in

Il salario minimo aumenterà anche quest’anno dopo l’aumento di 34 euro del 1° maggio?

L’evoluzione del salario minimo tiene conto dell’indice dei prezzi del 20% delle famiglie più povere. Data l’accelerazione dell’inflazione su diversi mesi, non si possono escludere ulteriori aumenti del salario minimo.

Tenuto conto dell’inflazione, lo Smic sarà rivalutato il 1° maggio e supererà la soglia di 1.300 euro netti mensili. Questo aumento, che andrà direttamente a beneficio di poco più di due milioni di lavoratori, sarà del 2,65%, secondo il ministero del Lavoro. Con un lavoro a tempo pieno, il salario minimo mensile sarà di 1645,58 euro lordi. Netto, raggiungerà 1302,64 euro, con un incremento di 34 euro. Il salario orario minimo lordo scende da 10,57 a 10,85 euro.

Si tratta del secondo aumento del salario minimo da inizio anno, dopo l’aumento automatico di gennaio (+0,9%) e il terzo in sette mesi, con lo Smic soggetto a rivalutazione anche a ottobre 2021 (+2,2%).

Sono possibili altri aumenti del salario minimo entro la fine dell’anno? Per scoprirlo, torniamo ai diversi scenari che potrebbero portare ad un aumento del salario minimo previsto dalla legge. Questa potrebbe aumentare solo a partire dal 1° gennaio sotto una rivalutazione automatica che tenga conto di due indicatori: l’inflazione (tabacco escluso) osservata per il 20% delle famiglie a reddito più basso e la metà dell’aumento del potere d’acquisto della retribuzione oraria media dei lavoratori e dipendenti.

Rivalutazione nel corso dell’anno

Secondo l’articolo L3231-5 del Codice del lavoro, una rivalutazione automatica del salario minimo avviene anche durante l’anno quando lo stesso indice dei prezzi per il 20% delle famiglie più povere “raggiunge un livello corrispondente ad un aumento di almeno il 2% rispetto all’indice osservato nella determinazione del salario minimo di crescita immediatamente precedente”. Tuttavia, da novembre 2021, quando è stata decisa la rivalutazione di gennaio, l’inflazione nel primo quintile è aumentata del 2,65%. Da qui un aumento del salario minimo pari al 1 maggio.

Data l’accelerazione dell’inflazione negli ultimi mesi (4,5% a marzo) e il continuo aumento dei prezzi dell’energia e la guerra in Ucraina, entro fine anno sono quindi del tutto possibili ulteriori aumenti del salario minimo. Tanto più che l’indice dei prezzi delle famiglie a basso reddito utilizzato per calcolare l’evoluzione dello Smic sta crescendo più rapidamente dell’indice globale “tenendo conto del peso dell’energia e del cibo nella sua composizione”, ha spiegato a metà marzo Julien Pouget, capo della divisione aziendale di INSEE.

La Francia fa eccezione su questo punto: “Dei 30 Paesi Ocse con salario minimo, solo tre prevedono un adeguamento automatico legato all’inflazione e solo uno – la Francia – prevede una ripetizione nel corso dell’anno”, sottolinea l’economista Gilbert Cette, presidente del gruppo di esperti sullo Smic essere consultato dal governo prima di qualsiasi aumento.

Macron e Le Pen contro una spinta in più

Oltre a queste rivalutazioni automatiche, il governo può concedere un ulteriore aumento del salario minimo, se lo desidera. Diversi sindacati chiedono anche un aumento molto più alto di quanto previsto dall’aumento automatico del 1 maggio. È il caso di Unsa, che richiede un aumento del 10%. Ma Emmanuel Macron e Marine Le Pen sono entrambi contrari a un simile impulso, che non accadeva dall’elezione di François Hollande nel 2012 e che, secondo loro, penalizzerebbe l’occupazione per i meno qualificati.

Marine Le Pen vuole incoraggiare le aziende ad aumentare i salari esentando dal 10% chi alza i propri dipendenti e guadagna l’equivalente di meno di tre Smic dai premi. Emmanuel Macron, dal canto suo, vuole triplicare il tetto dei bonus senza oneri sociali o tasse che le aziende possono pagare ai propri dipendenti.

Un’altra conseguenza di questo rialzo dello Smic, molte industrie dovranno confrontarsi con salari minimi – previsti dai contratti collettivi di lavoro – che vengono nuovamente superati dallo Smic. Dei 171 siti con più di 5.000 dipendenti, a fine marzo, anche prima di questa rivalutazione, 67 presentavano una griglia che, secondo il ministero del Lavoro, è almeno un coefficiente inferiore allo Smic.

Il CFDT afferma che questi stabilimenti, che sono stati superati dall’aumento di Smic, devono aprire le trattative entro tre mesi per continuare a beneficiare delle esenzioni dalla previdenza sociale per gli stipendi inferiori a 1,6 Smic. La CGT propone che qualsiasi aumento dello Smic inneschi una rivalutazione automatica dei minimi di settore, al fine di evitare uno “schiacciamento” dei salari in fondo alla griglia.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

LIVE – Guerra in Ucraina: una fabbrica militare presa di mira da un bombardamento a Kiev

LeBron rilascia una grande dichiarazione, richiesta nascosta per i Lakers?