in

Kevin Durant in fondo al buco, la frase che fa molto male

Tornati al muro dopo le due sconfitte inaugurali contro i Celtics, i Nets sperano di trovare un Kevin Durant fedele ai suoi standard per il resto della serie. Per ora, lo Slim Reaper continua a beneficiare delle critiche, l’ultima delle quali si sta rivelando ultra affilata.

Le preoccupazioni che lo circondano per la fine della stagione regolare sarebbero confermate? In ogni caso, che sia davvero la fatica o qualcos’altro, Kevin Durant incolpa seriamente il colpo all’inizio dei playoff. Infatti, nelle prime due partite della serie contro i Celtics, tira al 31,7%, 28,6% su 3 punti e 5 persi. Medie lontane dalle solite prestazioni.

Preso a tenaglia dalle difese di Boston, il leader dei Nets paga logicamente il prezzo di questa pessima forma sulle reti e sui media americani. Il KD-bashing non era popolare da molto tempo e la maggior parte dei noti analisti statunitensi lo ha colpito con buon cuore nelle ultime ore. Shannon Sharpe non fa eccezione.

Kevin Durant ha postato per il suo record post-Guerrieri

sul set di indiscusso, giovedì, Sharpe e il suo compagno Skip Bayless hanno entrambi parlato dell’attuale battaglia di Durant. In particolare, si sono chiesti se un ko al primo turno potesse influenzare il segno che lascerà nella storia della NBA. Una domanda a cui il consigliere ha risposto con una spiegazione omicida per lo Slim Reaper!

Quelle due partite perse non influenzeranno ancora la sua leggenda, ma se perde questa serie di vittorie, lo farà. I Nets possono sempre tornare e vincere, e se vincono questa serie, nessuno ricorda le partite 1 e 2. Ma la sua super squadra è stata finora un fallimento, e se guardi alle ultime tre stagioni, non sta vincendo. solo una serie di playoff. Deve dimostrare di poter vincere al di fuori di Golden State.

Infatti, da quando è arrivato a Brooklyn, Durantula ha giocato solo un round dei playoff l’anno scorso… contro i Celtics. Un record indegno del suo talento, che può essere spiegato dalla sua prima stagione a vuoto sul dischetto e dagli infortuni che Kyrie Irving e James Harden hanno subito contro i Bucks lo scorso anno. Nonostante tutto, un’altra uscita anticipata dalle fasi finali metterebbe al centro dei dibattiti la sua scelta di lasciare i Warriors.

Spinto dal suo ego e dal desiderio di stabilire la sua fama al di fuori dei Dubs, KD potrebbe mordersi le dita, come avverte Shannon Sharpe con parole feroci:

I Warriors avevano un disperato bisogno di lui, ma anche lui aveva un disperato bisogno di loro. Quindi deve dimostrare di poterlo fare al di fuori di Golden State perché finora non l’ha fatto.

Praticamente intoccabile a Golden State, Kevin Durant trova molto più difficile riconnettersi con il successo sul lato di Brooklyn. Un altro fallimento nei prossimi giorni, e la sua eredità nella competizione potrebbe subire un duro colpo!

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Occupazione in Algeria: quali settori stanno assumendo di più nel 2022?

F1 2022: Shiny trailer, data di uscita ed edizioni, la simulazione annuncia il suo ritorno