in

Picasso torna a Dakar

Questa mostra “Picasso a Dakar 1972-2022”, che si concluderà il 30 giugno, si terrà presso il Museo delle Civiltà Nere inaugurato il 6 dicembre 2018, sotto l’alto patrocinio dei Presidenti della Repubblica del Senegal e della Repubblica francese. Ha ricevuto il sostegno del Ministero della Cultura e delle Comunicazioni del Senegal, del Ministero della Cultura francese e dei team dell’Ambasciata francese e dell’Istituto francese di Dakar. Anche se Picasso non è mai venuto a Dakar, né altrove nell’Africa subsahariana, questa è la sua seconda mostra nella capitale senegalese. Sono esposte 40 opere d’arte, di cui 13 capolavori dell’artista spagnolo. Il ministro senegalese della Cultura e delle Comunicazioni, Abdoulaye Diop, lo considera un nobile precursore della commistione culturale.

El Hadji Malick Ndiaye, curatore del Théodore Monod Museum of African Art e uno dei curatori di questa mostra: “Picasso doveva tornare per rafforzare il grande patrimonio, ovvero quello dell’arte africana di dimensione universale e che un destino ha influenzato gli spagnoli gran maestro”. Quanto a Cécile Debray, Presidente del Museo Nazionale Picasso – Parigi, ritiene che nel 2022 questa mostra faccia parte dei “nuovi approcci all’apertura e al dialogo da costruire attorno a Pablo Picasso”. Uno studio del 1907 di Picasso per il dipinto “Les demoiselles d’Avignon”, una tela che avrebbe cambiato il corso dell’arte del XX secolo, vicina, ad esempio, a una maschera di Gouro Baoulé della Costa d’Avorio. Le somiglianze sono chiare. “Riconosciamo una grande vicinanza nel design del naso e nell’ovale degli occhi”, spiega Guillaume de Sardes, un altro curatore della mostra. Rappresentano i quattro musei partner, Hélène Joubert, capo dell’Africa Heritage Unit del Quai Branly Museum, El Hadji Malick Ndiaye, curatore del Théodore Monod Museum of African Art di Dakar e Ousseynou Wade.

“Picasso in Dakar 1972-2022” è il risultato della collaborazione tra il Museo Nazionale Picasso-Parigi, il Museo Quai Branly e il Museo d’Arte Africana Théodore Monod di Dakar. Una collaborazione che ha richiesto cinque anni di ricerca diversificata. Riunisce una quindicina di opere del pittore spagnolo, un prestito eccezionale dal Museo Picasso di Parigi, con creazioni africane di autori sconosciuti, in particolare maschere e sculture, nonché uno xilofono del Museo d’arte africana Théodore Monod di Dakar. Il curatore El Hadji Malick Ndiaye per questo xilofono evoca l’orgoglio che ogni africano dovrebbe provare quando vede un’opera anonima associata al nome di un artista come Picasso, “un senso di orgoglio per ciò che gli artisti del continente e la diversità di stili che hanno dato assurgere a nuove forme e coltivare l’arte moderna”.

Quanto a Fodé Camara, pittore senegalese, scenografo della mostra, ha ricordato con emozione la sera dell’inaugurazione della sua visita alla mostra “Picasso nel 1972” al Museo Dinamico di Dakar, dove sono state esposte oltre duecento opere dell’artista visualizzato sul display. da vedere. La politica culturale del presidente Léopold Sédar Senghor è stata particolarmente brillante. Inaugurato nel 1966, il dinamico museo è stato un punto culminante culturale sotto questa presidenza, esponendo in particolare Marc Chagall, Pablo Picasso, Fritz Hundertwasser, Pierre Soulages o Alfred Mannessier fino al 1977. La prima parte di “Picasso in Dakar 1972-2022” mostra audiovisivi e immagini che rievocano questa gloriosa epoca. Successivamente, il dinamico museo è stato trasformato in un centro africano per lo sviluppo e la ricerca di artisti dal vivo (Mudra-Afrique), creato da Maurice Béjart. Dal 1990 è sede della Corte di Cassazione.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Jennifer Lopez si è fidanzata con Ben Affleck, 20 anni dopo la prima proposta di matrimonio

i creatori assicurano che la stagione 4 risponderà a molte domande