del clima, alle comunità in Canada e nel mondo colpite dalla crisi climatica”

Per Greenpeace, questa decisione è la “trionfo” di politiche che non lo fanno “aggravando la crisi climatica e la dipendenza globale dai combustibili fossili che bruciano il pianeta”

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti L’IPCC chiede un’azione immediata in tutti i settori per “garantire un futuro vivibile”

Queste organizzazioni ricordano che il segretario generale delle Nazioni Unite (ONU) Antonio Guterres ha descritto come: “follia” la continua dipendenza dai combustibili fossili, a “dipendenza che ci porta alla distruzione collettiva”

Secondo l’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), l’uso del carbone carbon-less (una tecnologia immatura su larga scala) deve essere completamente eliminato per rispettare un aumento della temperatura fino a +1,5°C e che di petrolio e gas sono diminuiti rispettivamente del 60% e del 70% nel 2050 rispetto ai livelli del 2019.

“Dunce” di fronte al cambiamento climatico

Diversi partiti politici hanno anche denunciato questa decisione del governo canadese, in particolare il New Democratic Party (NDP, a sinistra), che è alleato dei liberali di Justin Trudeau nel parlamento di Ottawa. “Mostra esattamente cosa c’è di sbagliato in questo governo. Ascoltano i loro amici nel settore petrolifero e del gas piuttosto che gli scienziati del clima”ha denunciato Laurel Collins, critico ambientale dell’NDP.

Leggi anche: Il Canada annuncia un piano di investimenti per il clima da miliardi di dollari

Il Blocco Québécois, il terzo partito parlamentare più grande del paese, crede che il Canada “conferma la sua posizione stupida nella lotta al cambiamento climatico” e che questa decisione “suona la campana a morto della credibilità” dal Ministro dell’Ambiente.

Il dilemma con questo progetto era tale che la decisione è stata ritardata due volte negli ultimi mesi, principalmente perché Justin Trudeau è stato spesso criticato negli ultimi anni per le sue decisioni riguardanti il ​​settore petrolifero, in particolare per la nazionalizzazione di un oleodotto nel 2018. Aveva preso forti impegni sul clima durante l’ultima campagna elettorale e ne aveva confermato la necessità nell’ottobre 2021 “assicurarsi che l’industria del petrolio e del gas smetta di aumentare le emissioni e inizi a ridurle”

Le Monde e AFP

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Jean-Jacques Goldman: Questo colpo basso in sordina per un famoso cantante francese

Pfizer: Scosse elettriche, ustioni… Che cos’è la sindrome di Parsonage-Turner, un effetto collaterale del vaccino?