in

Kevin Durant: “Ecco perché non ho mai segnato 60 punti”

Kevin Durant ha spiegato perché non è riuscito a segnare 60 punti come Kobe Bryant

Showtime Sports (DR) / NBA (DR)

Kevin Durant è uno dei giocatori più inarrestabili della storia, ma la sua altezza in carriera è “solo” 55 punti Attraverso un podcast, il leader dei Nets ha spiegato perché non ha mai superato la simbolica barra dei 60 o addirittura dei 70 punti.

Questa è un’opinione ovviamente aperta al dibattito, ma per alcuni osservatori e per molti giocatori che hanno avuto la possibilità di affrontarla, Kevin Durant sarebbe il miglior attaccante nella storia della NBA. Per Michele Giordano. Per Kobe Bryant. Al più grande tiratore di tutti i tempi, Stephen Curry. L’argomento principale di coloro che supportano questa affermazione è che con la sua altezza KD non dovrebbe essere così a suo agio con una palla in mano.

Ed è vero che vedere il gioco numero 7 dei Nets è uno spettacolo unico di cui non ti stancherai mai. A 6′ di altezza, l’altezza di un kingpin, il due volte MVP delle finali può dribblare come un playmaker, è a suo agio fuori come un terzino e può finire con le spalle al canestro come un interno. † E poiché è enorme e ha braccia infinite, è semplicemente inarrestabile per i difensori.

Kevin Durant vittima di troppe riprese in due

Nonostante tutte le sue qualità e lo status concessogli da alcuni, il record in carriera di Kevin Durant è “solo” 55 punti, meno di, diciamo, Klay Thompson o Devin Booker. Passando attraverso il podcast di JJ Redick, l’MVP 2014 ha spiegato perché non è mai riuscito a superare i 60 punti quando ha il talento per farlo con relativa facilità.

Penso che sia a causa del mio stile di gioco, del modo in cui vedo il basket. Non voglio forzarlo, per far sembrare le cose naturali. Quando ho iniziato a organizzare la partita dei Thunder nel 2013, la vedevo diversamente, trovavo le lacune in difesa. Ho capito in quel momento quando e dove scattare alcune foto. Ma voglio anche coinvolgere i miei compagni di squadra e dare priorità ai passaggi.

Questo è il motivo per cui non ho mai ottenuto più di 60 o 70 punti in una partita. Quando vedo un uomo compiere 60 anni, noto che gli allenatori dell’avversario non fanno quasi nessun aggiustamento. Ci vuole molto per segnare così tanti punti. Almeno 15 tiri liberi, tiri da 3 punti aperti… non mi servono. È difficile piazzare 60 punti quando devi girare l’intero gioco su due giocatori.

Kevin Durant ha ragione, è stato vittima di double-takes su quasi tutti i suoi possedimenti, il che non rende le carte più facili. Ma altri prima di lui ci riuscirono, e in particolare Kobe Bryant, che era visto come un latte in fiamme. Nonostante questa limitazione, il Mamba è riuscito a salire a 81 punti una notte nel 2006. D’altra parte, KD segna un punto dicendo che avrebbe bisogno di molti fischi per arrivare a 60. 7 colpi “solo” 11.

Kevin Durant è un giocatore naturale che non forza quando è in campo. Se il gioco gli permette di piazzare 50 punti, lo fa senza esitazione. D’altra parte, non andrà contro lo spirito dell’assemblea per accaparrarsi alcune unità. Preferisce far brillare i suoi compagni di squadra e questo è merito suo.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Le azioni seguiranno alla Borsa di Parigi domani – venerdì 8 aprile 2022 – 07/04/2022 alle 18:26.

i due giochi gratuiti della settimana sono monumenti ai giochi indie