in

perché la data del 9 maggio è così importante per Vladimir Putin

Celebrazioni del 9 maggio nella Piazza Rossa, Mosca, nel 2021.

Il Cremlino mirerebbe a una grande vittoria militare in Ucraina entro il 9 maggio? “Il 9 maggio è una festa nazionale per la Russia, un appuntamento militare importante ed è quasi sicuramente quello per il presidente”. [Vladimir] Putin, il 9 maggio deve essere il giorno della vittoria” contro l’Ucraina, Emmanuel Macron ha consegnato l’8 aprile al microfono di RTL.

Perché questo termine? Come sottolinea il presidente francese, il 9 maggio in Russia ricorre l’anniversario della capitolazione della Germania nazista dopo l’ingresso dell’Armata Rossa nella capitale della IIIe Reich, documento firmato esattamente l’8 maggio 1945 alle 23:01 a Berlino, cioè il 9 maggio all’1:01 ora di Mosca.

Per commemorare questa vittoria e lo sforzo bellico sovietico contro la Germania, Vladimir Putin, come i suoi predecessori prima di lui, fa un discorso ogni anno seguito da una parata militare all’ombra del Cremlino per mostrare la potenza russa. Nel 2015, in occasione degli anni 70e anniversario della fine della seconda guerra mondiale, 16.000 soldati hanno preso parte al corteo faraonico in ricordo del “Grande Guerra Patriottica”

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Conflitto in Ucraina: Vladimir Putin, Lonely Warlord

Nel contesto attuale, Mosca afferma di combattere “nazisti” in Ucraina questa data permetterebbe così di tracciare un parallelo con la vittoria del 1945, altro campo di battaglia caro al Cremlino.

Sforzi concentrati nel Donbass

Un’ipotesi sostenuta anche dall’altra parte dell’Atlantico dall’intelligence statunitense, citata dalla CNN. L’intelligence americana intercettata suggerisce che Vladimir Putin si sta concentrando sul 9 maggio “Giornata della vittoria” dalla Russia, secondo uno dei funzionari.

[Les Russes] concentreranno i loro sforzi nel Donbass, nelle prossime settimane affronteremo scene molto difficili” in questa regione dell’Ucraina orientale, Emmanuel Macron ha governato da parte sua. L’obiettivo finale del presidente russo “è, era e sarà per prendere il controllo dell’Ucraina, ma ha fallito, venerdì con la CNN ha analizzato l’ex primo ministro ucraino, Arseny Yatsenyuk† È fallito a causa di una fortissima determinazione dell’esercito ucraino, di una fortissima unità dell’Ucraina e del mondo occidentale, e delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti, dal G7 e dall’Unione Europea. Ora, per quanto ne so, [Vladimir] Putin è passato al piano B. Credo che questo piano B abbia una sorta di scadenza. Questa scadenza è il 9 maggio. †

Leggi anche: Guerra in Ucraina: Kiev si aspetta un’offensiva russa nell’est del Paese “molto presto”

“L’obiettivo della Russia sembra essere quello di conquistare completamente il Donbass” [dont Marioupol] entro il 9 maggio”, pullula di colonnello e storico militare Michel Goya, nella sua situazione del 10 aprile. E se la cattura dell’intero Donbass entro il 9 maggio sembra difficile, la presa di Mariupol, grande città portuale sotto assedio a costo di un disastro umanitario, potrebbe essere presentata come una vittoria. Inoltre, la presa di Mariupol consentirebbe ai russi di consolidare le loro conquiste territoriali sulla fascia costiera lungo il Mar d’Azov collegando la regione del Donbass alla penisola di Crimea, che hanno annesso nel 2014.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti “La guerra russa in Ucraina è entrata in una nuova fase, militarmente, ideologicamente e geopoliticamente”

“Una guerra esistenziale”

L’esercito russo sarà quindi sotto pressione per ottenere risultati entro il 9 maggio, giorno festivo in cui la popolazione russa indosserà il nastro di San Giorgio, una decorazione militare del Paese.

“La Russia non può permettersi di perdere”stimava, il 2 aprile, Sergei Karaganov, presidente onorario del Consiglio per la politica estera e di difesa russa, vicino a Vladimir Putin. La posta in gioco per l’élite russa è molto alta, per loro questa è una guerra esistenziale”ha spiegato in un’intervista al sito New Statesman. “È una specie di guerra per procura tra l’Occidente e ‘il residuo’ per il futuro ordine mondiale: la Russia è, come è stata nel corso della storia, l’apice del ‘residuo’. †

Altri funzionari statunitensi, citati dalla CNN, notano che mentre c’è una celebrazione russa, una vera vittoria potrebbe essere più lontana nel tempo. “Putin terrà una parata per la vittoria il 9 maggio indipendentemente dallo stato di guerra o dai colloqui di pace”, ha detto un funzionario della difesa europea. Ma “una parata della vittoria con quali truppe e quali veicoli? † Lui si chiede.

“Questo è l’obiettivo” [de s’emparer du Donbass] è stato raggiunto – il che sembra improbabile [d’ici le 9 mai] – o no, dovremmo assistere a un appiattimento delle operazioni in questa data, con i due avversari privi delle capacità offensive per alterare in modo significativo la prima linea. Questo livello può assumere la forma di un cessate il fuoco seguito da negoziati, indubbiamente sterili, o quello di una guerra latente. Vedremmo poi un’altra fase offensiva più tardi, una volta che una delle due parti ha abbastanza risorse per provare.suggerisce Michel Goya.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Guerra in Ucraina: come Vladimir Putin riscrive i fatti per giustificare l’invasione

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Pirenei Orientali: Booder, Arnaud Ducret, Gérémy Crédeville… scopri il programma del F’estival de Collioure di Mathieu Madénian

Elon Musk citato in giudizio dagli azionisti Twitter: guerra dichiarata