in

La CIA avverte del rischio nucleare di Putin con battute d’arresto

“So che il presidente Joe Biden è molto preoccupato per il rischio della terza guerra mondiale”, ha detto giovedì il capo della CIA.

Le battute d’arresto militari in Ucraina potrebbero indurre il presidente russo Vladimir Putin a usare lì un’arma nucleare tattica o debole, ha detto giovedì il capo della CIA William Burns.

“Dal momento che il presidente Putin e la leadership russa potrebbero sprofondare nella disperazione date le battute d’arresto che hanno subito finora dal punto di vista militare, nessuno di noi può gestire la minaccia rappresentata dal potenziale uso di armi nucleari tattiche o armi nucleari a bassa potenza”, ha affermato. ha detto William Burns durante un discorso ad Atlanta.

Il Cremlino ha parlato di allertare le sue forze nucleari “ma non abbiamo visto alcun segno concreto come dispiegamento o misure militari che potrebbero aumentare le nostre preoccupazioni”, ha aggiunto il capo dell’intelligence statunitense, parlando con gli studenti della Georgia Technical University.

“Chiaramente siamo molto preoccupati. So che il presidente Joe Biden è molto preoccupato per il rischio della terza guerra mondiale e sta facendo tutto il possibile per impedire che un conflitto nucleare diventi possibile”, ha affermato.

“Un potere in declino”

La Russia ha molte armi nucleari tattiche, meno potenti della bomba di Hiroshima, in linea con la sua dottrina “escalation-de-escalation”, che sarebbe quella di utilizzare prima un’arma nucleare a bassa potenza per riguadagnare il vantaggio. con l’Occidente.

Ma questa ipotesi implica che “la Nato intervenga militarmente in Ucraina durante questo conflitto, e questo non è previsto, come ha chiarito il presidente”, ha detto.

William Burns, che ricorda di aver servito come ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca, non aveva abbastanza parole per un Vladimir Putin “vendicativo”, “testardo”, che nel corso degli anni è sprofondato in un “miscuglio esplosivo di rancori”, ambizione e incertezza” .

“Ogni giorno, Putin mostra che un potere in declino può essere destabilizzante tanto quanto un potere in ascesa”, ha aggiunto.

Articolo originale pubblicato su BFMTV.com

VIDEO – Pierre-Olivier Variot: “Se Putin domani bombarda la Francia, non ha senso comprare una pastiglia di iodio: prima di poterla ingoiare siamo vetrificati”

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

la morte della sorella Françoise Dorléac, “il grande dramma della sua vita”

Bouygues Telecom aumenta del 250% i dati di alcuni abbonati per 3€ in più, ma le cose vanno male