in

Lucie Berthier Gembara eliminata da Top Chef

Lucie Berthier Gembara è stata eliminata da Top Chef mercoledì 21 aprile. Scopri i motivi della sua partenza.

[Mis à jour le 21 avril 2022 à 23h39] Lucie Berthier Gembara è stata eliminata dalla stagione 13 di Top Chef dopo dieci settimane di gara. All’inizio, il giovane chef ha lottato per andare d’accordo con Arnaud, l’altro membro della brigata di Glenn Viel, al processo delle patate di Heston Blumenthal.

Lucie è stata quindi inviata al secondo turno, dove ha dovuto sublimare gli agrumi. Purtroppo la sua proposta non è bastata a qualificarla e la giovane ha abbandonato definitivamente la competizione. †È stata una bella esperienza e ricorderò molte cose belle, come dare i brividi a Massimo Bottura”. rispose il giovane chef. “Ma ho l’amaro perché finisce troppo presto.”

La sua intervista al Journal des Femmes

La redazione del Journal des Femmes ha quindi voluto saperne di più Lucie Berthier Gembarale sue aspirazioni e le ragioni della sua partecipazione top Chef† E vedrai, la giovane donna a volte riserva qualche sorpresa!

Non ha sempre voluto cucinare

A differenza di molti chef, Lucie non ha sempre voluto lavorare in cucina. “Ne ho sempre avuto una passione, ma non pensavo di farne il mio lavoro… Mi interessavano di più le arti visive”, lei ci spiega. Il click è arrivato dopo, quando la giovane viveva a San Diego, negli Stati Uniti. “Ero uno studente di marketing della comunicazione e non avevo passione per quello che facevo. Lì cucinavo molto per i miei coinquilini e quando sono tornato in Francia mi sono detto che c’era qualcosa da fare. Così ho iniziato un secondo corso per studenti presso l’Istituto Paul Bocuse di Lione”.

Ha lavorato con due chef a tre stelle

I migliori telespettatori di chef lo sanno: quando era più giovane, Lucie ha lavorato presso il ristorante AM di Alexandre Mazzia a Marsiglia, che ha vinto la sua terza stella nella Guida Michelin nel 2021. Ma non è tutto! Mentre viveva a Marsiglia, il giovane chef ha lavorato anche con Gérald Passédat, nel suo ristorante a tre stelle Le Petit Nice.

Avrebbe potuto essere un allenatore

Dopo la sua avventura a Marsiglia, Lucie Berthier Gembara si è rifocalizzata per diventare una formatrice per ristoratori. La vita alla fine l’ha spinta ad altri progetti.

Gestisce il suo ristorante Sepia a Nantes

Dopo la sua permanenza a Marsiglia, Lucie Berthier Gembara ha dato alla luce suo figlio e non ha lavorato per due anni. Dopo questo periodo, la giovane chef decide di tornare nell’ovest della Francia e aprire il suo primo ristorante, Sepia, nel cuore di Nantes.

La sua cucina è influenzata dal suo tempo a Marsiglia

Nel suo ristorante Sépia, Lucie propone piatti del mercato, realizzati con prodotti locali acquistati in corto circuito. Nel piatto, la giovane chef ha riportato le tracce della sua vita marsigliese con piatti dagli accenti mediterranei.

Non ha esitato un attimo a partecipare a Top Chef

Un anno fa, Lucie ha ricevuto un messaggio dalla produzione di Top Chef su Instagram chiedendole se le sarebbe piaciuto partecipare al casting dello spettacolo. “All’inizio pensavo fosse uno scherzo, non ci credevo affatto! Quando ho capito che era vero, non ho esitato un attimo. Mi sono detto di cogliere l’occasione!”

Conosce bene Sarah Mainguy

Lucie conosce un altro chef di Nantes, finalista della Stagione 12 di Top Chef: Sarah Mainguy† Quest’ultimo gli ha dato anche molti consigli, in particolare per gestire al meglio l’effetto “Top Chef” sulle prenotazioni nel suo ristorante. “Abbiamo un software che può aprire le prenotazioni solo per il mese in corso. Impedisce alle persone di sentirsi frustrate perché non possono venire a mangiare per diversi mesi”, Ce lo spiega Lucia.

Il pollo mamé à la carte Seppia

Qualche settimana fa, Lucie si è particolarmente distinta durante la prova del pollo arrosto di Alexandre Gauthier, tanto che da questa settimana lo chef propone il suo piatto, Puolet de Mamé, nel menu del suo ristorante Sepia. “Cambiamo le formule per liberare la creatività e questa tavola si inserisce perfettamente nel menu di Omakase.”

Glenn Viel l’ha aiutata a lasciarla andare

Il concorso Top Chef ha aiutato Lucie ad acquisire sicurezza e a farsi carico della sua cucina. Il suo capo brigata Glenn Viel non è estraneo a questo lasciarsi andare. “E’ una persona molto benevola, mi ha dato fiducia in tante cose e soprattutto ha ribadito che avevo il diritto di essere quello che ero”.

Ha un tatuaggio in comune con gli altri candidati

Come ci ha detto un’altra candidata, Tania Caddedu, la maggior parte dei candidati per la stagione 13 di Top Chef ha un tatuaggio in comune. È il caso di Lucie che, come tante altre, ha accettato di farsi tatuare la parola “Treize” dalla sua amica Louise. “È iniziato con un grande delirio! È una follia che rappresenta bene la nostra avventura, eravamo tutti molto uniti”, assicura Lucia.

Fu sollevata nel parlare con Alexandre Mazzia

Se l’arrivo sul set di grandi chef ospiti ha impressionato Lucie, la giovane sperava soprattutto di rivedere Alexandre Mazzia. Quest’ultimo le aveva offerto un lavoro nel suo ristorante, cosa che il giovane chef aveva rifiutato, prima di partire la sera senza spiegazioni. Un errore giovanile di cui Lucie ha voluto scusarsi, cosa che ha potuto fare quando è arrivato lo chef tre stelle. “Mi ha fatto molto bene, sono stato davvero felice di rivederlo. Era qualcosa che ho portato con me per molto tempo e pronunciarlo mi ha liberato”.

le piace il coriandolo

Il peccato carino di Lucie? coriandolo ! “Mi piace mangiarlo semplice con pane e burro… Provalo, è buonissimo a colazione o come aperitivo”, lei ci sostiene. “Li ho ogni settimana dal mio giardiniere del supermercato che mi consegna enormi grappoli”, lei gioisce.

Guarderà lo spettacolo insieme agli altri candidati

Il mercoledì sera, Lucie non ha tempo per guardare gli episodi di Top Chef. Ma ha intenzione di recuperare il ritardo durante un incontro con gli altri candidati. “Vorremmo vederlo insieme quando la trasmissione sarà finita”lei ci dice.

Trovate Lucie Berthier Gembara ogni mercoledì sera da Top Chef, ma anche nel suo ristorante Sepia, al 1 quai de Turenne a Nantes.

Qual è il background di Lucie Berthier Gembara?

A differenza di molti altri chef, Lucie Berthier Gembara, 32 anni, ha iniziato il suo tirocinio relativamente tardi. È stato dopo un master in commercio internazionale mentre vivevamo negli Stati Uniti che abbiamo cliccato. “Ho lavorato nel marketing come project manager, ma non mi piaceva moltoI suoi coinquilini apprezzano molto la sua cucina e decide di seguire il suo profondo desiderio… “Ho colto l’occasione per tornare ai miei studi per iniziare”† Quindi cambia rotta e dirigiti verso Lione, dove è entrata a far parte dell’Istituto Paul Bocuse. La sua prima esperienza in cucina è stata difficile, in una brigata dove soffriva di sessismo e persino di bullismo. “Ho preso molto su me stesso. Sapevo che questi stage sarebbero durati solo un po'”.

Ha continuato la sua carriera con Gérald Passédat in Le Petit Nice (tre stelle), poi con Alexandre Mazzia a Marsiglia (anche tre stelle), che descrive come un padre spirituale. Ma Lucie potrebbe essere ancora troppo immatura e quando lo chef le offre di assumersi delle responsabilità nel suo locale, va nel panico e se ne va. Oggi se ne pente e sogna di potergli mostrare che è cambiata. Nel frattempo è tornata a Nantes, vicino alla sua famiglia, ha dato alla luce un figlio e nel luglio 2019 ha aperto il suo ristorante Sepia. sviluppare un conservificio per recuperare i resti della produzione. Sogna anche di espandere la sua brigata. Questa edizione di Top Chef potrebbe dargli un’altra possibilità di crescere…

Dov’è il ristorante di Lucie Berthier Gembara?

Il Sepia si trova a Nantes, nel quartiere di Bouffay. Il nome deriva da un ricordo d’infanzia: da bambina, Lucie trascorreva le vacanze estive con il nonno, ristoratore, pescando calamari nella conca di Arcachon. Insieme, mentre preparavano i calamari, tenevano il sacchetto contenente il nero, il seppia, per colorare il riso e la pasta.

Qual è il suo tipo di cucina?

Lucie è impegnata a discutere per una cucina ben ragionata. Riceve le sue forniture nel suo ristorante solo da coltivatori locali e tende a non sprecare nulla. Il suo menù propone piatti precisi e delicati, con predominanza di piante, che lei adora, ma anche note marine e influenze mediterranee, frutto del suo passato marsigliese. “Le erbe aromatiche, tracce della cucina provenzale e più in generale levantina sono il DNA dei miei piatti”† In Top Chef non esiterà a confermare i suoi preconcetti: “Quello che voglio è scontrarmi con i capi

Il suo Instagram

Sul suo account @lucieberthiergembara, a Lucie piace mettere in evidenza i meravigliosi prodotti con cui lavora e salutare i suoi produttori (un ringraziamento speciale ai suoi polli, Opot e Nugget). Mette principalmente immagini dei suoi piatti altamente grafici, ovviamente in stoviglie di ceramica, realizzate da artigiani locali. Durante le nascite, il suo ristorante ha continuato ad operare da asporto e cucinare pasti per accontentare i custodi. Convalidiamo anche in vassoi di cartone!

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Kyrie Irving sottolinea la continuità dei Celtics

un sospetto accusato in Germania su richiesta del Portogallo