in

La FIA difende la safety car: “La sua funzione è la sicurezza, non la velocità”.

La FIA difende il ruolo della safety car dopo le critiche del Gran Premio d’Australia.

BARCELLONA, 14 aprile (Benin News) –

La Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) ha difeso giovedì il ruolo della safety car in Formula 1, che “non è velocità assoluta, ma sicurezza di piloti, commissari e funzionari”, dopo che diversi piloti hanno criticato il passo della “safety car” durante il Gran Premio d’Australia.

“Alla luce dei recenti commenti sul ritmo della Safety Car FIA di Formula 1, la FIA vorrebbe ribadire che la funzione primaria della Safety Car FIA di Formula 1 non è ovviamente la velocità assoluta, ma la sicurezza. di piloti, marescialli e funzionari”, ha affermato l’organo di governo del motorsport in una nota.

I piloti hanno espresso il loro sgomento durante la gara dello scorso fine settimana, tra cui Max Verstappen, che ha descritto l’Aston Martin Racing Car come “una tartaruga”, mentre altri hanno affermato che l’auto non è più veloce della Mercedes utilizzata in altre gare.

“Le procedure della safety car tengono conto di molteplici obiettivi a seconda dell’incidente in questione, compreso l’obbligo di ‘raggruppare’ il terreno, negoziare un recupero da incidenti o detriti sulla pista in modo sicuro e dipendere dalle attività di recupero che potrebbero essere in corso su una parte diversa della pista”, ha aggiunto la FIA nel briefing.

Verstappen si è lamentato dell’impossibilità di scaldare abbastanza le gomme della sua Red Bull a causa dell’inerzia della safety car, intervenuta due volte in gara dopo incidenti separati che hanno coinvolto Carlos Sainz (Ferrari) e Sebastian Vettel (Aston Martin).

Ma la FIA ha detto che non ci sono stati problemi con le capacità prestazionali della vettura. “La velocità della safety car è solitamente determinata dal controllo di gara. Si tratta di veicoli di alta qualità, costruiti su misura, attrezzati per far fronte in ogni momento alle mutevoli condizioni della pista.

“L’impatto della velocità della safety car sulle prestazioni delle vetture che seguono è una considerazione secondaria, in quanto l’impatto è uguale tra tutti i partecipanti che, come sempre, sono responsabili della guida sicura in ogni momento, a seconda delle condizioni della propria vettura e della pista”, conclude la FIA nel comunicato.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Perché sarà impossibile per te effettuare determinati bonifici questo fine settimana di Pasqua

Need for Speed: Chicago, cartoni animati e effetti fotorealistici, trapelano nuovi dettagli