in

La Germania si impegna a porre fine alle importazioni di petrolio dalla Russia entro la fine di quest’anno

Il 20 aprile a Riga, in Lettonia, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock.

Sotto pressione da giorni per il suo esitante sostegno all’Ucraina, Berlino ha riaffermato la sua ambizione di porre fine alla sua dipendenza energetica dagli idrocarburi russi a breve termine. Durante una visita a Riga mercoledì 20 aprile per incontrare i colleghi degli Stati baltici, il ministro degli Esteri Annalena Baerbock ha promesso che entro la fine dell’anno la Germania “sarebbe fatto con il petrolio russo”.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti La Germania è mal preparata alla vita senza gas e petrolio russi

“Lo dico chiaramente qui: sì, anche la Germania è pronta a fare a meno delle importazioni di energia russe”, disse, riconoscendo “grandi errori” che il suo Paese si era impegnato nella sua politica nei confronti di Mosca negli ultimi anni. Ha affermato che il gasdotto Nord Stream 2 si trovava nel Mar Baltico ” errore fatale “. In particolare, la Germania prevede di dimezzare le sue importazioni di petrolio russo entro l’estate e di interromperle entro la fine dell’anno. Annalena Baerbock ha aggiunto che l’embargo sul gas sarebbe seguito, “in una tabella di marcia europea comune”, senza fornire maggiori dettagli sulla scadenza. Finora, il Ministero dell’Economia ha segnalato un’uscita completa entro l’estate del 2024.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Nord Stream 2: la risposta altamente politica della Germania alla Russia dopo l’offensiva in Ucraina

Certo, questa non è la prima volta che il governo chiede la fine del 2022 per l’indipendenza dal petrolio russo. Il 25 marzo il ministro dell’Economia, Robert Habeck, aveva già presentato un’agenda simile. Ma il rinvio del governo da allora ha gettato tali dubbi sul desiderio di Berlino di aumentare le pressioni su Mosca che questa riaffermazione del calendario sembrava assolutamente necessaria.

infrastrutture pesanti

La Russia attualmente fornisce il 35% della fornitura di petrolio della Germania. Dietro questa cifra c’è una pesante infrastruttura, ereditata dalla storia: due terzi del petrolio russo importato dalla Germania arriva attraverso un oleodotto chiamato “Droujba”, “amicizia” in russo. Questo gasdotto, che attraversa la Bielorussia e la Polonia, fornisce petrolio greggio alle raffinerie di Schwedt-sur-l’Oder, nella regione del Brandeburgo, e Leuna, in Sassonia-Anhalt, da sessant’anni. Questi due siti producono benzina, diesel, olio combustibile e cherosene utilizzati in tutta la Germania orientale.

La raffineria di Leuna è gestita dal gruppo Total, che a marzo ha annunciato di aver cambiato contratto, dimezzando le importazioni di petrolio dalla Russia da metà aprile. E la fine di tutti i rapporti di fornitura con la Russia è prevista per la fine del 2022. La raffineria di Schwedt-sur-l’Oder, invece, presenta un problema ben più serio: è posseduta al 92% da… Rosneft. “Stiamo pagando un prezzo alto qui per il fatto che un gruppo russo ha potuto esercitare un’influenza così decisiva sull’approvvigionamento energetico nonostante la guerra in Crimea”il ministero dell’Economia ha presentato denuncia a fine marzo.

Hai ancora il 41,13% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Fontane DC – ‘Skinty Fia’

La spinta di Kendall Jenner a Devin Booker!