in

In cosa consiste il programma economico di Marine Le Pen e chi ne trarrà vantaggio?

Lei gli assicura: è cambiata. Segnata dal dibattito tra i round falliti del 2017, in cui sembrava insicura sui suoi calcoli, Marine Le Pen ha esaminato la sua copia nel 2022. Lasciare l’Unione Europea o andare in pensione a 60 anni per tutti. Questa volta, la candidata al National Rally punta tutto sulle sue proposte di potere d’acquisto… e su un programma che sostiene sia equilibrato. Che cos’è veramente? Franceinfo ha decifrato le sue proposte.

>> Presidenziale 2022: segui gli ultimi giorni della campagna nella nostra diretta

Il principio del patriottismo economico

La pandemia di Covid-19 e la guerra in Ucraina ci hanno ricordato che i difetti della globalizzazione, con carenze, ritardi, aumenti dei prezzi… Marine Le Pen si propone quindi di “patriottismo economico” e “localismo” per “reindustrializzare e produrre ricchezza in Francia”† Alla domanda di franceinfo, il suo capo di gabinetto, Renaud Labaye, lo riconosce“non possiamo spostare tutto”. Si assicura che l’attenzione sia concentrata “industria”i prodotti necessari per il “sovranità” e i settori a “alto valore aggiunto”. Un progetto molto simile a quello di “France Relance”, avviato da Emmanuel Macron nel 2020. “Non possiamo negare che spostare settori strategici sia stata una buona idea”, riconosce Renaud Labaye. Tuttavia, ritiene che il miliardo di euro stanziato dal governo per incoraggiare le ricollocazioni lo sia “troppo debole”.

Il movimento dei lepenisti avverrà solo all’interno dei nostri confini, senza riguardo per i nostri vicini europei? Impossibile, secondo HAnne-Sophie Alsif, capo economista presso BDO France, una società di consulenza economica. Da un lato, perché “La Francia è un mercato molto piccolo, meno attraente per le imprese rispetto all’Unione Europea”. D’altra parteperché “Le catene del valore esistono già a livello europeo”con la ripartizione delle diverse fasi della produzione, in base all’efficienza economica di ciascun Paese e alle competenze ivi disponibili† Produrre interamente sul nostro territorio comporterebbe costi molto più alti, quindi un prezzo più importante per il cliente. “Saranno possibili collegamenti con altri paesi dell’UE”tempera il consulente del candidato RN, che tuttavia crede che in “Rompendo il circolo vizioso di delocalizzazioni – perdita di posti di lavoro – riduzione del potere d’acquisto, i francesi troveranno spazio per acquistare prodotti il ​​cui prezzo sarà stato leggermente superiore”

Il candidato RN vuole anche ridurre il contributo della Francia al bilancio dell’Unione Europea: “cinque miliardi di euro”† Problema: il contributo di ciascuno Stato membro è fissato secondo regole identiche per sette anni. In teoria, la Francia si impegna fino al 2027. Ciò non impedirebbe al candidato, se eletto, di avviare i negoziati prima di questa data, assicura il suo team. Alcuni paesi, come il Regno Unito o i Paesi Bassi, sono già riusciti a ottenere sconti: si stima quindi la probabilità di uno sconto “completamente possibile” da alcuni economisti, come Eulalia Rubio, ricercatrice all’Istituto Jacques-Delors, su richiesta di TF1. D’altra parte gli assomiglia “impossibile” che è della grandezza che RN sperava. Ma se la Francia non paga l’intero contributo dovuto, dovrà affrontare procedimenti giudiziari e sanzioni, inclusa la fine dei generosi sussidi della Politica agricola comune (PAC), di cui beneficiano ampiamente gli agricoltori francesi.

>> Presidenziale: cosa cambierebbe a livello internazionale l’elezione di Marine Le Pen

Il patriottismo economico di Marine Le Pen non si ferma qui. Il candidato di estrema destra vuole stabilire una “priorità nazionale” nell’accesso agli appalti governativi. Ma questa misura violerebbe la legge europea sulla concorrenza, ritiene la Fondazione Terra Nova, etichettata come vicina al centrosinistra. Questa decisione si tradurrebbe in “aumentando i prezzi prima per il governo, poi per il contribuente o per l’utente”secondo il think tank.

Misure per il potere d’acquisto

La campagna di Marine Le Pen è in gran parte incentrata sulla sua promessa di ripristinare il potere d’acquisto da… “dimenticare” Il mandato quinquennale di Emmanuel Macron. Tuttavia, il suo programma moltiplica le proposte a beneficio del portafoglio dei più ricchi, almeno quanto quello della classe operaia.

>> Presidenziale 2022: abbiamo esaminato più da vicino le proposte di potere d’acquisto di Emmanuel Macron e Marine Le Pen

Il candidato quindi promette: “Riduci l’IVA dal 20% al 5,5%” sui prodotti energetici, in particolare sui combustibili. Quale sarebbe uguale a “sovvenzionare famiglie benestanti che consumano molto carburante perché hanno veicoli di grandi dimensioni”spiega Mathieu Plane, economista presso ilOsservatorio francese delle condizioni economiche (UFCE). Allo stesso modo, la riduzione del 15% dei pedaggi andrebbe a vantaggio di tutti gli automobilisti. “LL’autostrada è per lo più utilizzata per i lunghi viaggi (…) e meno spesso per i pendolari quotidiani”indica ulteriormente Terra Nova

A differenza di molti dei suoi concorrenti, che avevano scelto di rilanciare, il salario minimo per migliorare il potere d’acquisto dei lavoratori più precari, Marine Le Pen vuole incoraggiare le aziende ad aumentare del 10% gli stipendi al di sotto del triplo del salario minimo (4.947 euro lordi o più di 1.760 euro sopra lo stipendio medio) esentando questo aumento dai contributi del datore di lavoro. Ma l’Institut Montaigne, un think tank liberale, ritiene che questa esenzione creerebbe principalmente un guadagno inaspettato: andrebbe a vantaggio delle aziende che avevano già in programma di aumentare i salari senza innescare ulteriori aumenti.

Che ne dici di rimuovere? IVA su a “centinaia di bisogni primari” fintanto che l’inflazione è un punto superiore alla crescita”† In teoria potrebbe alleggerire il budget sia dei più modesti che dei più ricchima lui è complicato valutare i vantaggi per il consumatore, poiché l’elenco dei prodotti interessati non è definitivo. Marine Le Pen in primo piano BFM TV “sale, pepe, olio, pasta, assorbenti igienici, pannolini”. Tuttavia, la maggior parte di questi articoli beneficia già dell’IVA al 5,5%. L’efficacia di questa misura dipenderebbe anche da: “il comportamento dei produttori” e distributoriche potrebbero approfittare dell’abolizione della tassa per alzare i prezzi, spiega Brice Fabre, economista dell’Istituto di politiche pubbliche. In tal caso, Marine Le Pen potrebbe ricorrere al blocco dei prezzi, assicura il suo capo di stato maggiore.

Tassazione a favore dei più ricchi

Anche in questo caso, la politica fiscale del programma di Marine Le Pen gioverebbe principalmente ai più ricchi e alle società. Il candidato propone quindi un’esenzione dall’imposta sul reddito per tutti i giovani dipendenti fino all’età di 30 anni, in modo ches “rimanere in Francia e trovare qui la propria famiglia”. Questa misura riguarderebbe infatti soprattutto i giovani più ricchi. Con un reddito medio di 7.490 euro annui, la stragrande maggioranza dei giovani tra i 18 ei 25 anni non è soggetta a tassazione. Per quanto riguarda i 26-30enni, il loro reddito (in media 16.220 euro) “li espone a un carico fiscale di per sé molto basso nella maggior parte dei casi”sottolinea il think tank Terra Nova. “Dove il giovane precario guadagnerà poco, il giovane dirigente avrà in tasca qualche migliaio di euro e lo Stato perderà qualche miliardo in più”.

Le donazioni ai ricchissimi riguarderebbero anche la tassa sul patrimonio. Marine Le Pen vuole sostituire l’imposta sul patrimonio (IFI) con un’imposta sul patrimonio, dalla quale è esente la residenza principale. Una misura che “proteggerà la classe media che a volte è entrata nelle ISF [prédécesseur de l’IFI] attraverso la semplice valorizzazione di un patrimonio immobiliare di famiglia”assicurato il candidato per parigino† Attualmente l’IFI riguarda immobili superiori a 1,3 milioni di euro, da cui vanno detratti i debiti esistenti, oltre ad una riduzione del 30% sull’abitazione principale. In altre parole, un francese il cui immobile è costituito da una residenza principale del valore di 1,7 milioni di euro non paga alcuna imposta su di essa.

Il candidato prevede anche di abbassare la tassa di successione. UN “caso da manuale del regalo vuoto”, secondo Terra Nova. E giustamente: come ogni riforma del diritto successorio, anche questa riguarda principalmente i francesi più ricchi. “Dall’85 al 90% delle eredità dirette (da genitore a figlio) sono esenti da tasse”ha spiegato a franceinfo l’economista Clément Dherbécourt.

Finanziamenti probabilmente sottovalutati

Marine Le Pen, criticata per la fattibilità del suo programma economico, ha pubblicato un documento sui costi che descrive in dettaglio come riequilibrerà il suo budget. Ma le sue affermazioni sono lontane dal convincere gli economisti, che per molti ritengono che i costi delle misure previste siano ampiamente sottovalutati. L’Institut Montaigne stima quindi la spesa in 119,6 miliardi di euro, lontano dalla previsione di 68,3 miliardi di euro. Alcune delle misure individuate come: “senza conseguenze di bilancio” Secondo gli economisti, ciò comporterebbe anche dei costi reali per lo Stato. “Non è un conto finanziario, è un ordine di grandezza di misure”giustifica il capo di stato maggiore di Marine Le Pen.

Anche il reddito che compenserebbe i costi individuati dal candidato non è chiaro. La lotta alle frodi dovrebbe quindi fruttare 15 miliardi di euro. Ma “Voler recuperare integralmente l’importo legato alla frode è un’illusione”ricorda Xavier Timbeau, alcuni parametri sono difficili da controllare (pagamenti in contanti, straordinari, ecc.). “Possiamo sperare di recuperare 7 miliardi di euro dalle frodi sociali, ma non prima del 2027. (…) Per quanto riguarda l’evasione fiscale, più di 5 miliardi di euro mi sembrano complicati”dice il lobbista Agnes Verdier-Molinie in il parigino† Al Raduno Nazionale, Renaud Labaye scommette su “un ministero dedicato e un “volontà politica” al fine di raggiungere l’obiettivo.

Alcune ricette, come la previsione che “il forte calo dell’immigrazione consentirà di ridurre molti costi legati al precariato”stimato in due miliardi di euro, sembra ancora più vago. “È una stima di quanto porterà la caduta della criminalità, risparmiando sul budget dei traduttori nei tribunali o sui danni alle auto della polizia, per esempio”spiega Renaud Labaye.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

film e serie da non perdere

l’entusiasmante calendario della lotta da mantenere