in

informare i consumatori sulle modifiche alla prescrizione è un file di mal di testa

Di fronte alle interruzioni del mercato dell’olio di girasole, le federazioni industriali chiedono alla DGCCRF di allentare alcune regole di etichettatura.

Patatine fritte, patatine, piatti pronti o anche biscotti… L’olio di girasole è un ingrediente essenziale nella composizione di più di “ 8000 prodotti popolare tra i consumatori francesi, secondo l’Associazione delle aziende di prodotti alimentari trasformati (Adepal). Il problema è che l’Ucraina è il più grande produttore di olio di girasole al mondo e che Russia e Ucraina rappresentano non meno del 78% delle esportazioni mondiali di questo olio. Una dipendenza dalla produzione di questi due paesi che oggi mette i produttori di fronte alla carenza di questa parte delle loro ricette. † Alcuni produttori sono già quasi carenti di olio di girasole. A partire dalla prossima settimana, alcuni dovranno sostituirlo con olio di colza, olio di soia o olio di palma. », afferma Jérôme Foucault, Presidente di Adepal.

Ma quando viene apportata una modifica alla prescrizione, i consumatori devono essere informati, il che è un problema nella situazione attuale. † Sarebbe difficile per i produttori acquisire tutte le loro etichette in così poco tempo, soprattutto perché il mercato delle etichette e della carta in generale è attualmente sotto pressione. », spiega Jérôme Foucault di Adepal.

Un problema tecnico riconosciuto da Olivier Andrault, responsabile della missione alimentare all’interno dell’associazione dei consumatori UFC-Que Choisir: “ Solitamente gli imballaggi vengono ordinati in grandi quantità, per tutto l’anno. Inoltre, devi prenotare il tuo slot con sei mesi di anticipo. Non è praticamente né economicamente possibile cambiarli in breve tempo. Ecco perché i produttori in “ consultare il DGCCRF (NdR: Garantire informazioni accurate dai consumatori) per ottenere esenzioni » spiega Jérôme Foucault.

VEDI ANCHE – “Non c’è mai stata carenza di pesce in 30 anni”: il fish & chips nel Regno Unito soffre delle sanzioni russe e dell’aumento dei prezzi dell’energia

Un sito di informazioni unico

Diverse sono le opzioni sul tavolo: creare un unico sito informativo in cui vengano presentati tutti i prodotti la cui ricetta è in fase di adattamento. † È un minimo, ma è molto insufficiente. Chiediamo che laddove il pezzo di ricambio sia potenzialmente allergenico, sia indicato direttamente su ogni prodotto con un adesivo afferma Olivier Andrault di UFC-Que Choisir. Si tratta principalmente di biscotti, torte, cioccolatini e altri prodotti in cui la lecitina di soia ha sostituito la lecitina di girasole.

Una richiesta accolta da Adepal: “ Questo è ovvio per i prodotti allergenici, ma anche per quelli la cui affermazione senza OGM o senza olio di palma, ad esempio, non sarà più vera. L’Ucraina è infatti uno dei principali fornitori di semi di girasole e torte per mangimi non OGM. A causa della mancanza di disponibilità, gli allevatori non hanno altra scelta che utilizzare farina di soia OGM. Quindi sembra esserci accordo su questi casi specifici.

Ma l’Associazione delle aziende di prodotti alimentari trasformati (Adepal) chiede velocità nel processo decisionale per il resto dei prodotti, il cui cambio di ricetta non comporta un allergene o un’affermazione che diventerebbe fuorviante: La situazione deve essere sbloccata sui prodotti sicuri per i consumatori. È urgente ‘ insiste il presidente.

A questo punto le associazioni dei consumatori chiedono l’affissione nei reparti interessati di pannelli espositivi che indichino le modifiche alle ricette e il loro impatto sui prodotti. Ma in attesa del ritorno dei professionisti della grande distribuzione e del loro parere in merito. In effetti, il costo della creazione di questi pannelli informativi sarebbe a loro carico. †Accettiamo temporaneamente che le etichette non vengano modificate a causa della situazione. Ma per informazioni oneste ai consumatori, questi pannelli sono necessariafferma Olivier Andrault di UFC-Que Choisir.

Contattato da Le Figaroha assicurato alla DGCCRF che “ gli arbitrati non si sono ancora svolti, ma dovrebbero svolgersi a breve


VEDI ANCHE – Di fronte alla carenza, l’industria tedesca sta accumulando riserve

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Persone: Johnny Depp? Un “mostro”, dicono gli avvocati della sua ex, Amber Heard

Just Eat sostituisce un terzo dei suoi autisti di consegna a pagamento