in

L’equilibrio sempre più difficile di Washington

L’equilibrio degli Stati Uniti, che stanno fornendo all’Ucraina un importante supporto militare e facendo tutto il possibile per impedire che il conflitto si diffonda in altri paesi, sta diventando sempre più difficile da sostenere in un momento in cui gli abusi d’immagine attribuiti all’esercito russo sono attribuiti stanno emergendo.

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, gli Stati Uniti hanno inondato l’Ucraina di armi leggere, come i missili anticarro Javelin indossati sulle spalle, ma si sono sempre rifiutati di trasferire armi. “potrebbe essere vista come una ditta individuale” e aumentare il rischio di un conflitto nucleare con la Russia.

E fanno regolarmente affidamento su tecnologie statunitensi sconosciute agli ucraini per giustificare la fornitura limitata di armi che forniscono, affidandosi invece ai paesi dell’ex blocco sovietico che hanno ancora armi di fabbricazione russa.

Ma dopo le battute d’arresto militari dell’esercito russo e i crimini di guerra ad esso attribuiti, il Pentagono è sotto pressione da parte di funzionari eletti, sia repubblicani che democratici, affinché facciano di più per aiutare Kiev a riconquistare la Russia.

“Mi sembra che la nostra strategia sembri spesso un po’ schizofrenica: vogliamo che gli ucraini vincano contro la Russia, ma temiamo che la perdita di Putin provochi un’escalation”, ha osservato giovedì l’influente senatore democratico Richard Blumenthal durante un’audizione al Congresso. .

“Ci chiediamo se Vladimir Putin abbia mai temuto che le sue uccisioni di donne e bambini sarebbero state un’escalation”, ha aggiunto il senatore repubblicano Kevin Cramer, deplorando in particolare che il Pentagono non abbia facilitato la consegna del MIG-29 a Kiev.

– Formazione e logistica –

A parte una chiusura dello spazio aereo garantita dalla NATO a rischio di un confronto diretto con l’aviazione russa, le capacità del Pentagono sono infatti limitate: gli armamenti pesanti degli Stati Uniti sono incompatibili con quelli a disposizione dell’esercito ucraino, e da addestramenti Soldati ucraini nel loro trattamento, sarebbero stati rimossi dal campo di battaglia per diverse settimane mentre si prepara un grande attacco russo alle regioni del Donbass che Mosca non controlla.

I carri armati Abrams, ad esempio, sono alimentati da un motore turboalbero ad alta intensità di carburante che richiede un enorme supporto logistico e il puntamento laser richiede un addestramento approfondito, afferma il Pentagono.

Il caccia A-10 “Warthog”, che Blumenthal ha citato come una possibile aggiunta agli aiuti militari all’Ucraina, è noto per la sua resilienza e capacità di tornare alla base con gravi danni. Ma i piloti devono essere formati per diverse settimane e soprattutto occorre creare un’intera filiera per garantirne il mantenimento.

In risposta alle critiche dei funzionari eletti, la Casa Bianca ha pubblicato un elenco esaustivo delle attrezzature finora fornite all’Ucraina: 1.400 sistemi antiaerei Stinger, 5.000 missili anticarro Javelin, 7.000 altre armi anticarro, diverse centinaia di droni Suicidio a serramanico bombardieri, 7.000 fucili, 50 milioni di proiettili e munizioni varie, 45.000 lotti di giubbotti antiproiettile ed elmetti, missili a guida laser, droni Puma, radar anti-artiglieria e anti-drone, veicoli corazzati leggeri, sistemi di comunicazione sicuri, protezione antimine.

Venerdì, il portavoce del Pentagono John Kirby si è offeso per le critiche.

“L’idea che non stiamo facendo abbastanza o abbastanza velocemente ci irrita davvero”, ha detto.

Dal suo arrivo alla Casa Bianca, il presidente Joe Biden ha stanziato 2,4 miliardi di dollari in aiuti militari a Kiev, “quasi quanto il budget per la difesa dell’Ucraina”, ha aggiunto.

Ricordando che, oltre alle armi fornite a Kiev, gli Stati Uniti hanno aumentato il proprio personale militare in Europa da 80.000 a 100.000 a metà febbraio e hanno inviato una batteria antiaerea Patriot in Slovacchia per compensare il sistema S-300 di fabbricazione russa che Bratislava ha consegnato a Kiev, Kirby ha sottolineato che lo sforzo è stato “senza precedenti”.

“Nessun altro paese ha la logistica per farlo. Nessun altro paese ha le risorse per farlo”, ha osservato. “Allo stesso tempo, teniamo presente che la Russia è una potenza nucleare”.

sl/led

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Elden Ring, velo mimetico: come trovare l’oggetto ideale da nascondere durante le invasioni?

Di fronte allo “yo-yo” del prezzo del petrolio, l’Algeria prepara i suoi barili