in

L’adesione dell’Ucraina all’UE, un percorso pieno di insidie

Pubblicato su :

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha presentato lunedì la domanda di adesione del suo paese all’UE. Se Bruxelles sembra determinata a concedere rapidamente lo status di candidato all’Ucraina, l’adesione al blocco è tutt’altro che certa.

Un primo passo verso l’adesione dell’Ucraina all’Unione Europea. Lunedì 18 aprile il presidente Volodymyr Zelensky ha consegnato il questionario del suo paese all’ambasciatore dell’UE in Ucraina Matti Maasikas.

“La nostra gente, in fondo, è mentalmente in Europa da molto tempo”, ha detto il leader ucraino durante l’incontro a Kiev. “Siamo davvero fiduciosi che questa procedura verrà avviata nelle prossime settimane”. è una priorità per il nostro stato, per il potere del nostro popolo”, ha aggiunto alla stampa Volodymyr Zelensky mercoledì 20 aprile, dopo aver incontrato Charles Michel.

L’Ucraina ha resistito all’invasore russo e gode del forte sostegno dell’Unione Europea, che fornisce armi ed equipaggiamento militare al suo esercito e ha imposto severe sanzioni economiche alla Russia. Tuttavia, nonostante le pressanti richieste di Kiev, l’integrazione del Paese nell’UE è tutt’altro che unanime tra i membri.

Un processo di oltre 30 anni

La questione dell’adesione dell’Ucraina all’Unione europea non è nuova. Già nel 1993, due anni dopo la caduta dell’URSS, il governo ucraino descriveva l’adesione al blocco europeo come un obiettivo a lungo termine. Sebbene da allora siano stati firmati diversi accordi di partenariato con l’UE, il processo di adesione è rimasto in sospeso. È stato rilanciato nel 2005 dal presidente Viktor Yushchenko, ma è stato abbandonato dal suo successore Viktor Yanukovich, vicino a Mosca. L’UE, da parte sua, è stata riluttante ad adottare una tale procedura, temendo che le tensioni con la Russia sarebbero aumentate.

L’offensiva militare russa contro l’Ucraina, lanciata il 24 febbraio, ha brutalmente interrotto questo status quo. Il 28 febbraio Volodymyr Zelensky – che sin dal suo insediamento nel maggio 2019 aveva confermato di aver “scelto la strada dell’Europa” – ha presentato una richiesta per l’integrazione accelerata del suo Paese nell’Ue. “Il nostro obiettivo è stare insieme a tutti gli europei e soprattutto essere alla pari. Sono sicuro che è giusto. Sono sicuro che ce lo meritiamo”, ha detto in quel momento, dicendo che i soldati ucraini stanno combattendo “per tutta l’Europa”.

Integrazione “diretta” rifiutata

La procedura di integrazione nell’Unione Europea si compone di due fasi. Per essere idoneo a presentare domanda, il paese deve prima soddisfare i requisiti di adesione. Questa parte da sola può richiedere diversi anni. Solo allora inizieranno i lavori per rendere il Paese conforme alle norme e ai regolamenti dell’UE. Ad esempio, il processo di integrazione della Croazia, l’ultimo paese ad entrare nell’UE, è durato dieci anni.

Date le circostanze e il chiaro impegno dei suoi partner europei dietro l’Ucraina, Volodymyr Zelensky sperava di realizzare un’integrazione “immediata”. Ma il 10 marzo i leader della riunione dell’Ue a Versailles gli si sono opposti per porre fine all’irricevibilità. Non esiste “una procedura rapida”, ha affermato il primo ministro Mark Rutte. L’Ucraina, come i suoi due vicini Moldova e Georgia, che hanno presentato domanda di adesione all’inizio di marzo, dovrà seguire l’arduo protocollo.

L’Europa divisa

In Europa, l’adesione dell’Ucraina solleva molte preoccupazioni. “Dobbiamo essere vigili. Possiamo aprire la procedura di adesione con un Paese in guerra? Non credo”, ha detto Emmanuel Macron durante l’incontro dedicato all’Ucraina dal 10 all’11 marzo. Per fare domanda di adesione, devono essere inclusi criteri come avere “istituzioni stabili” e un'”economia di mercato funzionale”, due requisiti minati dall’attuale contesto in Ucraina.

La questione della corruzione gioca anche contro il Paese. Nel 2022, l’Ucraina sarà classificata al 122° posto su 180 nell’indice di percezione della corruzione, dietro a Zambia, Egitto e persino Filippine. “Questa piaga rimane un grave problema in Ucraina, nonostante le iniziative dell’UE per ridurre le possibilità di corruzione”, si legge in una relazione del settembre 2021 della Corte dei conti europea.

Tuttavia, la candidatura di Kiev gode di una serie di forti sostenitori all’interno del blocco. Nove Stati membri dell’Unione europea (Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia, Slovenia, Repubblica ceca e Ungheria) hanno espresso il loro sostegno all’apertura immediata dei negoziati. Altro sostegno, non ultimo quello della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Durante una visita a Kiev l’8 aprile, ha consegnato personalmente il questionario sull’adesione al leader ucraino.

Di solito ci vogliono “anni” per ottenere lo status di candidato all’UE, ma Bruxelles “ci ha davvero dato l’opportunità di avviare questa procedura in poche settimane o mesi”, ha accolto con favore Volodymyr Zelensky il 18 aprile dopo aver presentato il fascicolo.

Per il leader ucraino, invece, i lavori sono appena iniziati. La Commissione europea deve ora verificare se l’Ucraina soddisfa i criteri e presentare una raccomandazione agli Stati membri in modo che possano iniziare i negoziati sulla conformità. Inoltre, l’adesione dell’Ucraina richiederà il consenso unanime di 27 membri dell’UE.

Con AFP

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Corea del Sud: un fan di Freddie Mercury erige una statua a grandezza naturale del cantante dei Queen

Fine di un’era per Netflix che perde abbonati e affronta la sfida della stagnazione