in

LoL: L’MMO ambientato in Runeterra ha “nessuna garanzia per uscire”

Notizie di gioco LoL: L’MMO ambientato in Runeterra ha “nessuna garanzia per uscire”

Atteso da molti fan di LoL e più in generale da fan dell’universo, il gioco di ruolo nel mondo di Runeterra non ha alcuna garanzia di uscita secondo le parole del produttore principale.

Sommario

  • “Non lo sai finché non lo sai”
  • Un enorme universo che si sta espandendo enormemente

“Non lo sai finché non lo sai”

Formalizzato per la prima volta alla fine del 2020, il gioco di ruolo online multiplayer di massa di Riot sta facendo di nuovo notizia. Per quanto riguarda il suo annuncio, è sempre Greg Street a comunicare sul MMORPG in fase di sviluppo negli studi del creatore di League of Legends. Greg Street, ex game designer di Age of Empires ed ex capo progettista del sistema su World of Warcraft, ha pubblicato un tweet che non è riuscito a rassicurare i giocatori sullo stato del gioco:

Non vi è alcuna garanzia che il gioco verrà rilasciato. Siamo ottimisti, ma non lo saprai finché non lo saprai. Supponendo che il gioco esca, questo sarà il terzo franchise importante su cui ho lavorato, e probabilmente l’ultimo. E per me va bene. Sarà una buona conclusione.

In risposta a questi commenti, i fan sono necessariamente preoccupati. Una preoccupazione sempre stemperata da Greg Street, che fa notare che “le cose stanno andando bene, ma le aspettative di Riot e dei giocatori sono alte

Un enorme universo che si sta espandendo enormemente

LoL: L'MMO ambientato a Runeterra non ha

Progetto F

Non per niente possiamo stimare che l’ambizione di trasformare l’intero universo di Runeterra (13 regioni, 159 campioni in League of Legends, ecc.) in un MMO delle dimensioni di un World of Warcraft sia terrificante. † Un desiderio manifestato sin dal 2019 e dal decimo anniversario di League of Legends: in questa occasione Riot ha annunciato il gioco di carte Legends of Runeterra, la versione mobile di LoL chiamata Wild Rift e altri progetti. Tra questi, il Progetto A è conosciuto oggi come Valorant, ma non è ambientato nell’universo di Runeterra. Al contrario, sono previsti anche Project F e Project L, rispettivamente hack’n’slash e versus fighting.

Oltre ai giochi sviluppati da Riot, tre produzioni sono servite di recente ad espandere l’universo di LoL. Pensiamo ovviamente ad Arcane, la serie Netflix dei francesi di Fortiche, che ha riscosso successo agli ”Annie Awards”. Ci sono anche i giochi Ruined King e Hextech Mayhem, due giochi pubblicati da Riot che mettono i campioni di League of Legends al centro della loro storia. Altri progetti su questo argomento sono in corso e previsti per il 2022: Conv/Rgence presenta Ekko in un gioco platform 2D, mentre Song of Nunu colloca Nunu e Willump in un gioco di azione/avventura.

In ogni caso, il programma è più che caricato sul lato Riot per espandere l’universo di Runeterra. Un calendario serrato, la cui prima fase dovrebbe iniziare a maggio: è dalla parte del gioco di carte Legends of Runeterra che vede una revisione della sua modalità PvE con una versione 2.0.

Profilo di CharlanMhg, Jeuxvideo.com

Attraverso Charlan MhgScrivi su jeuxvideo.com

PMTwitter

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

In Brasile, Lula nomina una figura di destra per il suo futuro biglietto presidenziale

Will Smith bandito dalle cerimonie degli Oscar per 10 anni