in

Notizie BMW: Chris Bangle, torna presto!

Chris Bangle è stato insultato, odiato e snobbato nella migliore delle ipotesi dai fan del marchio BMW quando ha assunto la carica di capo del design per l’azienda. O meglio, qualche anno dopo, quando uscirono i primi modelli disegnati da lui o dal suo team sotto la sua supervisione.

Perché nel 1992, quando arriva, cita all’unanimità l’uscita della Serie 3 E36, Serie 5 E39, Serie 7 E38, che non può essere considerata eccentrica, e la roadster Z8 presentata nel 1999, per una volta con stile. Ma niente che esca dal suo tratto di matita.

Questo è stato seguito dal primo SUV del marchio, il codice X5 E53, uscito alla fine del 1999. La prima, ancora timida, da “Flame surfacing”, i cui primi veri rappresentanti saranno la Serie 7 e la Z4, ci occuperemo più avanti. Ma ancora una volta, sta passando la stanza con i clienti e l’X5 è un vero successo commerciale. Se ci poniamo accanto a questo primo X5 E53, l’attuale X5 (G05), indovina quale è il meno scioccante?

L'X5 sotto la supervisione di Chris Bangle.
L’X5 sotto la supervisione di Chris Bangle.
L'X5 di oggi.
L’X5 di oggi.

No, dove ha davvero iniziato a ringhiare è stato quando è uscito il nuovo codice della serie 7 E65/E66. Per competere con la Mercedes Classe S e l’Audi A8, la BMW ha dato carta bianca a Chris Bangle e ai suoi team per realizzare il nuovo, l’originale. Ed era lontano, prima di allora. Quando è stato rilasciato nel 2001, la quarta generazione della serie 7 di Bangle ha suscitato scalpore. La clientela è conservatrice, l’auto innovativa, con i suoi fari a forma di onda e il suo baule a becco d’anatra… Sarà anche un semi-flop. Ma se mettiamo a caso la nuova Serie 7 che è stata appena presentata accanto ad essa, saremo tentati di concludere che quella del 2001… in realtà aveva molto senso.

La Series7 E65 del 2001 ha causato uno scandalo.  Tuttavia...
La Series7 E65 del 2001 ha causato uno scandalo. Tuttavia…
Eppure quella del 2022 è molto più eccentrica.
Eppure quella del 2022 è molto più eccentrica.

Dopo la Serie 7, Bangle affronta la Serie 5 e ha rilasciato l’E60 nel 2003, ancora una volta criticato per il suo stile. Ma se c’era qualche critica, era principalmente a causa della qualità della finitura, che era straordinariamente ragionevole. Perché in termini di stile, oggi possiamo dire che si adatta abbastanza bene al paesaggio e che è invecchiato bene. L’attuale Serie 5 (G30), in mezzo a una foresta di giganteschi fagioli doppi, si distingue per una calandra in contrasto con le sue misurate dimensioni, e rimane a nostro avviso una delle BMW più belle del momento.

La Serie 5 E60 del 2003, aspramente criticata per la sua presentazione.
La Serie 5 E60 del 2003, aspramente criticata per la sua presentazione.
L'attuale Serie 5 G30, che riteniamo sia una delle BMW più belle di oggi.
L’attuale Serie 5 G30, che riteniamo sia una delle BMW più belle di oggi.

Sempre nel 2003 viene lanciata la roadster Z4 E85, successore della Z3, che ottiene un enorme successo. Lo Z4 è un prodotto Bangle puro e rappresentativo della superficie Flame, con pannelli molto piatti e giunti del corpo originali. E piega a forma di Z. Possibilmente visivamente inquietante quando esce, oggi è quasi considerato un esempio di purezza. L’attuale Z4 (3a generazione G29) è molto più atletico e muscoloso. Non brutto, no, ma chiaramente meno puro. Tuttavia, non ha comportato un rifiuto (o meno), a differenza del primo Z4 del nome.

La prima Z4 di nome, con uno stile che dava fastidio, ma non più.
La prima Z4 di nome, con uno stile che dava fastidio, ma non più.
L'attuale Z4 è più muscoloso, ma meno discusso.
L’attuale Z4 è più muscoloso, ma meno discusso.

Nel 2004, Bangle ha anche firmato il primo rappresentante della BMW nel segmento delle berline compatte, la Serie 1 E87. E se il suo stile non provoca troppe critiche, per il momento rimarrà molto caratteristico. Ma che dire della Serie 1 di oggi (F40), i cui chicchi di griglia sono cresciuti in modo sproporzionato, per rovesciarsi sul cofano? Troppo l’ultima Serie 1? Tuttavia, non è firmato Bangle!

La prima Serie 1, firmata Chris Bangle.  Finalmente abbastanza sensato.
La prima Serie 1, firmata Chris Bangle. Finalmente abbastanza sensato.
L'attuale Serie 1 ha chicchi griglia fuori misura per le sue dimensioni.
L’attuale Serie 1 ha chicchi griglia fuori misura per le sue dimensioni.

Poi, nel 2005, Bangle ha firmato la nuova Serie 3 E90 e le sue derivate Touring E91, Coupe E92 e CC E93. Non c’è molto da dire se non che, dopo un design estremamente classico e fluido per la precedente generazione E46, i fan del modello stanno un po’ rabbrividire. Ma nonostante tutto, ha venduto bene e oggi sembra completamente nell’era del suo tempo. Questo è anche il caso dell’attuale G20 della serie 3, che, come la serie 5, non ha ceduto alla moda del fagiolo gigante. Una buona cosa.

La serie 3 secondo Chris Bangle (E90).
La serie 3 secondo Chris Bangle (E90).
L'attuale Serie 3 (G20).
L’attuale Serie 3 (G20).

Non dimentichiamo che il controverso Bangle ha anche firmato il coupé e la deccapottabile Serie 6 del 2004 (E63/E64). Applicando alcune ricette della Serie 7 E65, ovvero l’ottica wave e un tronco “a becco d’anatra”. È vero che fece molto parlare all’epoca, soprattutto dopo una prima generazione, ferma da almeno 16 anni, che a suo tempo stava bene, e una serie 8 che è considerata un capolavoro dai puristi. Ma che aspetto ha l’attuale Serie 6? È una grande coupé a 4 porte, con una parte posteriore particolarmente brutta.

La serie 6 progettata da Bangle, che ha suscitato scalpore quando è stata rilasciata.
La serie 6 progettata da Bangle, che ha suscitato scalpore quando è stata rilasciata.
Ma oggi non è necessariamente migliore... E non è più una vera coupé.
Ma oggi non è necessariamente migliore… E non è più una vera coupé.

Chiudiamo con un’antologia di modelli attuali, che all’epoca di Bangle non avevano equivalenti in gamma. Possiamo solo notare l’overbidding quasi ridicolo nelle dimensioni delle griglie e dei loro fagioli. Presto bloccheranno la visuale e si trascineranno a terra. Esageriamo, ma difficilmente. Stiamo avendo un po’ di problemi con questo nuovo stile, anche se cerchiamo di essere obiettivi…

Anche la BMW Serie 4 G22, che ha fatto scorrere molto inchiostro con i suoi denti di coniglio
La BMW Serie 4 G22, che ha fatto scorrere molto inchiostro con i suoi denti di coniglio, nota anche come “muso di maiale”.
La BMW X7, che è stata anche una delle prime a dirlo
La BMW X7, che è stata anche una delle prime a dire che “basta abbastanza”, a livello delle dimensioni dei chicchi della griglia.

La BMW X6.
La BMW X6.
La BMW iX.
La BMW iX.

Tutto questo ci fa quasi dire, come fanno molte persone nostalgiche, “torna Chris Bangle, torna… Non era poi così male quando eri lì. Ci dispiace di averti urlato contro. Eri, infatti , un visionario. . . .”. Esagerato? Sì. Ma forse non tanto quanto le attuali eccentricità stilistiche del marchio!

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Rudy Giuliani smascherato nell’americano “Mask Singer”, uno degli animatori lascia il set

Xbox: Mario arriva su console in un nuovo (e terribile) gioco