in

L1: Payet, il colpo di stato

Autore di giovedì contro il PAOK Saloniki di uno dei gol dell’anno, Dimitri Payet conferma partita dopo partita quanto sia essenziale all’OM in questa stagione; Jorge Sampaoli conterà su di lui domenica contro il Montpellier al termine della 31a giornata di Ligue 1.

Il gol è già stato descritto, l’equilibrio perfetto a 20 metri dalla porta, il relax assoluto, il corpo piegato a sinistra quando il passaggio veloce e difficile di Under arriva da angolo e poi il piede destro, che non è Mr. Toulemonde, per mandare un mezzo tiro al volo pulito e non incrociato la palla nell’angolino alto.

Ma le reazioni di testimoni più o meno vicini mostrano anche la bellezza del gesto del Marsiglia N.10. Alla sua destra Pol Lirola gli mette entrambe le mani sulla testa. Cédric Bakambu, che ha dovuto chinarsi per non essere stordito dal colpo, si gira e si alza, come incredulo. Gerson e Under sono esilaranti e sugli spalti il ​​presidente del Marsiglia, Pablo Longoria, non crede ai suoi occhi, bocca spalancata e mani dietro la testa.

“Francamente, questo è il miglior gol che abbia mai visto su un campo da calcio. Se ci prova 100 volte probabilmente lo mancherà 99 volte, ma è un gol eccezionale”, ha detto. stelle nei suoi occhi.

Oltre a questo gol da sogno, giovedì Payet è riuscito a mettere in scena una partita particolarmente ricca, con un assist di Gerson in apertura, diversi gesti di stile che hanno messo in piedi il Vélodrome e una disponibilità costante per i suoi compagni.

“Ha una visione straordinaria del gioco, sa in quali aree posizionarsi per far giocare gli altri. Credo anche che questo sia uno degli anni in cui si diverte di più, con giocatori di qualità intorno a lui. Aiuta esattamente a divertirsi “, ha dettagliato anche Guendouzi.

– L’idolo –

Il capitano è anche colui che ha saputo mettere in guardia contro certe “teste da sgonfiare” quando la Procura ha ricevuto un colpo meno buono. Giovedì dopo la partita ha fatto un’altra chiara osservazione, vincendo solo 2-1 contro il PAOK mentre il divario tra le due squadre sembrava spesso enorme.

“Purtroppo sembra che lo facciamo in Coppa dei Campioni dall’inizio della stagione. Dominiamo, abbiamo occasioni. Siamo in vantaggio per 2-0 all’intervallo e inghiottiamo quel gol nel secondo tempo. piazzato un terzo o anche un quarto, ma non li collocheremo”, si è lamentato.

Regolarmente ad altissimo livello in campo e impegnato nella vita collettiva, oggi 35enne, Payet è riuscito a vivere un’intera stagione, molto più consistente della precedente, quando i rapporti erano diventati difficili con André Villas-Boas e alcuni le differenze di peso occasionalmente lo spingevano verso il divano.

Jorge Sampaoli, si priva il meno possibile. Trequartista, centrocampista spostato a sinistra o falso N.9, Payet è l’elemento più importante sulla scacchiera del tecnico argentino. E con 13 gol e 12 assist in tutte le competizioni, la Reunionese ha giustificato la fiducia del suo allenatore, anche lui sbalordito dal gol di giovedì.

“E’ un obiettivo molto difficile. Il passaggio è veloce e il gesto tecnico è impressionante. Non credo di avere in mente un obiettivo del genere”, ha detto l’argentino.

“E la parte migliore è che è stato ingaggiato al Vélodrome dall’idolo del club, l’idolo della città. Segnerà la storia di questo club”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Il più grande parcheggio per auto elettriche in Francia ora operativo a Parigi

Recensione di Realme Buds Air 2: una vera cuffia wireless onesta per smartphone Android