in

Jean-Pierre Foucault perde la battaglia contro il fisco: salata correzione fiscale per il presentatore

Il conto è stato salato per Jean-Pierre Foucault se dobbiamo credere alle informazioni sul sito Gotham City La conduttrice 74enne ha dovuto arrendersi alle ISF (imposta di solidarietà sul patrimonio) una piccola fortuna dopo aver fatto investimenti che gli hanno impedito di andare al botteghino tra il 2011 e il 2015.

Fu negli anni ’70 che il compagno di Evelyne Jarre iniziò la sua carriera in televisione. E poi ha percorso un percorso molto bello presentandosi in particolare L’Accademia dei Nove (Antenna 2), Chi vuol essere milionario? (TF1) o anche sera santa (TF1). In questi bei anni riuscì a raccogliere una grande fortuna. Questo gli ha permesso di effettuare diversi investimenti, come una società di produzione di film pubblicitari (le Film de votre vie SA, liquidata nel 2016) o di diventare azionista del 25% nel gruppo delle scuole post-diploma Media School, a Marsiglia. Ha anche investito nelle energie rinnovabili dopo aver incontrato l’imprenditore Jean-Christophe Bestaux. Ha investito denaro in due impianti fotovoltaici in Guadalupa: il 10% di Petit Canal 1 les Palétuviers SARL e l’8% di Solar Farm di Sainte Marguerite SARL. Così come in due società a Santo Domingo: 10,5% di Manzanillo power suolo e 20% di Inversiones tegna caribe. Nel 2015 ha persino cambiato l’obiettivo aziendale della sua azienda Parasol Production per aggiungere la produzione di energia.

Questo gli ha permesso di pagare l’imposta sul patrimonio (ISF) che doveva pagare solo nel 2017 (anno in cui Emmanuel Macron l’ha abolita). Il sitoweb Capitale trasmettendo le note informative che nel 2015 avrebbe dovuto pagare 68.817 euro, “cche, al tasso allora vigente, corrispondeva ad un patrimonio di circa 7,5 milioni di euro“. Ma per evitare questo, eh si basava sul Girardin Act, che consentiva di esentare gli investimenti in Dom Tom, nonché sul patto di Dutreil, di tagliare l’ISF del 75%. Per quest’ultimo trucco, ha dovuto accettare di trasmettere la sua eredità, cosa che ha fatto per sua figlia Virginie, e lui… l’attività dell’azienda doveva essere prevalentemente commerciale

Ma nel tempo, la Fisc è stata dell’opinione che la produzione di Parasol non soddisfacesse più tutte le condizioni approfitta del Patto di Dutreil. Nel 2017, Jean-Pierre Foucault ha quindi avuto un conguaglio di 365.394 euro per la sua ISF per gli anni dal 2011 al 2015. Il presentatore ed Evelyne Jarre hanno presentato ricorso contro questa decisione. davanti alla corte di Parigi, poi alla corte d’appello. UN battaglia che hanno perso† Era per lui ha chiarito che il fatturato della società da attività commerciali era minimo e di conseguenza non poteva più beneficiare del Girardin Act, e quindi di una riduzione fiscale

Il Sig. Foucault non prova che i beni destinati ad attività commerciali rappresenterebbero più del 50% del suo patrimonio lordo. Al contrario, i dati raccolti dall’Agenzia delle Entrate mostrano che l’attivo lordo è costituito principalmente da titoli negoziabili. Il sig. Foucault non adduce alcun elemento che possa contraddire l’analisi così effettuata dal fisco. Si accontenta del solo fatturato generato essenzialmente dall’attività commerciale, senza presentare alcun documento contabile che lo giustifichi. Di conseguenza, il sig. Foucault non prova che l’attività commerciale diverrebbe predominante“, si è pronunciato il tribunale. Un parere condiviso dalla corte d’appello: “La società ha scelto di utilizzare la propria liquidità per eseguire operazioni di investimento, acquisendo titoli negoziabili, oltre a partecipazioni in società di produzione di energia rinnovabile. La società, quindi, dedica parte delle proprie risorse ad operazioni di investimento e quindi esercita un’attività di gestione del proprio patrimonio, di natura civile. [et non commerciale]† Il Sig. Foucault non prova che i beni destinati ad attività commerciali rappresenterebbero più del 50% del suo patrimonio lordo. La liquidità (investimenti + liquidità) rappresenta per gli anni considerati tra il 79,5% e l’89% del capitale lordo. Il fatturato generato dall’attività commerciale è inferiore al 50% dell’importo del fatturato totale per ciascuno degli anni considerati.

L’avvocato di Jean-Pierre Foucault, Philippe Gosset, che è stato contattato dai nostri colleghi, ha rifiutato di commentare.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

i due giochi gratuiti della settimana sono monumenti ai giochi indie

Nonostante la nomina di Ketanji Brown Jackson, Joe Biden perde l’elettorato afroamericano