in

L’amministrazione Biden estende ulteriormente le sanzioni finanziarie contro la Russia

L'ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield durante la riunione del Consiglio di sicurezza a New York il 5 aprile 2022.

Ancora un punto. Gli Stati Uniti hanno intensificato la pressione economica e finanziaria sulla Russia annunciando nuove sanzioni mercoledì 6 aprile. Questa decisione, seguita subito dal Regno Unito, arriva dopo lo shock internazionale causato dalle immagini dei cadaveri dei civili fucilati nella cittadina di Boutcha.

“Grandi crimini di guerra” sono perpetrati dalle truppe russe, ha sottolineato il presidente Joe Biden. A livello simbolico, il Dipartimento del Tesoro Usa prende di mira le due figlie di Vladimir Putin, Maria Vorontsova e Katerina Tikhonova, la moglie e la figlia del segretario di Stato Sergey Lavrov e, infine, tutti (ventuno) membri del Consiglio per la sicurezza nazionale. Senza rivelare dettagli, l’amministrazione Biden ritiene che molti dei beni del presidente russo… “nascosto” nella sua cerchia familiare.

In tutto, 140 uomini d’affari e membri del loro entourage, oltre a 400 funzionari russi, sono già nell’elenco delle sanzioni statunitensi. Un modo per rendere radioattive queste élite e, si spera, a Washington, limitare la loro capacità di viaggiare e arricchirsi. “I nostri occhi sono su ogni yacht e jetha spiegato l’assistente del procuratore generale, Lisa Monaco. I nostri occhi sono puntati su ogni opera d’arte e proprietà immobiliare acquistata con denaro nero e ogni portafoglio bitcoin riempito con i proventi di furti o altri crimini. †

Nonostante queste osservazioni proattive, crescono le domande sulle sanzioni statunitensi, che sono state decise in stretta collaborazione con gli alleati europei. Il mantenimento dei ricavi russi nel settore energetico a seguito dell’indecisione europea, il massiccio intervento della banca centrale russa a sostegno del rublo, tornato al tasso di cambio prebellico rispetto al dollaro, nonché il rigoroso allineamento le élite dietro il Cremlino in nome di una cosiddetta missione “esistenziale” in Ucraina non sembra che si crei una crisi sufficiente a incentivare la fine della guerra a breve termine.

Per il 70% degli americani, la Russia è un paese ostile

Ancora una volta, è il settore finanziario russo ad essere preso di mira dal governo statunitense, per aumentare il prezzo dell’invasione, se non per prevenirla. “La realtà è che il Paese sta sprofondando nell’isolamento economico, finanziario e tecnologico. un alto funzionario ha spiegato alla stampa mercoledì. Di questo passo, tornerà agli standard di vita di tipo sovietico degli anni ’80”. Questa volta due istituzioni sono in prima linea, Sberbank e Alfabank. A qualsiasi cittadino o entità negli Stati Uniti è vietato effettuare la minima transazione con loro, indipendentemente dalla valuta. “Sberbank è l’arteria principale del sistema finanziario russo, disse l’alto funzionario statunitense. Essa da sola possiede un terzo delle attività del settore bancario, ovvero più di 500 miliardi di dollari [460 milliards d’euros]†

Hai ancora il 47,87% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

I membri della famiglia Kardashian-Jenner reagiscono al matrimonio di Kourtney e Travis

Studiare nel metarverso è possibile da settembre 2022