in

Le confessioni di Dani Alves

Cosa viene dopo questo annuncio

Terzo nella Liga e ancora in Europa League dopo il pareggio contro l’Eintracht Frankfurt (1-1) nell’andata dei quarti di finale, l’FC Barcelona continua a riprendersi sotto il comando di Xavi, testimoniando questa impressionante serie di 14 partite senza sconfitte. Questa domenica, in occasione della 31a giornata del Campionato di Spagna, i blaugrana avranno anche la possibilità di riconquistare il secondo posto dietro al Real Madrid, temporaneamente perso contro il Sevilla FC, in caso di vittoria sul Levante. Una nuova dinamica in cui Dani Alves, tornato al club lo scorso novembre, ha assistito anche alle interviste ai giornali catalani Sport e Mundo Deportivo† Alla domanda sulla metamorfosi dei Culés, il 38enne brasiliano ha poi risposto senza esitazione, permettendo ai suoi compagni di squadra di brillare insieme oggi.

Con questo in mente, l’ex giocatore del Paris Saint-Germain ha riconosciuto per la prima volta il peso della dimensione mentale: “L’umore è cambiato. Al Barca devi venire a lavorare con l’idea di avere il miglior lavoro del mondo. Che devi soffrire durante la settimana per goderti i giochi. Ero in uno spogliatoio con poca autostima. Non puoi dare il meglio di te se non credi in te stesso. È una cosa mentale. Se la mente è debole, ciò che viene da fuori può distruggerti”† Una rinnovata fiducia che il nativo di Juazeiro ha ampiamente dato anche all’eccezionale lavoro di Xavi sin dal suo arrivo sulla panchina del club catalano: “Il segreto di Xavi è il duro lavoro. Dobbiamo combattere, fare quello che abbiamo sempre fatto. L’unica cosa che è cambiata è che ora è un allenatore. La sua posizione è la stessa di quando stava giocando. Lavoriamo molto duramente. È la prima volta da quando sono al Barca che lavoro così”.

Dani Alves elogia il lavoro di Xavi!

Rilanciato su richiesta del suo allenatore ed ex compagno di squadra ai Blaugrana, il nazionale brasiliano (123 presenze, 8 gol) si è concesso addirittura un accorato confronto con Pep Guardiola, con il quale ha anche affiancato durante il suo primo stint in Catalogna: “Non abbiamo mai lavorato con qualcuno del genere a livello fisico. È anche importante notare che il calcio è cambiato. Guardiola aveva molti buoni giocatori e non dovevamo correre su e giù. Ora a volte è il momento di correre, e per questo abbiamo bisogno di un buon fisico. Ho detto dieci anni fa che Xavi Guardiola sarebbe stato 3.0 del Barca.† Gratuito per Xavi e grato di averlo “ovviamente questo ruolo di leadership” nello spogliatoio del Barcellona, ​​​​colui che il 6 maggio festeggerà il suo 39esimo compleanno ha confidato anche la sua motivazione ancora straripante.

“Penso che sia una dimostrazione di perseveranza, rispetto per la tua professione, amore per quello che fai. Anche divertente. Quando ho deciso di giocare a calcio, per iniziare la mia carriera, ho sempre voluto fare del mio meglio finché è durato, finché non ne ho avuto voglia. Il mio desiderio è ancora intatto. Posso continuare a portare cose, competere, esercitare la professione come dovrebbe essere”riconosciuto Alves, orgoglioso di difendere i colori “dal miglior club del mondo”† Determinato a continuare l’avventura del Barcellona, ​​anche se lascia tranquillamente la responsabilità di questa decisione alla sua capolista, l’ex giocatore della Juve è finalmente tornato alla scintillante vittoria della sua squadra al Clásico contro il Madrid. Un successo clamoroso per il quale non ha evitato il suo piacere. Questo è anche un simbolo del ritorno in primo piano dei blaugrana.

“Lo 0-4 è stato speciale perché era un segno che saremmo tornati. Il Barça è tornato in competizione e ha entusiasmato la gente. I fan sono andati al Camp Nou senza sapere cosa avrebbero visto. Il rispetto per il club era andato perso. Tutti ora sanno che siamo una squadra competitiva. E che andiamo a bagnare il maglione”† Pieno di questo ritrovato dinamismo e pronto a concludere la stagione sul campo, Alves ha poi indossato l’abito del direttore sportivo per esprimere i suoi sentimenti nella futura finestra di mercato del Barça. E le sue opinioni hanno il merito di essere tanto chiare quanto acute. Interrogato sui fascicoli di Kylian Mbappé ed Erling Haaland, recentemente citati dalla parte catalana, il brasiliano non ha esitato a decidere sulla questione…

Mbappe al posto di Haaland… e Messi!

“Non farei nulla per Haaland. Sinceramente non ci spenderei molti soldi. Su Mbappe sì, ma non su Haaland. Faccio il direttore sportivo, ma prenderei prima Mbappé. Penso che sia più completo in tutti gli aspetti. Se devi fare un investimento enorme, devi farlo nel miglior modo possibile. Se dipendesse da me, sceglierei Mbappé. È il migliore, anche per lo stile del Barça. Al momento nel calcio non c’è nessuno migliore di lui”.† Rilanciato dall’interesse espresso dal Real Madrid per il fenomeno PSG, Dani Alves preferisce usare l’umorismo in un sorriso: “Ciò che è bianco oggi potrebbe essere blu domani. E se ci aggiungi un po’ di granata diventa blaugrana… Mi piacciono i bravi giocatori, portano sempre tante cose. È quello che mi piace di più, quello che secondo me si adatterebbe meglio al profilo del Barça. Ci sono ovviamente altre opzioni, ma questi sono i sapori e i colori»† Un messaggio diretto alla sua dirigenza per chi sognerebbe soprattutto di vedere il suo ex compagno di squadra Lionel Messi tornare nel club.

“Non so cosa pensi o cosa voglia fare. Insisto ancora una volta che posso tornare con me per poco più di un anno per un ultimo ballo. Perché no. Quello che mi ha detto. Non c’è nessun altro posto come questo Non possiamo essere migliori di qui, è stato fatto per noi, la città, il club. Se n’è andato, ha provato qualcos’altro ed è ora di tornare a casa se vuole”.Alves ha spiegato prima di offrire i suoi servizi per completare rapidamente la transazione: “Questa squadra manca di poco, ma Messi potrebbe essere ciò che manca a qualsiasi squadra. Stiamo parlando di qualcos’altro, se fosse alla mia portata volerei, andrei lì e lo riporterei alle persone qui”.† Resta ora da vedere se nelle prossime settimane verranno ascoltati i desideri del residente di Juazeiro. Una cosa è certa, il Barca è tornato in testa e la determinazione di Alves ha qualcosa a che fare con questo.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

AGGIORNAMENTO DEL MERCATO-Le azioni europee taglieranno le perdite per la settimana (aggiornato) – 04/08/2022 alle 08:27

Chi sono i 18 candidati al Torneo dei Maestri 2022?