in

La città di Trostianets nell’Ucraina nord-orientale, saccheggiata e poi liberata dalle forze russe, torna in vita

Di Tommaso d’Istria

Inserito oggi alle 11:15, aggiornato alle 13:59.

La porta di legno è stata distrutta. I computer nella sala computer sono stati rubati. Altri si disperdono per terra, divisi in due, calpestati. “I russi hanno esaurito lo spazio per prenderli, quindi li hanno rotti”, sospira Irina Bondarenko, la direttrice della scuola numero 5 di Trostianets. La città dell’Ucraina nord-orientale, a 30 chilometri dal confine russo, è stata occupata dal primo giorno di guerra, il 24 febbraio. Per un mese, i 20.000 abitanti vissero sotto il dominio dei soldati inviati da Mosca.

Questo giovedì 7 aprile, davanti alla scuola che distribuisce prodotti alimentari e per l’igiene, i volti sono preoccupati, stanchi ma anche sollevati. “Ora va decisamente meglio”, libera una donna, circondata dai suoi amici. “Tutti stanno ripulendo la città. Abbiamo avuto molti danni. Speriamo solo che i russi non tornino. † Un uomo che è venuto con suo figlio dice di aver passato il mese di occupazione nascosto in un rifugio antiaereo. “Quando i russi sono venuti da noi, Egli ha detto, ci hanno messo in ginocchio e controllato che non avessimo tracce di polvere da sparo sulle dita, nessun equipaggiamento militare. E poi hanno rubato i nostri telefoni, i nostri computer e hanno sfondato le porte e le finestre di casa nostra. †

Molte testimonianze

Queste massicce pratiche di saccheggio sono state documentate da numerose testimonianze di residenti di territori precedentemente occupati in tutto il paese. Oggetti di valore sono stati trovati anche sui corpi dei soldati russi uccisi. il 4 aprile progetto Hajun, un sito dell’opposizione bielorussa, ha pubblicato un documento sulla consegna di oggetti rubati in Russia. Il sito ha pubblicato un video di tre ore dalla telecamera di sorveglianza di un servizio di consegna a Mazyr, nel sud-est della Bielorussia, che mostra soldati russi che inviano apparecchiature elettroniche, strumenti e vestiti saccheggiati in Ucraina in varie regioni della Russia. Il territorio della Bielorussia, a nord, è servito come base posteriore per le truppe russe dall’inizio della guerra.

Irina Bondarenko, direttrice della scuola n. 5 di Trostianets, Ucraina, 7 aprile 2022.
La sigla

mme Bondarenko trascorse tutto il mese a Trostianets, tagliato fuori dal mondo. Durante l’occupazione, la direttrice faceva il pane con altri che distribuiva agli abitanti perché “le orche assassine” [le nom donné par les Ukrainiens aux forces russes occupantes, tiré de la trilogie du Seigneur des anneaux] tutto rubato ai supermercati. Non c’era più niente per il popolo”. “La prima settimana si sono comportati normalmente, hanno lasciato che le persone camminassero per strada, lei dice. Ma poi i russi sono andati altrove e sono ragazzi di Donetsk [des séparatistes prorusses du Donbass] sono venuti e si sono comportati davvero come se volessero che pagassimo per gli otto anni di guerra nella loro regione. † Un’altra residente testimonia del rapimento di suo genero, un ex soldato che ha combattuto i separatisti nel 2014. L’uomo è stato catturato il 16 marzo; Da allora, la famiglia non lo ha più visto e non sa nulla del suo destino.

Hai ancora il 62,61% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Flusso. Da “Sentinelle” a “Mister 8”, la nostra selezione weekend

Livret A: perché il suo stipendio può essere adeguato al rialzo dal 1 maggio