in

L’Islanda, terra delle regioni polari, è preoccupata per una serie di azioni violente

pubblicato domenica 10 aprile 2022 alle 08:24

Addio, “il paese più pacifico del mondo”? Diverse sparatorie e accoltellamenti negli ultimi mesi hanno turbato la consueta tranquillità dell’Islanda, secondo la polizia legata a bande criminali.

In cima al Global Peace Index sin dal suo inizio nel 2008, il piccolo paese di 375.000 persone è più abituato alle storie di crimini nei suoi famosi thriller che ai titoli dei giornali.

“Un’arma da fuoco per gli islandesi è un simbolo di sport o di caccia”, afferma il sociologo Helgi Gunnlaugsson.

“Ma nella mente collettiva è molto strano usare un’arma per proteggersi o per attaccare qualcuno”, ha detto all’AFP.

Dal 2000, sull’isola si sono verificati solo quattro omicidi con armi da fuoco. Ma in poco più di un anno si sono verificate quattro sparatorie, di cui una mortale.

L’omicidio di un uomo, colpito a freddo con nove proiettili fuori dalla sua abitazione in una zona residenziale di Reykjavík, nel febbraio 2021 ha sconvolto gli islandesi. L’omicidio era legato alla criminalità organizzata, secondo la polizia.

“I gruppi criminali in Islanda sono sempre più organizzati”, analizza la criminologa Margrét Valdimarsdóttir. “Hanno più collegamenti con i gruppi internazionali di quanti ne abbiamo visti prima, il che può essere una sfida per la nostra polizia”.

A febbraio due vertenze personali tra i già condannati, sullo sfondo del traffico di droga, si sono concluse con una sparatoria nel centro della capitale per due giorni di seguito.

“Siamo abituati a dire che in Islanda ci vogliono dai cinque ai dieci anni per vedere cosa vediamo altrove in Europa”, spiega Runólfur Thórhallsson, commissario dell’unità d’élite della polizia islandese.

“Questo ci preoccupa, ovviamente”, ammette.

– Polizia disarmata –

L’Islanda è uno dei pochi paesi al mondo in cui la polizia non porta armi mentre svolge le sue funzioni ufficiali.

Tuttavia, dalla fine del 2015, le auto di servizio sono state dotate di pistole in speciali casseforti, una misura adottata dopo gli attacchi di Oslo e Utøya del 2011.

Solo un numero limitato di agenti di polizia dell’unità d’élite, la Viking Squad, è costantemente pesantemente equipaggiato: giubbotti antiproiettile, armi semiautomatiche o persino scudi balistici.

Introdotto nel 1982, le sue principali missioni sono di assistere la Polizia Nazionale quando viene segnalata la presenza di armi. Il numero di interventi si è moltiplicato di quasi sei dal 2014.

“Stiamo assistendo a una tendenza nel nostro mondo criminale in cui le persone sono meno riluttanti a usare le pistole, più con i coltelli che con le armi da fuoco”, osserva Thórhallsson, riconoscendo che è un po’… disarmato per spiegare le ragioni.

Se non si prende in seria considerazione l’armamento di tutte le forze di sicurezza del Paese, il ministero dell’Interno prevede di dotare la polizia di taser.

Questi ultimi sarebbero favorevoli, ma soprattutto richiederebbero maggiori risorse, secondo Fjölnir Sæmundsson, presidente del sindacato nazionale.

Con 682 agenti di polizia nel 2021, secondo Eurostat, l’Islanda ha il numero proporzionalmente più basso d’Europa dietro la Finlandia, con un livello quasi doppio rispetto alla media europea.

– Un Paese sicuro –

Studlar, un’agenzia governativa alla periferia di Reykjavík, si prende cura di bambini e adolescenti dai 12 ai 18 anni in difficoltà: problemi di droga, criminalità, gravi problemi comportamentali…

Il regista Funi Sigurdsson afferma anche di aver osservato un leggero aumento degli incidenti violenti.

Per questo padre di 43 anni, con “alcuni dei bambini che arrivano in questo istituto, si intuisce dall’età di sei anni che sarebbero finiti qui”.

“Se avessimo agito molto bene da allora in poi, avremmo potuto impedire loro di entrare in questa situazione”.

Anche molte delle persone recentemente coinvolte nella liquidazione dei conti sono passate attraverso il suo stabilimento.

Ma se la situazione è allarmante in un Paese che non è abituato alla violenza, non è allarmante, sottolineano gli esperti.

“È importante notare che l’Islanda è ancora un paese con un tasso di criminalità estremamente basso”, ha affermato Valdimarsdóttir.

“Ma secondo la polizia, stiamo assistendo ad attacchi più violenti in Islanda”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Pubblico: “Cassandre” capofila per “The Voice”, “le Tournoi des Maestros” in forte calo

Queste app Android e iOS sono temporaneamente gratuite