in

la situazione nel 52° giorno dell’invasione russa dell’Ucraina

Dopo l’affondamento di un’importante nave militare russa, Mosca ha intensificato la sua campagna di bombardamenti nella regione di Kiev, rendendo particolarmente pericoloso il ritorno dei residenti.

I colloqui tra Russia e Ucraina non procedono e aumentano i bombardamenti, soprattutto nella regione di Kiev. Allo stesso tempo, Mosca sta rispondendo alle sanzioni occidentali bandendo il primo ministro britannico Boris Johnson dall’area.

• Un morto e ferito dopo il bombardamento di una fabbrica militare a Kiev

Sabato la Russia ha bombardato una fabbrica militare ucraina alla periferia di Kiev. Il sindaco della città, Vitali Klitschko, ha dichiarato su Telegram che una persona è stata uccisa e “diverse” sono state ricoverate in ospedale. Il complesso in questione era principalmente utilizzato per la fabbricazione di carri armati per l’esercito ucraino.

“Le nostre forze di difesa aerea stanno facendo del loro meglio per proteggerci, ma il nemico è astuto e spietato”, ha scritto.

Mosca aveva annunciato l’intenzione di intensificare i bombardamenti nella regione di Kiev il giorno prima e aveva denunciato “attacchi terroristici” poco dopo l’affondamento dell’ammiraglia Moskva. Una fabbrica militare che produceva i missili che hanno attaccato l’edificio era già stata colpita venerdì.

Una raffineria di petrolio è stata attaccata nell’Ucraina orientale. Si trova a Lyssytchansk e non conteneva carburante, secondo le autorità locali. Tuttavia, i residui di idrocarburi hanno provocato un incendio nel sito, che è stato spento sabato.

• Il sindaco di Kiev invita i residenti a non tornare nella capitale

Il sindaco di Kiev Vitali Klitschko ha pregato i suoi elettori di stare attenti. In effetti, un gran numero di loro sta cercando di tornare nella capitale ucraina, poiché le forze russe hanno lasciato la regione per concentrarsi nell’est dell’area. Si stima che circa 50.000 ucraini tornino a Kiev ogni giorno. Ma l’assessore pensava che la popolazione dovesse restare fuori città.

“Per i residenti di Kiev che hanno lasciato la città e intendono tornare nella capitale, vi chiedo di astenervi e di rimanere in luoghi più sicuri”, ha scritto su Telegram.

Perché se la situazione si era davvero calmata per qualche giorno, i bombardamenti hanno segnato le giornate di venerdì e sabato a Kiev. Una rappresaglia annunciata da Mosca dopo l’affondamento di un’ammiraglia questa settimana. Un altro motivo che potrebbe complicare il rientro: le case distrutte dai bombardamenti.

“Il più grande desiderio delle persone è tornare a casa. Ma per molti non c’è una casa in cui tornare perché è stata distrutta, danneggiata o si trova in un’area non sicura”, ha affermato venerdì Karolina Lindholm Billing, rappresentante dell’UNHCR in Ucraina .

• Zelensky minaccia di porre fine ai negoziati con la Russia

Il destino di Mariupol è indissolubilmente legato al futuro del conflitto in Ucraina. Oltre al ruolo strategico di questa città in gran parte distrutta dai bombardamenti russi, Volodymyr Zelensky ha minacciato di porre fine ai colloqui con Mosca se attaccano gli ultimi soldati.

“L’eliminazione dei nostri soldati, dei nostri uomini (a Mariupol) metterà fine a qualsiasi negoziato” sulla pace tra Russia e Ucraina, ha affermato nei commenti riprodotti dal sito di informazione Ukraïnska Pravda, avvertendo che le due parti si troverebbero poi stessi in “un vicolo cieco”.

In effetti, l’esercito russo sembra puntare alla vittoria a Mariupol. L’esercito ucraino ha annunciato sul posto lunedì scorso che si stava preparando per “una battaglia finale”. “Sarà la morte per alcuni di noi e la reclusione per altri”, ha scritto su Facebook la 36a Brigata Marine.

• A Boris Johnson non è permesso entrare in Russia

Boris Johnson non potrà più viaggiare in Russia, per non parlare del Cremlino. Mosca ha annunciato sabato che al primo ministro e a molti altri alti funzionari britannici è stato vietato l’ingresso nel territorio.

“Questa mossa è stata presa in risposta alla dilagante campagna mediatica e politica per isolare la Russia a livello internazionale e creare le condizioni giuste per frenare il nostro Paese e strangolare l’economia nazionale”, ha affermato il ministero degli Esteri russo in una nota.

Mosca accusa anche il Regno Unito di sostenere apertamente l’Ucraina e di attuare varie sanzioni contro la Russia o chi è vicino a Vladimir Putin. Azioni considerate “ostili” dal Cremlino.

• Un volo speciale per Roissy per riportare indietro i russi espulsi dalla Francia

Un aereo speciale noleggiato da Mosca sabato è decollato dall’aeroporto di Roissy per riportare in Russia 137 cittadini espulsi dalla Francia.

“I russi hanno inviato un aereo. Dal momento che non hanno il diritto di sorvolare la Francia, questo è stato oggetto di un accordo diplomatico. La gente se ne va con una buona guida”, ha detto all’AFP. “AFP, la risorsa aeroportuale.

La Francia ha annunciato all’inizio del mese l’espulsione di 41 diplomatici russi che secondo lei erano coinvolti in attività di spionaggio sotto la copertura della propria ambasciata, specificando che la sanzione rientrava in “un approccio europeo”.

Molti altri paesi europei come Germania, Italia, Spagna, Slovenia, Austria, Polonia, Grecia o Croazia hanno espulso in massa i diplomatici russi dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina.

Anthony Audureau con l’AFP

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Visions du Réel: il Gran Premio assegnato a un regista di Losanna

La terribile confessione di debolezza di Zinchenko di fronte al conflitto