in

“Quando i russi hanno visto che stavano per essere picchiati, hanno iniziato a violentare”

Lo testimonia uno psicologo ucraino che si prende cura delle vittime di violenze sessuali dall’inizio dell’offensiva russa.

Ci sono ancora testimonianze dell’uso dello stupro come arma di guerra da parte dei soldati russi. Diverse organizzazioni, tra cui la Ong Human Rights Watch, mettono in guardia sul fenomeno. Kateryna Haliant, psicologa clinica presso l’ospedale Dobrobut di Kiev, è ospite di BFMTV questo martedì, a sostegno delle donne vittime di stupro in Ucraina.

“Lavoro con donne tra i 16 ei 24 anni, quindi spesso minorenni. La maggior parte di loro proviene da Kiev, Boutcha o Irpin e sono state violentate da tre a cinque uomini”, spiega.

Quella che pochi giorni fa ha lasciato l’Ucraina stessa per recarsi in Estonia con la figlia, sta lavorando all’evacuazione dal Paese di queste donne vittime di stupro.

Una procedura simile

“Le donne che lo vogliono ottengono un aiuto psicologico, ma molte non possono parlarne”, continua Kateryna Haliant. Parla infatti di violentissimi e stupri “in modo umiliante”. Secondo lo psicologo, parlano tutti dello stesso modus operandi. In primo luogo, i soldati russi nelle città occupate avvistano le donne durante il giorno, uccidono gli uomini se necessario e tornano a casa di notte.

La testimonianza di Elena* (nome cambiato) lo attesta. La giovane madre è stata violentata per quasi 13 ore da due soldati russi a Kherson dopo essere stata identificata come la moglie di un soldato ucraino.

“Le prime settimane dell’invasione, i russi hanno raccolto informazioni su chi viveva nella casa e saccheggiato. Poi è arrivata la pressione. Quando i russi hanno capito che sarebbero stati respinti dall’esercito ucraino, hanno iniziato a violentare, soprattutto in loro assenza. degli uomini”, dice Kateryna Haliant.

pensieri suicidi

Ora è difficile conoscere il numero di donne ucraine che sono state vittime di violenze sessuali dall’inizio dell’offensiva russa. “Non ne parlano direttamente, spiega Kateryna Haliant. Solo quando si consultano perché non vogliono più vivere, scopriamo gli stupri”.

Pensieri suicidi che in effetti compaiono in molteplici testimonianze delle vittime. “Avrei preferito che mi uccidesse invece di fare quello che ha fatto”, ha detto Vera, una donna ucraina di 83 anni che ha detto a CBSNews di essere stata violentata da un soldato russo mentre suo marito disabile era alla Camera.

Kateryna Haliant spiega che dobbiamo “garantire la sicurezza di queste donne, in particolare facendole evacuare dall’Ucraina, assicurando poi la loro salute fisica e mentale e insegnando loro a conviverci”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Il candidato israeliano non si recherà a Torino

Zelda su PS5? Il suo rivale è già qui ed è in vendita!