in

Inaugurazione di “Grain de sable”, mostra collettiva alla Villa des Arts di Rabat | Notizie Conso

Si è svolta venerdì sera alla Villa des Arts di Rabat l’inaugurazione della mostra collettiva “Grain de sable”, organizzata dalla Fondazione Al Mada.

Con 14 artisti, tutti del sud del Marocco, questa mostra mette in luce attraverso le loro opere le regioni meridionali del Regno “nelle sfumature dorate dei paesaggi con una tavolozza minimalista e monocromatica, ricca di sfumature e un’infinità di toni che brillano in modo diverso a seconda il delle ore del clima”.

“Mistico, magico e melodico, il Sahara canta (…) questo fenomeno armonico, è senza dubbio anche fonte di ispirazione per alcuni di questi artisti del sud”, dice qualcuno nel catalogo preparato per questa mostra.

Questo evento artistico che “rivela l’impronta della musicalità del Sahara” presenta le opere di un collettivo di artisti tra cui Ahmed Bibaoune, Aymane Errachidi, Farida Bouâchraoui, Hassan Abarou, Ismail Oulhaj-Alla, Karim Barka, Kamal Saki, El Imam Djimi , Mohamed El Mourid, Omar Ennaciri, Said Aoubraim, Tarek Rahel e Said Rais, nonché “il tenore della creazione contemporanea”, Mohamed Arejdal.

“Sono stato invitato insieme ad altri 13 artisti dalla Fondazione Al Mada a partecipare a questa mostra collettiva, che è un buon passo per la promozione artistica”, ha affermato El Imam Djimi nella sua dichiarazione a M24, il canale che fornisce continuamente informazioni dal MAP riceve.

“Con le mie sei opere in mostra, voglio rendere i visitatori consapevoli dell’importanza dei petroglifi, che sono diventati la mia passione, e della necessità di proteggerli da saccheggi e demolizioni”, ha insistito.

Questo professore di educazione plastica, originario della città di Agadir, ha anche confermato che le sue opere, ispirate all’arte rupestre, riflettono il suo attaccamento alla regione e alle tradizioni sahariane.

Mohamed El Mourid, da parte sua, ha spiegato che il suo lavoro si basa sulla sperimentazione di diversi media, tra cui la fotografia e l’installazione.

“Le cinque principali opere esposte, realizzate con un’impronta sulla pelle, formano un’unica opera, grazie alla tecnica dell’installazione, che illustra i ritratti di donne e riflette un armonioso mix di culture, in particolare amazigh ed ebraica”, si legge. artista che si identifica come nomade.

Il Sig. El Mourid ha accolto con favore l’organizzazione di questa mostra, osservando che la particolarità di questo evento risiede nel suo carattere collettivo, riunendo 14 artisti nello stesso luogo, consentendo la condivisione delle loro esperienze e anche il loro desiderio di ospitare un evento. promossa. la stessa specie nella regione meridionale.

Fatima Bouâchraoui, nel frattempo, ha preso parte alla mostra per rappresentare la sua defunta sorella, l’artista Farida Bouâchraoui, che si è inchinata il 12 dicembre 2021.

“Professoressa all’Università Ibn Zohr di Agadir, l’arte della fotografia l’ha sedotta all’età di 13 anni”, spiega Bouâchraoui, aggiungendo che sua sorella aveva iniziato la sua esperienza artistica con istantanee che illustravano i paesaggi della sua regione prima di appassionarsi alle donne Amazigh.

“Donna forte e determinata, Farida ha legato la sua passione artistica alla sua carriera e ha pubblicato due cataloghi fotografici: +Amazigh Emotions, Regards sur la Femme de l’Anti-Atlas+ e +Les Lumières des Médersas Âtiqas à l’ombre du Sufismo+, disse.

Fatima Bouâchraoui ha evocato sua sorella con emozione, pensando che la mostra “Grain de sable” sia anche un omaggio postumo al talento artistico di Farida e una continuazione del suo lavoro.

“Farida aveva preparato questa mostra con il cuore, ma non ha potuto parteciparvi. Mantenerlo è un grande tributo alla sua memoria”, ha aggiunto.

La mostra “Grain de sable” durerà fino al 30 giugno presso la Villa des Arts di Rabat e si svolgerà dal 21 aprile al 30 giugno presso la Villa des Arts di Casablanca.

Fonte: MAPPA

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

David Goffin vince la 36a edizione del Grand Prix Hassan II de Tennis

Il ministro delle Finanze sotto una pioggia di critiche per il suo regime fiscale