in

L’OMC preoccupata per la frammentazione del commercio mondiale

Ngozi Okonjo-Iweala, direttore dell'Organizzazione mondiale del commercio, a Ginevra, Svizzera, martedì 12 aprile 2022.

Non sorprende che la guerra in Ucraina e i recenti blocchi in Cina abbiano spinto l’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) a rivedere le sue previsioni per la crescita del commercio di merci nel 2022 al 3%, dal 4,7% precedente. Tuttavia, queste previsioni, pubblicate martedì 12 aprile, sono molto incerte in quanto si collocano in un range molto ampio, compreso tra lo 0,5% e il 5,5%.

“Nonostante le loro piccole quote nel commercio mondiale e nella produzione, Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime essenziali, inclusi cibo, energia e fertilizzanti”, osserva l’organizzazione, con sede a Ginevra. I due paesi rappresentano il 2,5% del commercio mondiale, ma forniscono il 25% delle forniture di grano e il 45% dei prodotti di girasole. Queste carenze, che a loro volta portano a prezzi alimentari più elevati, potrebbero essere esacerbate dalle restrizioni all’esportazione in altri paesi. Questo “minacciando milioni di persone di fame e povertà”secondo l’OMC, che chiede “cooperazione internazionale” per garantire la libera circolazione dei prodotti agricoli. “Non è il momento di chiuderci in noi stessi. In una crisi, sono necessari più scambi per garantire un accesso stabile ed equo ai bisogni di base”. ha insistito il direttore dell’organizzazione, Ngozi Okonjo-Iweala.

Sanzioni economiche

Nonostante queste incertezze, l’OMC richiama l’attenzione sulla trasformazione in corso del panorama del commercio mondiale, sconvolto da due shock successivi: la pandemia globale, che ha interrotto le catene di approvvigionamento, e la guerra in Ucraina, che ha derubato parte del mondo delle sue scorte di prodotti agricoli. prodotti. merce. L’organizzazione teme innanzitutto a “frammentazione” commercio mondiale “blocchi geopolitici” che potrebbe portare le aziende a riorganizzare le loro catene di approvvigionamento per affrontare questi rischi e disaccoppiare le economie. “Ciò potrebbe ridurre il PIL globale di circa il 5% a lungo termine, principalmente limitando la concorrenza e soffocando l’innovazione”. stimare l’impostazione in una nota recente.

“La logica a blocchi non è ancora installata, anche se le preoccupazioni geopolitiche sono più importanti nelle relazioni commerciali, tempera Sébastien Jeantitolare della cattedra di economia industriale presso il Conservatorio Nazionale delle Arti e dei Mestieri (CNAM), e la logica politica si applicherà solo a determinati settori considerati strategici. †

Hai ancora il 51,59% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

gli appunti dei candidati e il riassunto dell’episodio 7

I valori seguiranno domani alla Borsa di Parigi – mercoledì 13 aprile 2022 – 04/12/2022 alle 18:25.