in

Numeri veri su contagi, vaccinazioni… Dov’è l’Africa subsahariana alla luce del virus dopo due anni di pandemia?

È stato probabilmente il continente che ha suscitato più paura all’inizio della pandemia. Capacità di screening e sequenziamento ridotte, accesso limitato ai vaccini anti-Covid… Come ha affrontato l’Africa la pandemia di coronavirus con un arsenale di servizi igienico-sanitari limitato?

Secondo i dati ufficiali, il temuto maremoto e il massacro – fortunatamente – non si sono concretizzati. Come spiegarlo? Le cifre citate sono davvero rappresentative? 20 minuti Fai il punto.

Numeri bassi, ma indicatori inaffidabili

Sulla carta, l’Africa è ad oggi il continente meno colpito dalla pandemia. Dei quasi 494 milioni di contagi e di oltre 6,1 milioni di decessi ufficialmente registrati sul pianeta, l’Africa subsahariana ha poco meno di 8 milioni di casi e meno di 165.000 decessi, secondo gli ultimi dati del centro epidemiologico Epicenter, affiliato alle Nazioni Unite ONG Medici Senza Frontiere (MSF).

Cifre che per più della metà dei casi riguardano solo il Sud Africa, ad oggi il Paese del continente che ha pagato il prezzo più alto. Lo stato, che ha una popolazione di 59 milioni, ha registrato oltre 3,7 milioni di persone infette dal coronavirus, che ha causato la morte di oltre 100.000 sudafricani, secondo i dati del National Institute of Diseases. Tuttavia, i ricercatori stimano che il numero effettivo di vittime potrebbe essere tre volte superiore. I dati del South African Medical Research Council mostrano che ci sono state più di 300.000 morti naturali aggiuntive dall’inizio della pandemia.

D’altra parte, le cifre per il resto del continente sono così basse da sollevare interrogativi. Come la Nigeria, il Paese più popoloso dell’Africa con 215 milioni di abitanti, che ha registrato ufficialmente appena 260.000 casi in due anni, di cui 3.142 morti.

Ampia circolazione asintomatica

Numeri così bassi da far pensare che siano probabilmente sottovalutati. Quindi, nel tentativo di ottenere un quadro più accurato della pandemia nell’Africa subsahariana, il centro epidemiologico Epicenter ha condotto indagini sulla sieroprevalenza in sei paesi: Camerun, Kenya, Mali, Niger, Repubblica Democratica del Congo (RDC) e Sudan – per valutare la percentuale della popolazione che è già stata in contatto con il virus. E i risultati, resi pubblici a dicembre 2021, mostrano che il Covid-19 è infatti molto diffuso in tutto il continente.

Ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che dall’inizio della pandemia in Mali, quasi un quarto della popolazione ha contratto il corona virus, mentre secondo i dati ufficiali lo 0,07% delle persone è risultato positivo. In Niger i dati ufficiali mostrano che lo 0,02% della popolazione è infetto, ma in realtà il 42% dei nigeriani è stato in contatto con il Covid-19. Lo stesso vale in Sudan, dove quasi il 34% della popolazione è contagiata, contro lo 0,08% secondo i dati ufficiali.

Come spiegare questa discrepanza? A causa di “una storia di scarso utilizzo dei servizi sanitari in Africa, che solleva timori di sottostima dei casi, scarsa disponibilità di dati oggettivamente verificabili sull’epidemia in Africa, dove la mortalità rimane sconosciuta, e scarso accesso alle diagnosi dei test”, ha riassunto Salha up Issoufou, Direttore delle operazioni mediche di MSF per l’Africa occidentale e centrale, durante il webinar che presenta i risultati di questi studi sulla sieroprevalenza.

Ma anche per una circolazione del virus a bassa rumorosità, all’interno di una popolazione giovane che potrebbe contrarre il Covid-19 senza sviluppare il minimo sintomo. “La percentuale di persone asintomatiche è molto più alta in Africa. Non sentono il bisogno di sottoporsi al test”, ha affermato Yap Boum, rappresentante di Epicenter Africa. Il virus è circolato “notevolmente” nel continente, ma ha generato “forme meno gravi che altrove”.

La pandemia sotto controllo nel continente nel 2022

Nonostante questi dati irregolari, l’OMS è ottimista sul futuro ed è fiduciosa che la pandemia in Africa sarà sotto controllo entro il 2022. In molti paesi del continente la contaminazione sta diminuendo, il che significa che, come in Francia a metà marzo, le ultime restrizioni verranno revocate. Esempio con la Guinea Equatoriale, in Africa centrale, che revoca il coprifuoco di 13 mesi il 22 marzo. Lunedì, il Sudafrica, attraverso il suo presidente, Cyril Ramaphosa, ha a sua volta annunciato la revoca di tutte le restrizioni, sottolineando che era giunto il momento di rilanciare la crescita poiché il numero di nuove infezioni e decessi da metà febbraio è diminuito in modo significativo. Secondo il leader, il tasso di mortalità è sceso da una media giornaliera di 420 nel luglio 2021 a soli 12 nell’ultima settimana. “Speriamo che il peggio sia passato e che arrivino giorni migliori”, ha detto.

Il giorno successivo, è stato il governo nigeriano a revocare la maggior parte delle restrizioni, compresi il coprifuoco e le restrizioni alla raccolta imposte all’inizio dell’epidemia. “La risposta al Covid-19 è stata rivista, ha detto la presidenza, tenendo conto della riduzione del numero di casi e del rischio che nuove varianti arrivino nel territorio, nonché della disponibilità di vaccini” nel Paese.

Per ora, l’Africa rimane la lanterna rossa del mondo quando si tratta di vaccinazione. “Anche se è in ritardo, con solo l’11% della popolazione adulta completamente immunizzata, ora abbiamo una fornitura regolare di dosi”, ha affermato il dott. Matshidiso Moeti, Direttore Regionale dell’Oms per l’Africa, a metà febbraio. Per Yap Boum, più che vaccinare l’intera popolazione, la priorità deve essere quella di adattare la strategia di vaccinazione alla realtà sul campo. Con la maggioranza dei casi nei giovani che sviluppano forme con pochi o nessun sintomo, “ci si può chiedere se sia necessario somministrare i vaccini in modo uniforme, il motivo è principalmente quello di evitare le patologie più gravi, come indicato dal Mondo† I vaccini sono essenziali per i soggetti più a rischio, cioè gli anziani o quelli con fattori di co-morbilità”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Xiaomi Redmi Note 11 Pro 5G test: l’efficienza c’è sempre

MADiSON: Il gioco horror ispirato a Project Zero anticipa la sua data di uscita