in

James Bond “Morire può aspettare” sembra ancora l’eroe di Ian Fleming?

CINEMA – James Bond nasce nel 1953, sotto la penna di Ian Fleming e del suo primo romanzo Casinò reale† Il romanziere britannico, ufficiale dell’intelligence navale durante la seconda guerra mondiale, scrisse 14 volumi – di cui 2 pubblicati postumi – sulle avventure dell’Agente 007.

La morte può aspettare, in onda sabato 16 aprile alle 21:05 su Canal+ mentre l’intera saga è disponibile su myCanal, il 25° film è ispirato al suo lavoro. Ma il James Bond incarnato da Daniel Craig assomiglia ancora all’eroe suggerito da suo “padre”?

Nel lungometraggio 2:45 diretto da Cary Joji Fukunaga (Bestia di nessuna nazione, Maniac), Daniel Craig alias James Bond viene ritirato dal suo dolce ritiro in Giamaica per affrontare i suoi migliori nemici: Blofeld (Christoph Waltz), il leader dell’organizzazione criminale Spectre e soprattutto Safin (Rami Malek) con formidabili armi tecnologiche. .

Quando al James Bond in pensione piacciono più le scarpe da ginnastica che lo smoking, l’essenza del genere sembra esserci: inseguimenti spettacolari, pesanti sparatorie, gadget e paesaggi grandiosi, dalla Norvegia alla Giamaica e nel sud Italia. Ma La morte può aspettare mostra anche una spia più umana e fallibile che mai, profondamente innamorata di Madeleine Swann (Léa Seydoux) da quando Spettro

Un tormentato James Bond già nei libri

“Questo lato infestato, oscuro e vulnerabile era già fortemente presente nei romanzi. Daniel Craig, come Timothy Dalton prima di lui [Tuer n’est pas jouer et Permis de tuer, ndlr]prendere molto in prestito dal personaggio di Ian Fleming”, risponde L’HuffPost Guillaume Evin, autore di libri sul cinema e specialista francese di James Bond. “Fleming gioca su due registri: mostra il killer terrificante, spietato, pragmatico e affidabile, ma descrive anche qualcuno che è praticamente nevrotico, sensibile e coinvolto in molti stati d’animo”.

Nei libri, James Bond è stato innamorato di due donne: Vesper Lynd, presente dal primo romanzo di Fleming (interpretata da Eva Green nell’adattamento cinematografico) e la contessa Tracy di Vicenzo che appare in A proposito dei servizi segreti di Sua Maestà† “Il primo si suicida, l’altro viene assassinato il giorno del suo matrimonio con James Bond, e queste perdite gli causano un grande trauma”, dice il nostro interlocutore.

Ma per il “bondologo”, il lato “cuore di carciofo” del personaggio La morte può aspettare che si innamora perdutamente di Madeleine Swann poco dopo la morte di Vesper Lynd, non è fedele all’eroe storico. “Questa rappresentazione di un duro dal cuore tenero è sbagliata. Passiamo al sentimentalismo e perdiamo di vista 00″.

Inoltre, nei romanzi James Bond era tutt’altro che un uomo comprensivo. “The Leap di Ian Fleming è ogni giorno piuttosto deprimente. Fugge da cene sociali, cocktail, non va mai al cinema. È un bulldozer, una cassaforma ruvida e manca di tatto”, descrive l’autore di C’era una volta James Bond biografia immaginaria del più famoso agente segreto.

L’umorismo freddo di Daniel Craig

Oltre alla non somiglianza fisica – in questo gioco era piuttosto il più alto e atletico Sean Connery ad essere il più vicino – ci sono altre cose che mancano al personaggio interpretato da Daniel Craig. In La morte può aspettare“Ad esempio, quando l’eroe beve la sua tradizionale vodka martini, non lo vediamo mai mangiare. “Ci sono molte pagine dedicate al piacere della carne nei romanzi di Fleming. Vini pregiati, piatti buoni, uova strapazzate con erbe fini… Un lato estetico e raffinato che abbiamo trovato da Roger Moore”, descrive l’esperto.

Infine, se il tocco dell’umorismo britannico non è assente La morte può aspettaresono nuovi fantastici personaggi da cui proviene, come Ana de Armas nei panni di Paloma, una spia della CIA non così ingenua a Cuba, o Lashana Lynch nei panni dell’Agente Nomi, nuova detentrice del numero 007 dell’MI-6, determinata a uccidere suo predecessore per ricordargli che è obsoleto.

“È vero che non ci piaceva l’umorismo dall’era di Craig. Abbiamo un umorismo più freddo, che corrisponde al suo carattere. Nei libri, invece, Bond è sempre nel ping-pong verbale, con l’amico Felix Leiter, con le donne, ma anche con i suoi avversari. Gli piacciono le sue piccole rivolte verbali perché sa che in questo modo può provocare e destabilizzare i suoi nemici”, ricorda Guillaume Evin.

In quindici anni di servizio che terminano con La morte può aspettare Daniel Craig avrà “portato con sé la sua personalità, ma l’ha anche presa dall’eroe” fiammingo “” come tutti gli altri artisti prima di lui, mentre gli sceneggiatori ingrandiranno, appianano o cancellano quantità di elementi dal complesso di eroi creato nel 1963 per restare fedele alle epoche che ha attraversato.

E una volta annunciato il nome del successore di Daniel Craig per vestire il costume di James Bond, ricomincia l’eterno gioco di somiglianze e differenze.

Vedi anche su L’HuffPost: Daniel Craig rivela la sua star di Hollywood: “Un onore esibirsi”

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Le 9 date che hanno fatto il podcast francese

La coppia Biden ha registrato un reddito di poco superiore a $ 600.000 nel 2021