in

Questa IA crea immagini e montaggi delle tue idee!

L’azienda OpenAI, specializzata in intelligenza artificiale, ha appena sviluppato una rete neurale in grado di generare immagini fotorealistiche. Una semplice frase di testo è sufficiente per creare quasi tutti i montaggi immaginabili.

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] Intervista: Come è nata l’intelligenza artificiale?
L’intelligenza artificiale mira a imitare il funzionamento del cervello umano, o almeno la sua logica quando si tratta di prendere decisioni. Jean-Claude Heudin, direttore del laboratorio di ricerca dell’IIM (Internet and Multimedia Institute), spiega l’origine di questa ricerca.

OpenAI ha appena rilasciato una seconda versione del suo intelligenza artificiale dedicato alla generazione di immagini. battezzato DALL-E 2 (pronunciato il pittore Dalí), è in grado di convertire una semplice frase di testo in un’immagine fotorealistica. La prima versione si accontentava di un disegno su uno sfondo semplice. Questa nuova IA crea composizioni molto più complesse.

OpenAI è un concorrente diretto di Mente Profonda da Google. Questa azienda dedicata all’IA è stata fondata, tra gli altri, da Elon Musk e gli investimenti ricevuti da Microsoft† Il DALL-E 2 assomiglia al Gaugan (pronunciato il pittore Gauguin…) di Nvidia, potendo prima convertire uno schizzo in un paesaggio fotorealistico e poi fare lo stesso da un frase di testo

Spiega come funziona DALL-E AI con molti esempi. (Abilita la traduzione automatica dei sottotitoli in inglese.) © OpenAI

L’IA può anche creare varianti di un’immagine esistente

Tuttavia, DALL-E 2 è molto più complesso della concorrenza perché non si accontenta dei paesaggi. L’IA può creare un’immagine che combina diversi elementi comuni, come ” un orsacchiotto che fa skateboard a Times Square “. Il sistema è basato su CLIP, una rete neurale da OpenAI addestrato su un gran numero di immagini con descrizione. Questa intelligenza artificiale è progettata per analizzare un’immagine e fornire una descrizione, ma qui esegue l’operazione opposta. Un secondo passaggio quindi decodifica il risultato del primo per creare un’immagine coerente.

Questo sistema a due stadi offre anche altre possibilità. L’IA può acquisire un’immagine esistente e sostituire un elemento, oppure creare una variazione ispirata all’originale regolando l’angolazione, la posa e l’aspetto del soggetto. Tuttavia, per prevenire abusi, l’IA non può generare immagini fotorealistiche di volti umani e l’azienda ha limitato la sua capacità di produrre immagini con contenuti per adulti o violenti.

Interessato a quello che hai appena letto?

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Gli Stati Uniti sono diretti verso una recessione!! » Editoriale di Carlo SANNAT

Valérie Damidot: i suoi rari segreti sugli interventi di chirurgia estetica che ha eseguito