in

La FIFA dipinge il radioso ritratto di Vahid Halilhodzic

A pochi mesi dalla Coppa del Mondo del 2022, la Federcalcio internazionale (FIFA) dipinge il ritratto dell’allenatore della nazionale Vahid Halilhodzic.

“Mago” e uno degli “allenatori più straordinari della sua generazione”, così la FIFA descrive l’allenatore degli Atlas Lions, il tecnico franco-bosniaco in una ritratto che la Federcalcio mondiale ha preparato per lui, in vista dei Mondiali del 2022 (21 novembre – 18 dicembre).

Una testa forte alle porte dell’exploit

Il corpo ricorda che è stato il primo allenatore a qualificare quattro squadre diverse per la Coppa del Mondo. Ha raggiunto il Mondiale con tutte le selezioni che ha affrontato, ma senza vedere sempre il primo turno.

Sottolinea anche la sua “personalità forte”, che le ha dato alcune scelte sorprendenti. Lui che, in particolare, si è privato di diversi dirigenti della selezione, facendo scorrere molto inchiostro.

“Tutta la sua personalità” gli ha permesso di privarsi contro ogni previsione di artisti del calibro di Hakim Ziyech, Noussair Mazraoui e Abderrazak Hamdallah. Ma la FIFA ricorda che non è estraneo a Vahid Halilhodzic, che si è spesso trovato in situazioni del genere durante la sua carriera.

La FIFA conclude dicendo che se l’allenatore Vahid rimarrà in carica fino alle fasi finali dei Mondiali del 2022, “potrebbe essere necessario aggiungere gli Atlas Lions all’elenco delle squadre da tenere d’occhio”.

Una carriera di successo

Nel corso della sua carriera, Vahid Halilhodzic ha fatto notizia e ha suscitato sorprese. Al suo esordio nel 1997, ha vinto il Botola e la Champions League con il Raja.

È poi passato al Lille, che ha lottato per rimanere in Ligue 2. Due anni e mezzo dopo, ha giocato nella fase a gironi della UEFA Champions League.

Alcuni anni dopo, ha permesso al Paris Saint-Germain di finire secondo in Ligue 1 e vincere la Coupe de France nel 2003-2004.

Nel 2008 si è qualificato in Costa d’Avorio per la Coppa del Mondo 2010 in Sud Africa, ma ha perso la posizione dopo essere stato eliminato nei quarti di finale della Coppa d’Africa.

E nel 2014, ha guidato l’Algeria a un impensabile ottavi di finale di Coppa del Mondo in Brasile dopo aver battuto la Corea del Sud e un pareggio contro la Russia.

Poi è stato il Giappone a qualificarlo per la Coppa del Mondo 2018 in Russia, ma è stato esonerato pochi mesi prima della competizione.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

I valori seguiranno domani alla Borsa di Parigi – mercoledì 13 aprile 2022 – 04/12/2022 alle 18:25.

Battlefield 2042: The Ordeal continua per DICE e EA’s Game