in

La FIFA elogia la nazionale per le “stelle nascenti”

“Guidato dall’esperto Vahid Halilhodzic, il Marocco si avvicina alla Coppa del Mondo FIFA Qatar 2022 con ferme ambizioni”, scrive fin dall’inizio l’ente internazionale in un articolo dedicato alla squadra marocchina in attesa del Global.

Gli Atlas Lions giocano nel Gruppo F, insieme a Belgio, Croazia e Canada. “Per la loro seconda partita di qualificazione consecutiva – la sesta nella loro storia – sognano di ripetere l’impresa del 1986 in Messico”, sottolinea la FIFA, ricordando che “all’epoca hanno creato una sorpresa finendo ottavi nella finale del Portogallo, firmando uno dei le migliori prestazioni di una squadra africana o araba”.

Durante questi preliminari, i tifosi marocchini hanno scoperto una nuova generazione molto promettente, ha osservato la federazione internazionale, che ha scelto di mettere in risalto i talenti e le conquiste di “cinque di questi giocatori che a quanto pare hanno promesso un futuro radioso”.

Tra questi giocatori c’è Azzedine Ounahi, 22 anni, i cui “giudizi probabilmente non sono mai stati così alti. E per una buona ragione: il 29 marzo, la sua doppietta contro la Repubblica Democratica del Congo ha letteralmente spinto il Marocco alle fasi finali della Coppa del Mondo.

“Va detto che Ounahi non è secondo a nessuno quando si tratta di distillare passaggi millimetrici, soprattutto negli ultimi metri. Ha chiaramente diverse corde sul suo arco, a cominciare dalla sua eccellente protezione della palla. Molto a suo agio quando si tratta di tentare la fortuna a distanza, offre un profilo completo che lo renderà uno dei giocatori più attesi ai prossimi Mondiali”.

È anche Abdessamad Ezzalzouli, 20 anni, che è “una delle punte di diamante di questa nuova generazione marocchina, che sogna di farsi un nome in Qatar”, sottolinea la FIFA.

“L’esterno dell’FC Barcelona non ha ancora avuto la possibilità di indossare la maglia degli Atlas Lions, ma faceva ancora parte del gruppo che il mese scorso ha giocato al meglio delle due gare contro la Repubblica Democratica del Congo. Presentato come un diamante grezzo, si distingue per la sua vivacità e il suo senso del dribbling, rendendolo un formidabile avversario nell’uno contro uno”.

Può contare anche su un fisico solido e una certa versatilità, che gli permette di evolversi da una parte o dall’altra. A giudicare dalle sue prime apparizioni con i blaugrana, il suo futuro nella selezione sembra essere completamente tracciato, sottolinea la federazione internazionale.

Allo stesso modo, il 18enne difensore del Barcellona Junior A Chadi Riad è considerato una delle più grandi speranze del mondo nella sua posizione, indica la stessa fonte. Dotato di un fisico imponente, mostra notevoli progressi a livello tecnico, tanto da invitarsi tra le contendenti per un posto nel girone marocchino per Qatar 2022.

La FIFA elogia anche Imran Louza, 22 anni, per le sue qualità: “La sua forza e versatilità gli consentono di prendere tutte le posizioni a centrocampo e di giocare sia in attacco che in difesa”.

Zakaria Aboukhlal, 22 anni, ha attirato l’attenzione anche della FIFA, che lo vede come un attaccante “con una compostezza sopra la media, a cui piace operare in spazi ristretti. La sua energia apparentemente inesauribile lo rende un lavoratore a pieno titolo al servizio del suo squadra, che in fase difensiva non esita a schernire il portatore di palla.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

un conflitto sociale scuote il governo di Pedro Castillo

Mark Wahlberg ha scambiato la ghisa per calorie per il suo ultimo ruolo