in

Khamzat Chimaev, la superstar emergente dell’UFC

In quattro combattimenti nell’UFC, Khamzat Chimaev è diventato l’attrazione della principale competizione di arti marziali miste. L’imbattuto svedese ha schiacciato tutti i suoi avversari con una facilità allarmante. Il bambino prodigio sfida il formidabile Gilbert Burns sabato e affronta già il trono dei pesi welter, detenuto da Kamaru Usman.

L’ultima esibizione di Khamzat Chimaev nell’ottagono è stata una gemma di perfezione. Era il 30 ottobre 2021 ad Abu Dhabi, contro Li Jingliang, 11 annie nel welter. Gli ci sono voluti solo dieci secondi per afferrare frontalmente il suo avversario e scuoterlo come un susino, quindi rivolgersi alla boss dell’Ultimate Fighting Championship (UFC) Dana White, seduta sul bordo della gabbia.

Mentre torturava Jingliang a terra, Chimaev urlò a White: “Dana! Dana! Dana! Sto prendendo tutti! Sono il re!”

“Ha giocato con lui come un bambino”, ha detto Alexandre Herbinet, giornalista e conduttore del podcast RMC Fighter Club. Pochi istanti dopo, Khamzat Chimaev pose fine al calvario cinese battendolo per sottomissione, con una perfetta morsa. Una quarta manifestazione consecutiva all’UFC per il fenomeno.

“Io distruggo tutti”

Sabato 9 aprile, l’evento principale dell’incontro UFC 273 a Jacksonville (Florida) vedrà il campione dei pesi piuma Alexander Volkanovski contro lo “zombie coreano” Jung Chan-Sung. Un poster allettante ma oscurato da quello tra Gilbert Burns e Khamzat Chimaev.

Il ritorno dello svedese al labbro leporino – stigma di una caduta da bambino – è atteso con impazienza per le sue precedenti spettacolari esibizioni. Nato in Cecenia nel 1994 ed emigrato in Svezia nel 2013 dove è stato naturalizzato, Khamzat Chimaev è una fusione di ciò che funziona meglio nelle MMA: un talento straordinario e una bocca grande per aggiungere spezie.

Illustrazione il 16 luglio 2020 durante il suo primo incontro nell’UFC. Khamzat Chimaev, un puro prodotto della scuola di wrestling cecena, spazza via John Phillips in due round. “Voglio combattere la prossima settimana, in qualsiasi momento. Ho troppa fame. Dammi qualcuno e lo distruggerò come oggi”, dichiara il vincitore a passo d’uomo, senza perdere il sorriso.

Dieci giorni dopo, quello soprannominato “Borz” (“Lupo” in russo) esercita un’enorme pressione su Rhys McKee e vince per KO tecnico in soli tre minuti. “Ho schiacciato tutti. Dammi i campioni sotto gli 84 chili e sotto i 77 chili, li batterò lo stesso giorno”, continua nella sua intervista post-combattimento.

Lo specialista di wrestling ha quindi dimostrato tutta la potenza del suo pugno nel suo terzo incontro UFC il 19 settembre 2020: il suo avversario, Gerald Meerschaert, è stato eliminato in 17 secondi con un solo pugno. Tredici mesi dopo, Chimaev ridicolizzerà Jingliang.

I numeri sono difficili da credere: 10 vittorie e nessuna sconfitta in carriera, meno di 13 minuti di combattimenti in quattro incontri UFC e 254 strike per soli 2 incassati in quelle quattro uscite. Un vero rullo compressore che “funziona per tutti”, riassume Alexandre Herbinet.

Uno stacanovista sopravvissuto al Covid-19

Con la sua eredità e la sua lotta esemplare, Khamzat Chimaev è spesso paragonato a Khabib Nurmagomedov, l’invincibile russo ora in pensione (29 vittorie, nessuna sconfitta). Il parallelo è seducente, ma ha comunque un trucco che il suo più grande non aveva: questo gusto per la provocazione, per la piccola frase che aumenterà la pressione e attirerà gli spettatori. Anche le MMA sono una disciplina in cui lo spettacolo è importante.

“Non diventi una star nell’UFC se non sei super dominante nella gabbia e/o se non stai urlando. Ma per essere una vera superstar hai bisogno di entrambi. Era il caso di tutti i grandi come Brock Lesnar, Ronda Rousey nel suo periodo di massimo splendore, Conor McGregor… Avevano il carisma che derivava dalle esibizioni”, spiega Alexandre Herbinet. “Borz” segue lo stesso percorso, da qui la sua enorme popolarità.

Khamzat Chimaev vive solo per la lotta. All’Allstar Training Center di Stoccolma, dove si allena, “tutti i ragazzi che lo incontrano lo descrivono come un pazzo stacanovista: non si prende una pausa, non ha un giorno libero, è sempre lì e lui si allena sempre ad alta intensità”, sviluppa il giornalista di RMC. Una quasi ossessione che gli si rivolse contro.

A fine 2020, l’ascesa di Borz si è interrotta quando ha contratto il Covid-19. Chimaev è stato duramente colpito e ha continuato ad allenarsi, peggiorando le sue condizioni. Molto indebolito, demoralizzato, ha annunciato il suo ritiro nel marzo 2021 prima di cambiare idea. Il sostegno del suo grande amico, il controverso leader ceceno Ramzan Kadyrov, ha avuto molto a che fare con questo. La sua lotta in rimonta contro Li Jingliang ha dimostrato che non era cambiato.

Kamaru Usman, il boss finale

Undicesimo nella classifica dei pesi welter UFC, Chimaev ha un’occasione d’oro con questa lotta contro Gilbert Burns, n. 2 nella categoria dietro al campione Kamaru Usman e n. 1 Colby Covington. Il brasiliano è un grande cliente. È il primo vero test dello svedese. Una sconfitta spezzerebbe tutta la passione che era stata suscitata negli ultimi due anni.

Dana White, ha un piano: se Gilbert Burns viene schiacciato a sua volta da Chimaev, nulla ostacolerà la lotta di quest’ultimo per il titolo. Questo è ciò che tutti in MMA aspettano: una lotta tra Khamzat Chimaev, il giovane lupo dall’appetito feroce, e il predatore in cima alla catena alimentare, Kamaru Usman.

Il nigeriano ha schiacciato la categoria welter per oltre tre anni. Il campione ha difeso il suo titolo cinque volte. Colby Covington, il contendente più serio? Battuto due volte. Jorge Masvidal? Stesso premio, con il bonus del miglior knockout del 2021. Gilbert Burns? Trasportato da “The Nigerian Nightmare” (“The Nigerian Nightmare”) nonostante una buona resistenza. Kamaru Usman domina indiscusso e occupa il primo posto in tutte le categorie.

La lotta di sabato servirà quindi come esame e anticamera per un tiro al titolo per “Borz”. Alexandre Herbinet vede un “lato inevitabile” in questo duello filigrana: “Se Chimaev domina Burns, due ragazzi ultra-dominanti si incontrerebbero per il titolo. Se batte Burns sabato, Usman-Chimaev sarebbe di gran lunga il più grande incontro dell’anno “E forse la più grande battaglia da molto tempo. Il pay-per-view venderebbe molto bene. Molto più di Ngnannou-Gane, che era una lotta prevista”.

Khamzat Chimaev non ha mai nascosto di aver preso di mira Kamaru Usman, e persino Israel Adesanya, l’altro nigeriano che regna nei pesi medi. Per farlo, deve prima superare l’ostacolo di Gilbert Burns. Che, ad ascoltarlo, sarà solo una formalità. “Lo bacerò e lo metterò fuori combattimento, ragazzi, ve lo prometto”, ha detto mentre guardava i due giorni di riposo.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Sommozzatori dispersi in Malesia: salvata la giovane francese dopo tre giorni di indagini

Solo 179€ per questo smartphone con display a 90 Hz e compatibilità 5G